Economia: la Cina rafforza la vigilanza sul mercato dei capitali tutelando gli interessi degli investitori

Views

Le persone coinvolte in attività illegali sul mercato dei capitali, nel 2018, hanno motivo di temere, poiché il principale organismo di vigilanza sui titoli azionari della Cina assume una posizione più dura sulle irregolarità del mercato.

La China Securities Regulatory Commission (CSRC)- un’istituzione pubblica a livello ministeriale direttamente sotto il Consiglio di Stato che, svolge una funzione di regolamentazione unificata e, con l’autorità del Consiglio di Stato, assicura un’operazione legale del mercato dei capitali- ha respinto sei delle sette domande di offerta pubblica iniziale (IPO) di martedì, rendendola, quest’anno, la più grande giornata unica di rigetti. La CSRC, in una nota, ha affermato che “la revisione dell’IPO diventerà sempre più severa nel 2018 e il requisito dell’autenticità della finanza aziendale e della conformità aziendale è stato elevato a un livello senza precedenti.

Il controllo serrato delle quotazioni pubbliche del paese è stata l’ultima mossa a seguito del rafforzato controllo del mercato e delle severe sanzioni per il commercio illegale dello scorso anno per prevenire i rischi e proteggere gli interessi degli investitori.

Per ridurre le irregolarità del mercato, la CSRC, lo scorso ottobre, ha istituito un nuovo comitato incaricato di esaminare le domande di offerta pubblica iniziale. Il comitato ha il diritto di decidere se una società è qualificata a diventare pubblica in Cina. Regola anche la frode.

Il sistema di approvazione della Cina basato sulla revisione dell’IPO è stato a lungo criticato dagli investitori in quanto sembra per aver dato troppo potere ai revisori, mentre sopprimeva la funzione del mercato. Per verificare i poteri dei revisori, la CSRC ha anche istituito un comitato che supervisiona le domande di IPO, i rifinanziamenti, le fusioni e le acquisizioni.

“Nessuna zona proibita, copertura totale, tolleranza zero e responsabilità per tutta la vita” saranno i compiti del comitato di supervisione, ha detto il presidente della CSRC Liu Shiyu.

Dall’inizio dell’anno, il tasso di approvazione del comitato di revisione IPO è solo del 44,44%, significativamente inferiore all’81% registrato nei primi tre trimestri del 2017.

Secondo Wind Info, un fornitore di servizi di informazione finanziaria, Negli ultimi tre anni, il tasso era superiore al 90%. Tra i motivi della reiezione: condizioni finanziarie anormali, incapacità di generare profitti sostenibili e autenticità discutibile dei documenti di domanda.

A parte il controllo serrato delle liste pubbliche, la CSRC ha anche creato punizioni severe per scoraggiare le violazioni del mercato e rendere il mercato dei capitali funzionante correttamente. L’organo ha deciso di raggiungere un livello record di 224 sanzioni amministrative nel 2017, con il totale combinato delle multe salendo del 74,74%, a un massimo storico di 7,48 miliardi di yuan (1,14 miliardi di dollari USA)

Le multe sono state distribuite per varie violazioni, tra cui problemi di divulgazione di informazioni e manipolazione del mercato. Gli sforzi sono stati ripagati. Il mercato azionario nel 2017 è stato molto più stabile rispetto a un anno prima.

Zhang Shenfeng, vice presidente del CSRC, ha dichiarato la scorsa settimana che la Cina continuerà a rafforzare la supervisione nel mercato dei titoli nel nuovo anno per mantenerlo equo, aperto e imparziale. “Il regolatore continuerà a impedire le violazioni delle leggi”.

Il vicepresidente ha dichiarato, altresì, che la CSRC svolgerà ricerche e istituirà un fondo di compensazione degli investitori per proteggere meglio gli interessi degli investitori e dare priorità all’innovazione di supervisione, compresa una migliore sorveglianza in loco e l’uso di big data per migliorare l’efficienza. “La Cina renderà il mercato dei capitali più funzionale all’economia reale, ha detto Zhang.

 

Economia: la Cina rafforza la vigilanza sul mercato dei capitali tutelando gli interessi degli investitori