Venezuela: Antonov russo atterra a Caracas, sale la tensione con gli Usa

Views

I media russi hanno confermato che un aereo che trasportava 100 soldati russi è arrivato a Caracas sabato, alzando la tensione tra Washington e Mosca sull’aggravarsi della crisi in Venezuela. L’arrivo delle truppe russe nella capitale venezuelana è stato segnalato per la prima volta sabato mattina dal reporter venezuelano Javier Mayorca, che ha dichiarato su Twitter che due aerei militari russi erano atterrati  a Caracas. Il giornalista ha detto che un aereo cargo Antonov An-124 Ruslan appartenente all’aeronautica russa è stato visto  sull’aeroporto internazionale Simón Bolívar nella capitale venezuelana. Un altro velivolo più piccolo, che portava anche la bandiera russa sulla fusoliera, è atterrato poco dopo, ha detto Mayorca.
In poche ore, diversi rapporti dei media venezuelani sembravano confermare le affermazioni di Mayorca, alcuni persino postando fotografie dei due aerei russi circondati da quelli che sembravano soldati russi in uniforme. La BBC ha riferito che l’aereo cargo russo aveva trasportato  100 militari  russi con 35 tonnellate di equipaggiamento militare. Il contingente militare è guidato dal generale Vasily Tonkoshkurov, comandante dello Stato maggiore delle forze armate della Russia, secondo la BBC. Più tardi sabato, l’agenzia di stampa di proprietà russa Sputnik ha confermato che le truppe russe erano arrivate a Caracas. Citando “fonti diplomatiche” anonime, Sputnik ha detto che le truppe russe sono state inviate a Caracas per “adempiere a contratti tecnici militari” e “per prendere parte a consultazioni sulla cooperazione dell’industria della difesa” con funzionari venezuelani.
La Russia ha sostenuto il Venezuela militarmente, economicamente e diplomaticamente dal 1999, quando Hugo Chávez è diventato presidente. La recente crisi politica nel paese latinoamericano, che ha provocato un intervento diplomatico diretto da parte di Washington, ha avvicinato Caracas e Mosca, poiché la Russia si è opposta fermamente agli sforzi degli Stati Uniti per far cadere il governo di Nicolás Maduro. All’inizio di quest’anno, la Russia ha inviato due aerei bombardieri a lungo raggio Tu-160 per prendere parte ad una esercitazione  militare organizzata dal governo venezuelano.
Lunedì, Washington ha dichiarato che il Segretario di Stato degli Stati Uniti, Mike Pompeo, ha avuto una conversazione telefonica con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Pompeo ha detto al suo omologo russo che Mosca dovrebbe “cessare il suo comportamento non costruttivo” e lo ha avvertito che gli Stati Uniti “non starebbero a guardare mentre la Russia interviene in Venezuela”. Lunedì scorso, Sputnik ha citato una “fonte diplomatica” che affermava che “la visita del personale militare russo in Venezuela [non era] in alcun modo collegata alle dichiarazioni degli Stati Uniti sul potenziale intervento in Venezuela”.

Venezuela: Antonov russo atterra a Caracas, sale la tensione con gli Usa

EVIDENZA 1, MONDO |