Il Bild tedesco sulla SeaWatch: “Italiani plebei”

Views

Andrea Indini su giornale.it riporta l’articolo della testata tedesca  “Bild”, che attacca il nostro Governo  per la vicenda della Sea Watch.  Per attaccare il nostro governo, il Bild insulta  tutti gli italiani. Non che sia la prima volta. Ma le parole che ha scelto per trattare l’argomento sono violentissime. Ci ha difiniti “Pöbel”. Che significa, grosso modo, plebe, pleabaglia, marmaglia. E non si è limitata a questo. Nell’articolo firmato da Albert Link e Nicholas Scharlak ha anche difeso a spada tratta l’ong, che da anni ci scarica immigrati clandestini sulle nostre coste, e la capitana Carola Rackete che ha forzato il blocco del Viminale entrando illegalmente nelle acque territoriali italiane e facendo carta straccia delle nostre leggi.

La Sea Watch è un’organizzazione non governativa tedesca con sede a Berlino e ad Amburgo. La stessa comandante è tedesca. Eppure la cancelliera Angela Merkel si è guardata bene dall’intervenire in questo durissimo attacco al nostro Paese. Solo il ministro dell’Interno Horst Seehofer è intervenuto. Ma lo ha fatto per mettere a tacere quei sindaci progressisti che si erano offerti di ospitare i 43 immigrati clandestini caricati a bordo della nave guidata dalla Rackete. Non una parola è stata spesa per condannare la forzatura del blocco né un solo minuto è stato speso, a livello europeo, per cercare di risolvere la situazione. E, mentre lo stallo continua, ci troviamo pure a doverci sorbire le invettive della Bild. Nell’articolo Pöbel-Attacke gegen deutsche Kapitänin (L’attacco della plebaglia alla capitana tedesca) il quotidiano se la prende, in primis, con Salvini accusandolo di stare tanto sui social e di lavorare poco e lo accusa di attaccare i migranti per ottenere il consenso degli italiani.

Di per sé l’articolo della Bild è un riassunto dell’estenuante braccio di ferro a cui la Rackete sta obbligando il governo italiano. Ovviamente, non si tratta di un resoconto oggettivo. Basti pensare che le fonti a cui attinge il quotidiano tedesco sono Repubblica e Roberto Saviano. Dei reati commessi dal capitano della Sea Watch 3 non c’è la benché minima ombra. Anzi, arriva addirittura a incensarla per il suo impegno in mare. E nel farlo ricorda i motivi che l’hanno spinta a farlo: “Sono bianca, tedesca, nata in un Paese ricco e con il passaporto giusto. Quando me ne sono resa conto, ho sentito l’obbligo morale di aiutare chi non aveva le mie stesse opportunità”. Per i due giornalisti tedeschi, che non hanno mancato di criticare Salvini per “la linea dura contro i rifugiati” e “la chiusura dei porti alle navi di soccorso”, le sue ragioni (come anche quelle della stessa ong) vanno prese sul serio e difese.

Dal canto suo Salvini ha risposto a questo attacco verbale con una emoticon su Twitter. E ha invitato i tedeschi a riprendersi le loro Ong e a lasciar in pace l’Italia e gli italiani. Resta nero su bianco quel “Pöbel” nel titolo. Un termine a dir poco dispregiativo che dovrebbe indignare anche quei progressisti italiani che in questi giorni si sono schierati al fianco della capitana tedesca. Da Berlino ci vedono come della “plebablia”, ma sono loro le vere canaglie che ancora una volta ci stanno scaricando addosso un’emergenza tutta europea e lo stanno facendo infrangendo un’infinità di leggi (italiane e internazionali).

Il Bild tedesco sulla SeaWatch: “Italiani plebei”

EVIDENZA 4, ITALIA |