Eni cede a Sixth Street il 49% di Enipower

Views

San Donato Milanese, 14 marzo 2022 – Eni, società integrata dell’energia, e Sixth Street, una delle principali società di investimento a livello globale, annunciano oggi di aver raggiunto l’accordo per la cessione da parte di Eni a Sixth Street del 49% delle azioni detenute in Enipower.

Enipower, con 6 centrali a gas e una potenza complessiva in esercizio di circa 5 GW, è il secondo produttore di energia elettrica in Italia, il primo cogeneratore di vapore industriale e tra i primi operatori italiani nei servizi di rete necessari a garantire l’adeguatezza del sistema elettrico.

“L’operazione rientra nell’ambito della strategia di Eni volta a valorizzare i nostri asset e liberare nuove risorse per la transizione energetica”, ha commentato Francesco Gattei, Chief Financial Officer di Eni. “Siamo, inoltre, soddisfatti di aver stretto una partnership di lungo termine con un investitore istituzionale di rilevanza internazionale specializzato in investimenti infrastrutturali.”

Il settore Infrastructure di Sixth Street si occupa di creare soluzioni a lungo termine per le aziende che operano settore delle infrastrutture a livello globale. Sixth Street stringe accordi di capital partnership su larga scala con istituzioni che gestiscono infrastrutture, trasmissione di energia e asset rinnovabili.

“La transizione energetica globale richiede soluzioni creative e a lungo termine, e siamo lieti di collaborare con Eni nell’applicazione efficiente della sua strategia di transizione energetica”, ha affermato Richard Sberlati, Partner di Sixth Street. “Questa operazione è un esempio dell’approccio di partnership che adottiamo per creare soluzioni istituzionali per società multinazionali in Europa e Nord America, facendo leva sulle solide capacità della nostra piattaforma di investire nella produzione di energia, nella trasmissione e nelle transizioni rinnovabili”.

Eni manterrà il controllo di Enipower in termini operativi nonché il consolidamento di bilancio della società.

L’accordo è soggetto ad alcune condizioni sospensive, tra cui quelle delle autorità competenti.

Eni

Eni è una società dell’energia integrata con oltre 30.000 persone in 68 paesi del mondo. Le attività spaziano dallo sviluppo di nuove soluzioni energetiche alla più tradizionale esplorazione e produzione di idrocarburi e alla raffinazione e commercializzazione di prodotti petroliferi e biocarburanti; dalla generazione e commercializzazione di elettricità alla produzione di energie rinnovabili, dalla chimica allo sviluppo di prodotti a base bio e ad attività legate all’ambiente. La strategia di decarbonizzazione di Eni intende azzerare l’intensità carbonica entro il 2050. Eni mira a contribuire al raggiungimento dei Sustainable Development Goals (SDGs) dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, supportando una transizione energetica giusta che risponda alla sfida del cambiamento climatico con soluzioni concrete ed economicamente sostenibili, promuovendo l’accesso a risorse energetiche in maniera efficiente e sostenibile per tutti.

Sixth Street

Fondata nel 2009, Sixth Street è una società di investimento globale con oltre $60 miliardi di asset in gestione. L’azienda utilizza il suo capitale flessibile a lungo termine, le competenze basate su dati e la cultura aziendale One Team per sviluppare temi e offrire soluzioni alle aziende in tutte le fasi della crescita. Il team globale Infrastructure di Sixth Street finanzia, acquisisce e forma joint venture per asset legati alle infrastrutture. Sixth Street conta più di 350 membri nel suo team, inclusi gli oltre 180 professionisti degli investimenti che operano in tutto il mondo. Per ulteriori informazioni, visita il nostro website o seguici su LinkedIn o Twitter @SixthStreetNews.

Eni cede a Sixth Street il 49% di Enipower

| ECONOMIA |