82 arrestati, 782 indagati e oltre 348.000 persone controllate.

Views

Questi i risultati del mese di maggio dell’attività della Polizia di Stato nelle stazioni ferroviarie e sui treni

82 arrestati, 782 indagati e 348.259 persone controllate: è questo il bilancio dei controlli nel mese di maggio della Polizia ferroviaria. 16.116 le pattuglie impegnate nelle stazioni e 2.947 a bordo treno, 1.043 i servizi antiborseggio, 221 gli stranieri rintracciati in posizione irregolare e 143 i minori non accompagnati rintracciati dal personale della Specialità e restituiti alle famiglie o collocati in comunità.

Dal 9 al 15 maggio è stata effettuata una settimana di controlli straordinari nell’ambito del trasporto ferroviario di merci pericolose. 47 controlli effettuati, 324 numero carri ispezionati, 6 contestazioni elevate, 21.000 euro l’importo totale delle sanzioni applicate.

Controlli intensificati anche grazie alle operazioni straordinarie organizzate dal Servizio Polizia ferroviaria su tutto il territorio nazionale durante l’intero mese, quali “Oro Rosso”, “Rail Safe Day” e “Stazioni Sicure”. La quinta giornata “Oro Rosso” del 16 maggio, finalizzata a contrastare il fenomeno dei furti di rame in ambito ferroviario che ha visto 531 operatori impegnati in 150 servizi di pattugliamento lungo linea e 57 su strada; oltre 2.045 persone controllate, 7 indagate e 234 rottamai ispezionati. L’operazione “Rail Safe Day” del 24 maggio, ha visto il presenziamento e controllo di 635 località “sensibili” in tutta Italia, di cui 519 stazioni, per prevenire comportamenti anomali e scorretti in ambito ferroviario che spesso sono causa di incidenti. 62 le sanzioni applicate da 1.385 operatori Polfer. Infine, la quinta giornata dell’operazione “Stazioni sicure” del 30 maggio scorso, mirata al controllo di persone e bagagli in stazione, che ha visto 1.272 operatori impegnati nelle stazioni interessate, oltre 3.195 bagagli ispezionati, 13.490 persone controllate, un arrestato e 31 indagati.

In particolare, a Milano, un cittadino straniero è stato arrestato per il reato di rapina impropria. Un agente, libero dal servizio, ha notato il giovane avvicinarsi ai viaggiatori in coda alle biglietterie automatiche della stazione centrale ed appropriarsi con destrezza di uno zaino. Quando il poliziotto si è avvicinato e si è qualificato, il 40enne algerino ha reagito violentemente spintonandolo e dimenandosi per non essere arrestato. Al termine di una colluttazione è stato infine bloccato e portato in Ufficio.

Durante l’operazione straordinaria “Oro Rosso”, il personale del Compartimento Polizia ferroviaria per il Piemonte e Valle d’Aosta ha posto sotto sequestro un’area all’interno di una ditta di recupero metalli, compreso il relativo contenuto, in quanto il proprietario, un 51enne italiano e un suo collaboratore, un 54enne egiziano, esercitavano attività di gestione rifiuti pericolosi in assenza del titolo autorizzativo. I due uomini sono stati denunciati per ricettazione in concorso e attività di autodemolizione non autorizzata. Il titolare dell’attività è stato anche sanzionato amministrativamente per irregolarità dei registri e della documentazione prevista con una sanzione di oltre 4.000 euro.

Tra le storie a lieto fine, quella avvenuta a Novara, dove gli agenti della Polfer hanno salvato un ragazzo italiano di 30 anni che si era recato in stazione con intenti suicidi. Il giovane è stato rintracciato in stato confusionale al centro del binario e, dopo un primo momento in cui sembrava essersi tranquillizzato, alla vista del treno in ingresso in stazione ha cominciato a correre verso lo stesso con l’intento di buttarsi. Solo l’intervento dei poliziotti ha evitato, in extremis, il peggio. Quella di un bambino di 8 anni, di nazionalità libica, allontanatosi da casa in provincia di Napoli e ritrovato dagli agenti della Polizia ferroviaria da solo a bordo di un treno metropolitano. Dopo essere stato rifocillato e tranquillizzato dai poliziotti, il giovanissimo è stato riaffidato ai genitori che lo hanno potuto riabbracciare.  

A Catania, è stata salvata dagli agenti della Polfer, “Febe”, una cagnolina di razza levriero lungo la linea ferroviaria, nei pressi della galleria “Zurria”. I poliziotti, appresa la notizia dell’allontanamento del cane dalla stessa padrona e avendo saputo che l’animale era stato visto lungo la linea ferrata, hanno attivato tutte le procedure di sicurezza, pattugliando la sede ferrata, riuscendo a rintracciarla e a riconsegnarla alla proprietaria.

Proseguono gli incontri nell’ambito della campagna di educazione alla sicurezza ferroviaria “Train…to be cool”, non solo presso gli istituti scolastici ma anche durante manifestazioni ed eventi di piazza. Il personale della Polizia ferroviaria, nel mese di maggio, è stato presente alla XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro 2022 a Torino, a fianco della Questura, della Polizia Stradale, Postale e Scientifica. La manifestazione ha visto impegnati gli agenti della Specialità presso lo stand dedicato alla Polizia di Stato, dove hanno incontrato famiglie e visitatori di tutte le età, provvedendo a sensibilizzarli, anche mediante slide e filmati, all’adozione di comportamenti responsabili e sicuri per la propria e altrui incolumità.

82 arrestati, 782 indagati e oltre 348.000 persone controllate.