WiFi4EU, Roberto Viola (Commissione Ue) “entro il 2020 internet gratuita fino a 8000 Comuni europei” 

Views
   

Jean-Claude Juncker, nel suo Discorso sullo stato dell’Unione, aveva dichiarato nel 2016 che entro il 2020, “ogni città e paese d’Europa sarà dotato di un accesso gratuito a internet senza fili nei principali punti di aggregazione pubblica sul territorio. Parlava del WiFi e del progetto WiFI4EU, che con un budget di 120 milioni di euro favorirà, tra il 2017 e il 2019, l’installazione di dispositivi per il wifi all’avanguardia nei principali centri della vita comunitaria di un territorio.

L’obiettivo è quello di offrire ai cittadini connessioni ad alta velocità in un numero di comunità locali compreso fra 6000 e 8000 entro il 2020. Le risorse stanziate serviranno a finanziare l’attrezzatura e i costi di installazione (punti di accesso a Internet), mentre l’organismo beneficiario pagherà per la connettività (abbonamento a Internet) e la manutenzione delle attrezzature per almeno 3 anni. Stamattina a Bruxelles, alla presenza della Commissaria europea all’Economia Digitale Mariya Gabriel, il sottosegretario di Stato del ministero dello Sviluppo economico con delega alle Telecomunicazioni, Antonello Giacomelli, e il direttore della DG Connect della Commissione europea, Roberto Viola, hanno firmato un administrative arrangement per la collaborazione tra WiFi.Italia.it e il progetto europeo WIFi4EU. Giacomelli si è detto convinto che l’esperienza italiana potrà costituire una best practice in Europa: “Siamo il primo tra i paesi europei ad aver avviato da luglio la costruzione di una rete federata nazionale con il lancio di una APP che consente già ora a cittadini e turisti, italiani e stranieri, di connettersi gratuitamente e usufruire di contenuti e servizi dell’ecosistema turismo. A seguito di due protocolli sottoscritti dal ministero dello Sviluppo economico, Property Managers Italia e Assoporti, la rete federata WiFi dell’Italia includerà anche le strutture ricettive extra-alberghiere e il sistema portuale italiano. In questo modo, recita una nota stampa, sarà possibile aumentare l’offerta turistica attraverso non solo una rete wi-fi gratuita ma anche i servizi che in futuro tramite l’app dedicata potranno essere offerti: dall’acquisto di un biglietto per un museo agli itinerari enogastronomici di un determinato territorio.