Usa pronta a imporre sanzioni alla Palestina: in bilico il processo di pace con Israele

Views

Le minacce dell’amministrazione statunitense di tagliare gli aiuti ai palestinesi sono un nuovo approccio per imporre condizioni ai palestinesi per porre fine al prolungato conflitto israelo-palestinese, hanno detto gli esperti domenica. Le minacce sono un chiaro ricatto finanziario e politico volto a distorcere il braccio dei palestinesi per far accettare loro le richieste degli Stati Uniti di porre fine al conflitto con Israele, hanno detto gli osservatori. Venerdì, i media israeliani hanno riferito che gli Stati Uniti hanno congelato 125 milioni di dollari statunitensi di 346 milioni donati ogni anno all’agenzia delle Nazioni Unite che si prende cura dei profughi palestinesi dopo che il presidente palestinese Mahmoud Abbas si è rifiutato di impegnarsi in negoziati di pace con Israele. I tagli agli aiuti arrivarono pochi giorni dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump minacciò di farlo ai palestinesi se rifiutassero di tornare al tavolo dei negoziati con Israele. Su Twitter, Trump ha dichiarato martedì che “paghiamo ai palestinesi centinaia di milioni di dollari all’anno e non riceviamo alcun apprezzamento o rispetto, non vogliono nemmeno negoziare un lungo trattato di pace con Israele … con i palestinesi che non vogliono più parlare di pace, perché dovremmo fare questi enormi pagamenti ? ” In risposta, la presidenza palestinese ha condannato le minacce degli Stati Uniti, affermando che i negoziati e la vera pace dovrebbero essere basati sulla legittimità internazionale e araba. “Le minacce degli Stati Uniti mirano principalmente a sottoporre i palestinesi ai dettami degli Stati Uniti”, ha dichiarato Ahmed Awad, professore di scienze politiche presso la Beir Zeit University. Gli Stati Uniti hanno adottato una nuova politica basata sull’imposizione di sanzioni finanziarie e embarghi oltre alle minacce di uso della forza, che è estremamente un nuovo stile che non è mai stato utilizzato dalle precedenti amministrazioni degli Stati Uniti, ha detto Awad. “Gli Stati Uniti e Israele non cercano realmente di negoziare con gli arabi o i palestinesi, vogliono solo imporre le loro condizioni con la forza del denaro”, ha sottolineato. La parte palestinese, d’altra parte, dovrebbe anche seguire nuove politiche, ha detto Awad. I legami tra l’Autorità Nazionale Palestinese (PNA) e gli Stati Uniti sono peggiorati dal riconoscimento di Trump a Gerusalemme come capitale d’Israele, una mossa che ha fatto arrabbiare milioni di arabi e musulmani in tutto il mondo. I palestinesi vogliono che Gerusalemme Est sia la capitale del loro futuro stato indipendente, mentre Israele vuole che tutta Gerusalemme sia la sua capitale eterna. Mentre Israele ha assunto Gerusalemme Est dalla Giordania nella guerra del 1967 e ha dichiarato l’intera città come la sua eterna capitale indivisibile nel 1980, non è stata riconosciuta dalla comunità internazionale. I palestinesi insistono sul fatto che dovrebbero stabilire uno stato indipendente con Gerusalemme Est come capitale nell’insediamento finale. Sotto il precedente accordo di pace israelo-palestinese, lo status di Gerusalemme dovrebbe essere determinato attraverso i colloqui sullo status finale tra Israele e i palestinesi. Tutti i paesi hanno finora localizzato le loro ambasciate a Tel Aviv, al fine di promuovere il processo di pace israelo-palestinese. “Le politiche di Stati Uniti e Israele hanno bloccato la strada al serio processo di pace dopo che hanno apertamente affrontato i palestinesi e tutti i loro sostenitori”, ha detto Talal Okal, osservatore e scrittore politico di Gaza. Okal crede che i palestinesi dovrebbero mettere da parte le loro divergenze e adottare una strategia unitaria per contrastare le crescenti sfide che mettono in pericolo il futuro della causa palestinese. “La comunità internazionale dovrebbe sostenere i palestinesi con tutti i mezzi contro il ricatto degli Stati Uniti al fine di rendere la pace completa ed equa”, ha aggiunto Okal. I colloqui di pace tra palestinesi e israeliani sono stati bloccati dal 2014 a causa della continua espansione israeliana degli insediamenti ebraici nei territori palestinesi.

Usa pronta a imporre sanzioni alla Palestina: in bilico il processo di pace con Israele

MONDO, PRP Channel |