1942 centro spionaggio del tedesco Sorge a Tokyo. Ha fatto vincere la guerra a Stalin. L’incredibile scoperta dai documenti ora desecretati

Views

Il Giappone ha rilasciato alcuni documenti segreti del 1942 relativi ad un centro di spionaggio di Tokyo guidato da Richard Sorge, un tedesco che ha spiato per l’ex Unione Sovietica e viene spesso indicato come aiuto prezioso  per  Mosca per vincere la seconda guerra mondiale. I documenti descrivono gli sforzi compiuti dal governo giapponese,in tempo di guerra, per nascondere il centro di spionaggio di Sorge, che è oggi  al centro del più grande scandalo delle spie del Giappone. Trentacinque persone, molte delle quali ufficiali giapponesi di alto grado, furono arrestate a Tokyo nell’ottobre del 1941 per spionaggio a favore dell’Unione Sovietica. Sorge, il capo tedesco dell’anello di spionaggio, aveva combattuto per le Potenze Centrali nella prima guerra mondiale, ma in seguito era diventato un comunista e quindi addestrato allo spionaggio dall’intelligence militare sovietica. Fu poi inviato a Tokyo dove, grazie all’amicizia con l’ambasciatore tedesco ha prestato servizio presso l’ambasciata tedesca. Alla fine informò Mosca che l’alleato tedesco del Giappone non aveva intenzione di invadere la Russia dall’est. Questo suggerimento permise a Stalin di spostare centinaia di migliaia di truppe dall’Estremo Oriente al fronte tedesco. Soffiata che aiutò l’URSS a respingere l’avanzata nazista e vincere la guerra.
Il quotidiano giapponese Mainichi Shimbun, che ha visto i documenti declassificati, ha detto che erano tra gli archivi personali di Taizo Ota, un funzionario di controspionaggio giapponese che ha guidato la Divisione VI del Ministero della Giustizia giapponese. L’unità era responsabile della polizia politica e del controspionaggio durante la seconda guerra mondiale. I documenti risalgono al maggio 1942, quando il governo giapponese pubblicò finalmente l’arresto di Sorge e dei suoi compagni. Sei  mesi dopo essere stati scoperti di spiare per Mosca. I documenti furono emessi dal Ministero della Giustizia giapponese ma, secondo gli esperti, furono probabilmente scritti da funzionari del Ministero degli Affari Esteri giapponese, che erano incaricati di indagare sul caso di spionaggio di Sorge. Secondo Mainichi Shimbun, i documenti facevano parte di uno sforzo più ampio da parte del governo giapponese per coprire il caso di spionaggio istruendo i media del paese a dargli un’attenzione marginale.
Un documento ordina agli editori di giornali di coprire l’incidente su una pagina interna e di utilizzare un titolo più piccolo della lunghezza di quattro colonne. Un altro documento indica agli editori di giornali di non usare le immagini nei rapporti e aggiunge che non devono essere stampate informazioni diverse da quelle incluse nei comunicati stampa del governo. Un terzo documento incarica gli editori di giornali di evitare ogni riferimento a Kinkazu Saionji, l’anello principale della catena di spionaggio di Sorge. Saionji era un membro dell’aristocrazia governativa giapponese e nipote dell’ex primo ministro Kinmochi Saionji, il più stimato politico del paese. In effetti, molte delle informazioni contenute nei documenti recentemente desecretati descrivono gli sforzi compiuti dallo stato giapponese per nascondere l’importanza della penetrazione comunista nelle principali famiglie e nei circoli governativi del paese.
La copertura dell’incidente di Sorge nei due principali quotidiani giapponesi dell’epoca, Nichi Shimbun e Asahi Shimbun indicano che la pressione del governo ha avuto successo, secondo Mainichi Shimbun. Entrambi gli articoli coprivano l’incidente, ma nessuno dei due giornali aveva pubblicato informazioni su di esso in prima pagina, né vi erano menzioni di Saionji o di altri alti funzionari giapponesi che erano membri del sistema di spionaggio di Sorge. Secondo i ricercatori giapponesi, i documenti forniscono rari esempi dettagliati di tentativi da parte del governo di guerra del paese di guidare le relazioni sugli affari di sicurezza nazionale. I file sono attualmente archiviati nella moderna sala dei materiali di storia politica giapponese della National Diet Library nel centro di Tokyo.

fonte intnews.org

1942 centro spionaggio del tedesco Sorge a Tokyo. Ha fatto vincere la guerra a Stalin. L’incredibile scoperta dai documenti ora desecretati

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>