Israele, rottura dispositivo gas naturale. Emergenza inquinamento

Views
   

Israele, rottura dispositivo gas naturale. Emergenza inquinamento

Il Ministero della Protezione Ambientale di Israele ha riferito venerdì scorso che c’era stata una rottura sul dispositivo di gas naturale  fuori dalla costa di Ashkelon. Il ministero ha annunciato che, nonostante il passaggio a carburante liquido, non vi era stato alcun aumento significativo dell’inquinamento atmosferico. Non è ancora chiaro quando il problema verrà risolto.

Nonostante l’arresto del flusso di gas del campo naturale di Tamar e il passaggio a combustibili liquidi, non si è registrato alcun aumento dell’inquinamento atmosferico nei pressi dei centri industriali e delle centrali elettriche, ha dichiarato domenica il Ministero per la Protezione Ambientale israeliana. Il ministero ha spiegato che uno dei fattori dei dati relativamente incoraggianti è stato la festa e il lungo weekend, durante i quali gli impianti industriali utilizzavano poca energia elettrica.

Due giorni fa, il Ministero dell’Energia ha annunciato che, a causa di un malfunzionamento, il flusso di gas naturale era stato interrotto. In un primo momento, è stato stimato che il malfunzionamento sarebbe durato  per 24 ore e poi 48 ore, ma ora sembra che le riparazioni richiederanno più tempo di quanto previsto. Di conseguenza, cresce la preoccupazione che i tagli di elettricità inizino già dalla prossima settimana e come questa situazione di emergenza influirà sul settore industriale e sulle famiglie.

Se il problema venisse risolto entro la domenica prossima, tre giorni più tardi del previsto, gli israeliani potrebbero aspettarsi un calo della qualità dell’aria e un aumento delle bollette elettriche di settembre; il diesel è più costoso del gas naturale.

Tutte le centrali elettriche del paese sono passate a combustibili alternativi, come il gasolio, l’olio combustibile e il carbone.