Leonardo e General Atomics, sensore SAGE sul sistema a pilotaggio remoto MQ-9B

Views

Leonardo e General Atomics Aeronautical Systems, Inc (GA-ASI) hanno firmato un accordo che prevede investimenti congiunti per integrare il SAGE di Leonardo, sistema di sorveglianza per la protezione di velivoli, a bordo del sistema a pilotaggio remoto GA-ASI MQ-9B. Il SAGE sarà integrato nella cellula del MQ-9B senza la necessità di pod esterni, verrà offerto come sistemaoff-the-shelf e incorporato nel velivolo come configurazione base per i clienti del velivolo nelle versioni Sky Guardian e Sea Guardian per la sorveglianza marittima. L’installazione è in corso e il MQ-9B equipaggiato con il SAGE sarà disponibile all’inizio del 2019.

SAGE è un sensore digitale ELINT (ELectronic INTelligence) con capacità RWR (Radar Warning Receiver) incorporata. E’ in grado di rilevare, identificare e geo-localizzare i segnali in radio frequenza come i radar per il controllo del tiro, e può allertare gli operatori di potenziali minacce per l’aereo. SAGE può, inoltre, identificare la posizione e i dati parametrici di emittenti in radio frequenza da una piattaforma, potenziando il quadro tattico di insieme e la situational awarenessdell’operatore. Il sistema è già in servizio con la Marina sudcoreana e brasiliana e con l’Aeronautica dell’Indonesia.

Il SAGE verrà integrato nella struttura del MQ-9B, senza necessità di un pod esterno. Questo garantirà prestazioni ottimali, ad esempio una miglior visibilità rispetto ad una soluzione con pod, consentendo di avere più spazio a disposizione per l’installazione di altri sistemi e sensori. Anche la massa della piattaforma, incluso il sensore, risulterà ridotta, aumentando la capacità di permanenza in volo.

Oltre al SAGE, la gamma di sensori avanzati di Leonardo è perfettamente complementare al velivolo MQ-9B nelle sue configurazioni Sky Guardian e Sea Guardian. In questa prima fase, la partnership tra Leonardo e GA-ASI prevede la valutazione di altre opzioni per specifiche missioni. Queste potranno essere proposte a vari clienti, incluso il Regno Unito. L’MQ-9B è stato progettato in modo tale da soddisfare i rigorosi requisiti per la certificazione di aeronavigabilità da parte di autorità civili e militari, ciò significa che tra i futuri clienti potrebbero esserci anche organizzazioni civili.

I dati forniti da un equipaggiamento elettronico di auto-protezione sono tanto importanti quanto l’equipaggiamento stesso. Quando le minacce cambiano, gli operatori devono poter aggiornare i sistemi. La competenza di Leonardo nella protezione dei velivoli permette di offrire un supporto operativo specifico (EWOS – Electronic Warfare Operational Support), aumentando così l’efficacia dei suoi prodotti e permettendo ai clienti di mantenere gli apparati aggiornati e pronti all’impiego operativo.

Gli apparati di protezione elettronica di Leonardo sono flessibili e programmabili. Consentono l’uso di dati pre-esistenti, così come possono sviluppare ulteriormente i data base a disposizione con nuovi parametri. Leonardo è in grado di fornire un servizio gestito di supporto EWOS, così come di trasferire know how per permettere lo sviluppo di capacità e competenze autonome.

General Atomics Aeronautical Systems

General Atomics Aeronautical Systems, Inc. (GA-ASI), parte del gruppo General Atomics, progetta e produce velivoli a pilotaggio remoto, radar e sistemi elettro-ottici e di missione. Con oltre cinque milioni di ore di volo, GA-ASI offre sistemi con un’ampia capacità di permanenza in volo, multi-missione e dotati di sensori e sistemi di comunicazione che consentono standard elevati di situational awareness. La società sviluppa, inoltre, una vasta gamma di stazioni di controllo a terra e software di controllo e analisi dati, oltre a servizi di addestramento e supporto per i piloti.

Leonardo e General Atomics, sensore SAGE sul sistema a pilotaggio remoto MQ-9B

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>