USA: l’economia è cresciuta a un tasso del 2,6% nel quarto trimestre

Views

L’economia degli Stati Uniti è cresciuta a un solido tasso del 2,6% negli ultimi tre mesi dello scorso anno, aiutato dalla spesa dei consumatori dalla primavera del 2016 e, da un forte rimbalzo nella costruzione di abitazioni.

Secondo quanto riferito dal Dipartimento del Commercio, l’avanzamento del quarto trimestre nel prodotto interno lordo, la produzione totale di beni e servizi del paese, ha seguito guadagni di poco superiori al 3 % nel secondo e nel terzo trimestre.

Il rallentamento, nel periodo ottobre-dicembre, riflette un peggioramento del deficit commerciale e una minore crescita del ripopolamento delle scorte da parte delle imprese. Per tutto il 2017, l’economia è cresciuta del 2,3 %. Si tratta di un miglioramento significativo rispetto a un aumento dell’1,5 % nel 2016, ma poco differente rispetto al modesto tasso di crescita medio del 2,2 %,dopo la fine della Grande recessione.

Gli economisti, spinti dal taglio delle tasse di $ 1,5 miliardi voluto da Trump, stanno cercando una crescita ancora migliore quest’anno. L’amministrazione Trump sostiene che il programma economico di tagli fiscali, deregolamentazione e applicazione più rigida delle leggi sul commercio aumenterà la crescita economica a ritmi sostenuti del 3% o ancora migliori nei prossimi anni. Negli 8 anni e mezzo della ripresa attuale, il tasso di crescita è stato del 2,2%, l’aumento più debole dalla fine della seconda guerra mondiale.

Trump ha detto che il suo piano fiscale fungerà da “carburante per razzi” per l’economia, spingendo gli americani a spendere di più e le imprese a incrementare gli investimenti. Gli economisti, tuttavia, ritengono che l’espansione della crescita sarà di breve durata. Stanno prevedendo che il PIL quest’anno sarà aumentato di circa 0,4 % dal taglio delle tasse e di circa 0,2 % nel 2019. Oltre a ciò, molti analisti ritengono che l’aumento dei tassi d’interesse ridurrà la crescita a circa il 2,2%.

Mark Zandi, capo economista presso Moody’s Analytics ha detto che “I tagli alle imposte, finanziati dal deficit, forniranno un po’ di sostanza a breve termine per l’economia, ma si rivelerà temporaneo perché siamo già al pieno impiego e la Federal Reserve risponderà alzando i tassi di interesse in modo aggressivo”.

Michael Pearce, economista statunitense presso Capital Economics, prevede una crescita solida continuerà nei prossimi trimestri. L’economista ha affermato che il forte aumento delle importazioni che, ha causato l’allargamento del deficit commerciale, riflette un recupero degli sconvolgimenti portuali causati dagli uragani nel terzo trimestre. “L’economia degli Stati Uniti ha avuto molto slancio anche prima che i tagli fiscali entrassero in vigore quest’anno”, ha affermato Pearce.

Il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, intervistato su CNBC, ha descritto il modesto rallentamento nel quarto trimestre come anomalia a breve termine. “Penso che la gente ora si aspetti che si arrivi al 3% del PIL”, ha detto. La crescita del quarto trimestre è stata stimolata da un aumento del 3,8% della spesa da parte dei consumatori, che rappresentano il 70% dell’attività economica. Ciò è salito da un aumento del 2,2 % nel terzo trimestre ed è stato l’anticipo trimestrale più rapido dalla primavera del 2016.

Anche l’investimento delle imprese in nuovi impianti e attrezzature è stato forte, con un aumento del 6,8% nel quarto trimestre. La spesa per la costruzione di case è aumentata del 11,6% dopo due trimestri di calo. Le aree di forza sono state leggermente compensate da un forte aumento del deficit commerciale del paese, che ha sottratto 1,1 % dalla crescita e da un rallentamento della spesa aziendale per il reinvestimento delle scorte, che ha ridotto la crescita di 0,7 %.

 

USA: l’economia è cresciuta a un tasso del 2,6% nel quarto trimestre

| Economia, PRP Channel |