Rivoluzione Google e shopping vocale, acquisti al dettaglio come con Amazon

Views

Google di Alphabet Inc. pubblica regolarmente query di prodotti da milioni di acquirenti. Ora vuole attuare qualcosa in più per aiutare e stimolare i clienti.
La società di tecnologia statunitense sta collaborando con rivenditori come Target Corp, Walmart Inc, Home Depot Inc, Costco Wholesale Corp e Ulta Beauty Inc.
Nell’ambito di un nuovo programma, i rivenditori possono elencare i loro prodotti su Ricerca Google, sul servizio di acquisto di Google Express e su Google Assistant su telefoni cellulari e dispositivi vocali.
In cambio delle inserzioni di Google e del collegamento ai programmi di fidelizzazione dei rivenditori, i rivenditori pagano a Google una parte di ciascun acquisto, che è diversa dai pagamenti effettuati dai rivenditori per posizionare annunci sulle piattaforme di Google.
La scelta di Google per i rivenditori è una migliore possibilità di influenzare le decisioni di acquisto degli acquirenti, una mossa che probabilmente li aiuterà a competere con la rivale Amazon.  Google spera che il programma aiuti i rivenditori a catturare più acquisti su desktop, telefoni cellulari e dispositivi smart home con ricerca vocale che e’ la prossima frontiera per l’e-commerce.
L’iniziativa è scaturita dall’osservazione di Google secondo cui decine di milioni di consumatori stavano inviando ricerche di immagini di prodotti, chiedendo “Dove posso comprare questo?” “Dove posso trovarlo?” “Come posso comprarlo?” “Come posso effettuare transazioni?” Daniel Alegre, presidente di Google per la vendita al dettaglio e lo shopping, ha detto a Reuters in esclusiva.
Negli ultimi due anni, le ricerche sui dispositivi mobili che chiedevano dove acquistare i prodotti sono aumentate dell’85%, ha detto Alegre.
Ma l’attuale scelta di default per molti consumatori è una ricerca su Google che termina con un acquisto Amazon, hanno detto gli analisti. Il nuovo programma Google, Shopping Actions, sarà disponibile negli Stati Uniti per i rivenditori di tutte le dimensioni e potrebbe aiutare le catene di vendita al dettaglio a mantenere i clienti.

“Abbiamo adottato un approccio fondamentalmente diverso da Amazon ma come Amazon ci consideriamo un fattore abilitante per la vendita al dettaglio”, ha affermato Alegre. “Ci vediamo come parte di una soluzione per i rivenditori di essere in grado di guidare le transazioni migliori … e avvicinarsi al consumatore.” Per i consumatori che hanno a che fare con una quantità eccessiva di scelte, l’idea è di semplificare gli acquisti online dando loro un singolo carrello e un check-out immediato, una caratteristica fondamentale della posizione dominante di Amazon.
Le catene di vendita al dettaglio possono anche offrire prodotti tramite il dispositivo di voice shopping di Google Home, mantenendo quelli che potrebbero essere diretti ad Amazon per offerte migliori e dando loro consigli personalizzati in base alla cronologia degli acquisti precedenti.
Ad esempio, un acquirente alla ricerca di scarpe da ginnastica su Google sul suo telefono può vedere l’elenco di un rivenditore e aggiungerlo al suo carrello Google Express. Successivamente, il cliente può stare in cucina e utilizzare il dispositivo vocale Google Home per aggiungere fazzoletti di carta allo stesso carrello e acquistare tutto in una volta.
I partner del commercio al dettaglio hanno visto aumentare le dimensioni medie del paniere di un cliente del 30 percento, ha detto Alegre, indicando i primi risultati del programma di azioni commerciali.
Il valore medio degli ordini di Ulta Beauty è salito del 35% da quando ha collaborato con Google, ha detto l’amministratore delegato Mary Dillon. Ulta vende prodotti per il trucco e la cura della pelle di marchi come MAC, Estee Lauder e Clinique.
Negli ultimi sei mesi, Target ha dichiarato che il numero di articoli nei cesti Google Express degli acquirenti è aumentato in media del 20% circa in seguito al legame con la società Internet.

I rivenditori sono anche desiderosi di entrare nel mercato dello shopping vocale in rapida crescita, dominato dal famoso dispositivo domestico Echo di Amazon, hanno detto analisti e consulenti.
Sia Walmart che Target lo scorso anno hanno trovato offerte per comparire nei risultati di ricerca tramite Google Home.
I dispositivi vocali intelligenti come Amazon Echo e Google Home verranno installati nel 55% delle famiglie statunitensi entro il 2022, secondo Juniper Research. La piattaforma Alexa di Amazon potrebbe generare entrate per 10 miliardi di dollari entro il 2020, un rapporto stimato da RBC Capital Markets.
“I brand guardano Google come nemico del nemico e questo rende Google un loro amico”, ha dichiarato Guru Hariharan, CEO della società di tecnologia al dettaglio Boomerang Commerce, riferendosi alla concorrenza tra Amazon e catene come Walmart e Target.
Gli acquirenti target “amano la facilità e la convenienza di far girare il loro bersaglio senza alzare un dito usando un’interfaccia vocale”, ha detto l’amministratore delegato e responsabile digitale Mike McNamara.
“Questo è solo l’inizio per Target e Google”, ha aggiunto. Gli acquirenti target saranno presto in grado di collegare il proprio account online e la carta fedeltà con i loro account Google e ottenere il 5% di sconto sugli acquisti e sulla spedizione gratuita, ha affermato McNamara.

Rivoluzione Google e shopping vocale, acquisti al dettaglio come con Amazon