Aeronautica Militare, volo salvavita per una neonata di appena cinque giorni

Views

Trasportata dalla Calabria con un velivolo Falcon 900 del 31° Stormo, la piccola è stata ricoverata presso l’ospedale Bambino Gesù di Roma.

Si è conclusa nel tardo pomeriggio di ieri la missione del Falcon 900 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare che ha trasportato, all’interno di una culla termica, una neonata di appena cinque giorni in imminente pericolo di vita. Il trasporto, avvenuto con la massima urgenza dall’Ospedale Civile di Catanzaro, si è concluso con il ricovero della piccolissima paziente presso l’Ospedale Bambino Gesù di Roma.

Il Falcon 900, uno degli assetti che l’Aeronautica Militare tiene in prontezza operativa ogni giorno, 24 ore su 24, per prestare soccorso alla collettività, è decollato dall’aeroporto di Ciampino per imbarcare la piccola paziente a Lamezia Terme, insieme ad un’equipe medica che ne ha assicurato l’assistenza durante il volo.

Ripartito dall’aeroporto calabrese, l’aereo è poi atterrato a Ciampino nel pomeriggio dove la piccola è stata immediatamente trasferita in ospedale.

Il volo sanitario è stato attivato, su richiesta della Prefettura di Catanzaro, dalla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare che si occupa, tra l’altro, del coordinamento di questo genere di attività a favore della popolazione civile su tutto il territorio nazionale.

Attraverso i suoi Reparti di Volo, l’Aeronautica Militare mette a disposizione mezzi ed equipaggi pronti a decollare in qualunque momento e in grado di operare in qualsiasi condizione meteorologica per assicurare il trasporto urgente non solo di persone in imminente pericolo di vita, come accaduto oggi, ma anche di organi ed equipe mediche per trapianti. Sono centinaia ogni anno le ore di volo effettuate per questo genere di interventi dagli aerei del 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare e della 46a Brigata Aerea di Pisa.

Aeronautica Militare, volo salvavita per una neonata di appena cinque giorni