Analisi predittiva dello stress cognitivo di piloti e automobilisti, Leonardo premia la tesi di una neolaureata in ingegneria meccanica

Views

L’impegno per la valorizzazione dei giovani talenti e la diffusione delle discipline STEM (Science, Technology, Engineering e Mathematics) sono al centro della partecipazione di Leonardo all’iniziativa dei Premi di Laurea del Comitato Leonardo, associazione per la promozione del made in Italy nel mondo. Il riconoscimento è stato assegnato oggi da Leonardo a Mara Tonietti, neolaureata in ingegneria meccanica all’Università di Modena e Reggio Emilia, nel corso della Giornata Qualità Italia. L’evento si è svolto alla presenza, tra gli altri, del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, del Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, del Ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, della Presidente del Comitato Leonardo, Luisa Todini, del Presidente dell’Agenzia ICE, Carlo Ferro e del Presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia.

“L’innovazione tecnologica ha un ruolo chiave per la crescita del Paese”, sottolinea Alessandro Profumo, Amministratore Delegato di Leonardo. “È con questo obiettivo che Leonardo è fortemente impegnata nella diffusione, tra le nuove generazioni, delle competenze scientifiche in grado di alimentare quel capitale umano fondamentale per le imprese che puntino alla competitività nel lungo termine. Ma il capitale umano ha bisogno anche di diversità di genere. Il premio assegnato oggi a una giovane ingegnere donna – aggiunge Profumo – avrà dunque ancora maggior valore se saprà ispirare altre ragazze nel seguire percorsi STEM in un settore che registra ad oggi una preponderante presenza maschile”.

La tesi vincitrice è incentrata sull’analisi predittiva delle condizioni psicofisiche delle persone alla guida dei veicoli con l’obiettivo di aumentare la sicurezza sulle strade. Lo studio, funzionale alla definizione di un metodo di riconoscimento del carico mentale (workload), si basa sull’esame della variazione dei parametri psicofisici del guidatore attraverso test sperimentali. La variazione di tali parametri e delle performance di guida è stata monitorata con analisi real-time attraverso un sensore biometrico indossabile, un tracciatore oculare (eye tracker) e le registrazioni dei dati raccolti da un simulatore.

Lo studio si inserisce in un filone da tempo all’attenzione di Leonardo, relativo alla valutazione del carico cognitivo e del livello di stress degli operatori di volo. In questa direzione va, infatti, il programma di ricerca avviato dalla Divisione Elicotteri dell’azienda, in collaborazione con l’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara e la società Next2U srl, con il coinvolgimento dell’Aviazione dell’Esercito. Il sistema ISMS (Infrared Stress Monitoring System) analizza il carico cognitivo di piloti e copiloti durante le operazioni di volo, attraverso l’esame di indici psicofisici oggettivi, studiando la modulazione dell’attività del sistema neurovegetativo. In particolare, grazie alle tecnologie dell’infrarosso, con l’impiego di una termocamera è possibile individuare le cosiddette “variazione emotive” di un individuo: parametri misurabili attraverso un insieme di reazioni – dal battito cardiaco, alla respirazione, al rilascio di ormoni, al controllo metabolico – che influenzano la temperatura cutanea di alcune aree del viso. I dati termici rilevati dalla termocamera costituiscono un indicatore oggettivo di misurazione dello stress cognitivo. Il sistema, che può trovare un’ampia gamma di applicazioni, sarà utilizzato, nel prossimo futuro, direttamente a bordo dei velivoli.

Analisi predittiva dello stress cognitivo di piloti e automobilisti, Leonardo premia la tesi di una neolaureata in ingegneria meccanica

ATTUALITA' |