F-35, Pentagono e Lockeed trattano per il “4° blocco” da 22 miliardi di dollari

Views

Tante  le novità per i costi della piattaforma F-35 di Lockeed Martin, secondo l’ultimo Rapporto di Acquisizione del Dipartimento della Difesa inviato al Congresso la scorsa settimana e ottenuto da Bloomberg News, 

Il prezzo totale stimato per la ricerca e gli appalti è aumentato di 22 miliardi di dollari, adeguati all’inflazione, secondo l’ultimo bilancio annuale del Pentagono. La stima per il funzionamento e il supporto della flotta dei caccia per i prossimi 60 anni è cresciuta di quasi 73 miliardi di dollari raggiungendo la cifra record di 1.196 trilioni di dollari.

L’aumento dei costi di acquisizione da 406,2 miliardi a  428,4 miliardi, pari al 5 per cento di aumento non è dovuto ai ritardi o ai costi eccessivi per la manodopera o i materiali. L’aumento riflette  l’implementazione di aggiornamenti importanti pianificati nelle prossime modifiche del “Blocco 4”.

Il Pentagono con un’e-mail ha riferito che: “Il programma F-35 rimane all’interno di tutte le soglie di costo, pianificazione e prestazioni e continua a fare progressi costanti”. L’ufficio “si impegna a contenere i costi in tutte le aree del programma”.

Ma la stima dei costi a lungo termine per il funzionamento della flotta dal 2011 al 2077 è stata sempre problematica, ancor prima che l’ultimo rapporto del Pentagono abbia stimato un aumento fino a $ 1.196 trilioni.

Esame atteso

L’aumento previsto sarà probabilmente esaminato dai legislatori, dal capo dell’acquisizione del Pentagono Ellen Lord e dal segretario alla Difesa  Pat Shanahan. Si spingerà Lockheed a ridurre le operazioni previste per i costi di supporto.

Come  segnale di preoccupazione, il bilancio proposto dal Pentagono per il 2021 prevede 17 F-35 in meno rispetto a quanto pianificato. Quindi nel 2021 solo  81 esemplari andranno alle forze armate Usa.

“Secondo le stime attuali, gli esborsi per il sostegno dell’F-35 previsti sulla base della crescita programmata  della flotta potrebbero compromettere le future operazioni dei servizi connessi”, afferma il rapporto. Lockheed inoltre “deve affrontare  le necessarie iniziative di accessibilità alla gestione della supply chain, ottimizzando le priorità lungo la catena di fornitura per parti di ricambio e nuove parti di produzione” e condividere i diritti sui dati con alcuni software F-35 con il Pentagono.

La visione di Lockheed

Carolyn Nelson, portavoce di Lockheed, con sede a Bethesda, nel Maryland, ha dichiarato in una e-mail che l’appaltatore “sta intraprendendo azioni aggressive per costruire la capacità della catena di fornitura, ridurre i costi della catena di approvvigionamento e migliorare la disponibilità delle parti per aiutare a ridurre i costi di supporto e aumentare la prontezza”.

Ha poi detto che la difesa degli Stati Uniti intenderà rivedere le gare di supply chain, i contratti con i fornitori, la sincronizzazione degli acquisti di riserva, miglioramento dell’affidabilità delle parti e accelerazione delle modifiche agli aeromobili precedenti. La Lockeed dal canto suo ha già “ridotto la quota del costo per aeromobile” ogni anno  del 15% a partire dal 2015 e si continuerà a cercare modi per ridurre ulteriormente i costi “.

Gli Stati Uniti prevedono di acquistare 2.456 jet  F-35 nelle sue varianti: 1.763 per l’Air Force, 420 per i Marines e 273 per la Marina.

Il numero totale non comprende  i 700 esemplari venduti a forze armate straniere.

Velocità dei negoziati

La relazione del Pentagono ha sollecitato una migliore cooperazione da parte di Lockheed per accelerare i negoziati sui contratti mentre il ritmo della produzione di F-35 continua a salire.

I colloqui per il dodicesimo e più grande contratto di produzione fino ad oggi, del valore di ben 22 miliardi di dollari, corrono spediti  e sono sulla buona strada per culminare a metà maggio. Ma non è sempre stato così. L’ufficio del programma F-35 del Pentagono “continua a sperimentare nuove negoziazioni per rallentare inutilmente la tempistica per l’aggiudicazione del contratto”, ha rilevato il rapporto.

Nelson ha dichiarato: “continuiamo a negoziare in buona fede” e negli attuali colloqui “abbiamo utilizzato i dati effettivi degli ultimi 11 contratti come base della nostra offerta”.

 

F-35, Pentagono e Lockeed trattano per il “4° blocco” da 22 miliardi di dollari

ECONOMIA, EVIDENZA 4 |