Firenze: Aeronautica militare vicina alla Fondazione Ospedale Pediatrico Meyer

Views

(di Massimiliano D’Elia) A Firenze presso l’Isituto Scienze Militari Aeronautiche circa cento capitani provenienti da tutte le basi italiane, frequentatori del 25simo corso di Perfezionamento, hanno organizzato una serata di beneficenza a favore della Fondazione Ospedale Pediatrico Meyer.

Alla presenza del comandante dell’Istituto, generale di brigata aerea Vincenzo Nuzzo e dell’intero quadro permanente, ospite d’eccezione il presidente della fondazione il professore neonatologo Gianpaolo Donzelli, gli ufficiali frequentatori hanno donato all’ospedale pediatrico toscano un piccolo messaggio di speranza.

 

Il personale dell’Aeronautica Militare in moltissime altre occasioni, in tutt’Italia, è sempre stato vicino a chi sta affrontando le vere “battaglie”, quelle per la vita. L’Istituto Scienze Militari Aeronautiche di Firenze da sempre supporta la Fondazione Ospedale Pediatrico Meyer sia con la formula della raccolta fondi sia con attività  periodica di donazione del “sangue”.

Essere vicino ai più piccoli, ha sottolineato il professore Donzelli ringraziando i giovani ufficiali, forse è il volo più alto che voi tutti potevate fare questa sera”.

Il generale Nuzzo ha ringraziato tutti i suoi ufficiali  frequentatori, dicendo: “questa sera si legge dai vostri occhi lo spirito dell’Aeronautica, sempre al servizio del Paese e dei suoi cittadini, in questo caso dei più piccoli”.

ISMA Firenze

Presso il prestigioso Istituto affluiscono gli Ufficiali nel grado di Capitano per la frequenza di corsi necessari per l’avanzamento al grado di Maggiore. Ad uno di questi corsi è associato un Master in “Leadership ed analisi strategica”, realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali “Cesare Alfieri” dell’Università degli Studi di Firenze, aperto anche ai civili laureati. Altri momenti formativi sono previsti nel grado di Tenente Colonnello e Colonnello per gli Ufficiali che assumeranno la funzione di Comandante di Gruppo e di Reparto. A questi, si è altresì aggiunto il Seminario per Generali di Brigata che si pone quale opportunità di riflessione, in cui scambiare esperienze e conoscenze, acquisire strumenti e stimolare il pensiero strategico. L’Istituto, parimenti, si afferma anche quale polo culturale e di pensiero della Forza Armata, ospitando Congressi e Seminari Internazionali a carattere aeronautico e militare, nonché convegni e gruppi di studio e lavoro sia nazionali, sia internazionali. Le potenzialità logistiche e tecnologiche dell’ISMA sono riconosciute ed apprezzate anche a livello interforze ed industriali tali da poter ospitare simposi, tavoli di lavoro, riunioni e committee NATO, UE e civili.

L’obiettivo dell’Istituto è quello di pervenire ad un’eccellenza nell’attività di formazione militare nel senso più ampio del termine: dall’accrescimento di competenze direttive e/o dirigenziali, allo sviluppo delle risorse umane, dalle iniziative per lo sviluppo dottrinale del Potere Aereo-Spaziale, coinvolgendo organismi di caratura nazionale ed internazionale, alle attività di ricerca e sviluppo; dalle innovative metodologie didattiche, esperienziali e a distanza (e-learning), ai processi formativi di alta valenza, tesi ad incrementare le competenze nel settore della Leadership e del Management. Dunque evolversi fino a diventare un polo culturale, punto di riferimento per formatori e istruttori militari e non.

E’ operativo inoltre, presso l’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche, il Reparto per la Formazione Didattica e Manageriale, che ha il compito peculiare di svolgere attività di formazione e di ricerca/sviluppo nei settori delle metodologie didattiche e delle competenze manageriali: il Reparto è focal point in Aeronautica militare per la metodologia e-learning e per la formazione alla leadership oltre a fornire una formazione orientata all’impiego e all’operatività, qualificando figure professionali quali gli insegnanti e gli istruttori militari, i tutor e-learning, gli advisors per le Operazioni Fuori dai Confini Nazionali e, in ambito manageriale, i Project Manager militari. Il Re.Fo.Di.Ma. è altresì responsabile per la formazione di figure professionali che a diverso titolo si occupano di progettare e valutare i percorsi formativi: a tal scopo è condotto un corso sulla Progettazione e la Valutazione Didattica per Responsabili della formazione, nel quale vengono fornite tecniche e strumenti avanzati indispensabili per realizzare corsi improntati alla massima efficacia formativa. In collaborazione con l’Università di Firenze, inoltre, il Reparto per la Formazione Didattica e Manageriale promuove anche corsi di Alta Formazione, nello specifico sullo Human Resource Management, per quanto concerne l’ambito manageriale, e sulle nuove metodologie formative (formazione esperienziale/outdoor) per quanto riguarda i metodi didattici innovativi. La maggior parte dei corsi del Reparto per la Formazione Didattica e Manageriale è aperta, oltre che ai dipendenti del Ministero Difesa, anche a personale non appartenente all’Amministrazione Difesa che ne faccia motivata richiesta per scopi professionali. Dall’ISMA dipende a sua volta la Scuola Militare Aeronautica “Giulio Douhet”, costituita nel 2006, con l’obiettivo di dare ai giovani studenti liceali una preparazione di alta qualità, fondata sul rispetto reciproco e lo spirito di corpo e con insegnamenti mirati alle attività aeronautiche. L’obiettivo della Scuola Militare è offrire un’opportunità formativa pre-universitaria varia ed equilibrata garantendo ai giovani allievi un percorso articolato di studi scientifici-matematici, umanistici e linguistici che comprenda una educazione etica e morale solida, anche attraverso lo studio della storia e delle nobile tradizioni dell’AM, al fine di forgiare degli esemplari cittadini, vicini alle Pubbliche Istituzioni, legati ai valori aeronautici e consapevoli delle dinamiche sociali, politiche ed economiche del loro tempo. Nel 2009 la bandiera d’Istituto dell’ ISMA è stata decorata di Medaglia d’oro al merito aeronautico.​

Fondazione Ospedale Pediatrico Meyer

Le attività di ricerca sperimentale e translazionale del Meyer possono contare su di un alleato particolare: la Fondazione dell’Ospedale Pediatrico Meyer ONLUS.

Grazie al lavoro della Fondazione e alla sua mirata attività di fundraising, possono essere sostenuti progetti scientifici e di aggiornamento tecnologico di importanza strategica per la continua crescita scientifica ed assistenziale dell’ospedale.

Molti progetti di accoglienza, rivolti ai bambini e alle famiglie, costituiscono un valore aggiunto che si integra nel percorso di cura. Tutto ciò permette ai piccoli pazienti di giocare in un ambiente confortevole, ricco di colori e curiosità, di sperimentare le molteplici attività dei laboratori didattici in ludoteca, di ascoltare la musica insieme ai genitori, di condividere la giocosità dei clown e l’esperienza della “pet therapy”.

La Fondazione persegue i suoi obiettivi secondo principi di equità, efficienza e trasparenza e fa dell’attività di rendicontazione pubblica un momento irrinunciabile di “accountability” e di identità valoriale si cui basa la sua attività.

 

Firenze: Aeronautica militare vicina alla Fondazione Ospedale Pediatrico Meyer