Cambiano le regole per i buoni pasto

Views

Nuove regole per i buoni pasto. Da domani entra in vigore il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico che permette di spendere anche otto buoni pasto alla volta per fare la spesa, ad esempio in un supermercato, e che allarga anche le possibilita’ del loro utilizzo. Potranno infatti essere usati nei mercatini, negli agriturismi, negli spacci aziendali, negli ittiturismo oltre a bar, ristoranti, pizzerie, negozi. “Poterli usare per la spesa in campagna e negli agriturismi che aderiranno, potra’ essere una nuova opportunita’ per i produttori e i consumatori”, commenta Cia-Agricoltori Italiani, mentre Coldiretti sottolinea che si tratta di “una opportunita’ per 4 italiani su 10 che fanno la spesa dal contadino negli agriturismi e nei mercati degli agricoltori”.

Finora, ufficialmente, era possibile usare un solo ticket al giorno per fare la spesa ma in realtà e’ da tempo che i clienti staccano più di un buono pasto per pagare la spesa nei supermercati. Quindi il decreto del Mise, pubblicato lo scorso 10 agosto in Gazzetta Ufficiale, rende “lecita” una pratica che era già ampiamente diffusa e fissa una soglia di cumulabilità a otto ticket. Resta però in vigore il divieto di cederli a terzi ed e’ anche esclusa la possibilità di avere il resto. I buoni pasto, recita l’articolo 4 del decreto, “non sono cedibili” ne’ “commercializzabili o convertibili in denaro”, sono “utilizzabili solo dal titolare” ed “utilizzabili esclusivamente per l’intero valore facciale”, ossia il valore dell’importo specificato sul ticket. Per i buoni elettronici valgono le stesse regole. Il provvedimento del Ministero precisa poi che “le società di emissione sono tenute ad adottare idonee misure antifalsificazione e di tracciabilità del buono pasto”. “Bene, era ora. E’ dall’agosto 2015 che chiediamo di liberalizzare i buoni pasto, rendendoli cumulabili e permettendo al lavoratore di spenderli anche in un’unica soluzione”, afferma l’Unione Nazionale Consumatori, sottolineando che in questo modo si mette fine anche alla “cresta” che alcuni esercenti facevano, trattenendo una percentuale, di solito il 10%.

Critico, invece, il Codacons che chiede una “liberalizzazione totale” dei buoni pasto che “permetta ai cittadini di scegliere quando e come spenderli, senza limitazione” e giudica “incomprensibile” il tetto degli otto ticket. In origine i buoni pasto dovevano sostituire il servizio mensa delle aziende ma nel corso degli anni sono diventati una nuova forma di sostegno al reddito per milioni di italiani. Infatti, secondo i dati, circa 80 mila aziende li distribuiscono a 2,5 milioni di dipendenti del settore pubblico e privato, generano un volume d’affari di tre miliardi di euro e sono accettati da 120mila esercizi convenzionati, numero questo destinato ad aumentare con l’entrata in vigore della nuova normativa del Mise. I ticket cartacei sono esentasse fino a 5,29 euro mentre quelli elettronici fino a sette euro.

Foto: lavorofisso.com

Cambiano le regole per i buoni pasto

ECONOMIA, LAVORO, PRP Channel |