Facebook: perderà o non perderà gli utenti? Interessante il sondaggio fatto da Reuters e Ipsos

Views
   

Meno della metà degli americani si fida di Facebook secondo le leggi sulla privacy degli Stati Uniti, dopo  un sondaggio Reuters / Ipsos pubblicato oggi, che illustra la sfida affrontata dalla rete dei social media dopo lo scandalo sulla gestione delle informazioni personali.
Il sondaggio, condotto da mercoledì a venerdì, ha anche rilevato che meno americani si fidano di Facebook rispetto ad altre società tecnologiche che raccolgono dati sugli utenti, come Apple Inc, Google Alphabet Inc, Amazon.com Inc, Microsoft Corp e Yahoo.
Circa il 41% degli americani si fida di Facebook su come  gestisce le leggi che proteggono le proprie informazioni personali, rispetto al 66% che ha affermato di fidarsi di Amazon, il 62% che si fida di Google, il 60% di Microsoft e il 47% di Yahoo.
Il sondaggio Reuters / Ipsos è stato condotto online in inglese in tutti gli Stati Uniti. Ha raccolto le risposte da 2.237 persone e ha un intervallo di credibilità, una misura di precisione, di 2 punti percentuali.
Facebook, la più grande società di social media al mondo, si è scusata pubblicamente nel tentativo di salvaguardare la sua reputazione tra utenti, inserzionisti, legislatori e investitori. Le azioni di Facebook sono crollate del 14% la scorsa settimana, mentre l’hashtag #DeleteFacebook sta spopolando in rete e l’amministratore delegato della compagnia, Mark Zuckerberg, ha chiesto di presentarsi il prima possibile come testimone in audizione dai legislatori statunitensi.
Zuckerberg e il chief operating officer di Facebook, Sheryl Sandberg, hanno dichiarato la scorsa settimana che la fidelizzazione è stata la loro priorità. “Sappiamo che questo è un problema di fiducia: sappiamo che questo è un momento critico per la nostra azienda”, ha detto Sandberg a CNBC giovedì.

È troppo presto per dire se la sfiducia farà sì che la gente faccia un passo indietro da Facebook, ha detto l’analista eMarketer Debra Williamson. I clienti di banche o altri settori non smettono necessariamente dopo aver perso la fiducia.
“È psicologicamente più difficile lasciare andare una piattaforma come Facebook che è diventata abbastanza ben radicata nella vita delle persone”, ha detto.
Uno dei motivi per cui Facebook e altre società Internet raccolgono informazioni personali dagli utenti è quella di fornire pubblicità di prodotti e servizi alle persone in maniera più mirata.

Facebook, con oltre 2 miliardi di utenti attivi mensilmente, ha realizzato quasi tutti i suoi $ 40,6 miliardi di entrate l’anno scorso dalla pubblicità.
Il sondaggio ha rilevato che molte persone non si rendono conto di quegli annunci pubblicitari “mirati”.
Circa il 63% ha dichiarato che vorrebbe vedere “pubblicità meno mirata” in futuro, mentre il 9% ha dichiarato di volere di più. Quando è stato chiesto loro di confrontarli con le forme tradizionali di pubblicità, il 41% ha dichiarato che gli annunci mirati sono “peggiori” mentre il 21% dichiara di essere “migliori”.
“Penso che facciano molte supposizioni che non sono vere”, ha dichiarato in un’intervista Maria Curran, 56 anni, che vive vicino a Manchester, nel New Hampshire.
“È come se mostrassi un interesse per una sana alimentazione, all’improvviso tutte le pubblicità riguardino il controllo del peso e l’esercizio fisico e come perdere peso. Sono solo inondato”, ha detto.
Curran ha detto che sa che il rivenditore online Amazon.com raccoglie anche le sue informazioni per un marketing mirato, ma che è meno fastidioso perché è un sito di shopping, non un luogo per le conversazioni personali.
Un’altra intervistata, Kamaal Greene, 26 anni, ha detto che gli piacciono gli annunci mirati meglio di quelli tradizionali perché forniscono un servizio, guidandolo verso i prodotti che desidera.
“Qualche tempo fa stavo cercando un tipo speciale di guanto per il mio lavoro”, ha detto Greene, un pompiere di Detroit.
“L’ho messo nel mio carrello Amazon e me ne sono dimenticato, poi, più tardi, l’annuncio è comparso su Facebook. Mi ha ricordato e l’ho cliccato e comprato.
Una pluralità di adulti ha affermato che vorrebbe che il governo assuma un ruolo più importante nella supervisione della gestione delle informazioni dell’utente da parte del settore. Secondo il sondaggio, il 46% degli adulti ha dichiarato di volere più regolamenti governativi, mentre il 17% ha dichiarato di volerne di meno. Un altro 20 percento ha dichiarato di non volere alcun cambiamento e il restante 18 percento ha dichiarato di non sapere cosa dire.