Arabia Saudita a caccia di 6000 profili twitter ostili al regno

Views

Le autorità degli Stati Uniti hanno accusato due dipendenti di Twitter e un membro dello staff della famiglia reale dell’Arabia Saudita di spionaggio a favore di  Riyadh. Il Federal Bureau of Investigation ha presentato una denuncia mercoledì a San Francisco, accusando i tre uomini di aver  “agito  come agenti” per l’Arabia Saudita.
Secondo l’FBI, le accuse derivano da un’indagine che è durata diversi anni, incentrata sugli sforzi del regno petrolifero arabo  per identificare e mettere a tacere gli oppositori  sui social media. Nel 2015, il governo saudita avrebbe raggiunto Ali Alzabarah, un ingegnere di rete di 35 anni che lavorava per Twitter, che viveva a San Francisco. La denuncia sostiene che Ahmed Almutairi (noto anche come Ahmed Aljbreen), che ha lavorato come “consulente sui social media” per la famiglia reale dell’Arabia Saudita, ha organizzato un incontro di Ali Alzabarah a Washington per incontrare un membro non della dinastia saudita .
Alzabarah, insieme ad un altro dipendente di Twitter, il 41enne Ahmad Abouammo, hanno ricevuto denaro e regali dal governo saudita in cambio della fornitura di informazioni private su specifici utenti di Twitter. Le informazioni fornite dai due dipendenti di Twitter alle autorità saudite includevano presumibilmente gli indirizzi e-mail, gli indirizzi IP e le date di nascita di circa  6.000 utenti di Twitter, che avevano pubblicato commenti negativi sulla famiglia reale saudita sui social media.
Gli agenti speciali dell’ufficio del campo dell’FBI Settle hanno arrestato Abouammo nella sua casa di Seattle martedì. Tuttavia, si ritiene che Alzabarah sia fuggito dagli Stati Uniti insieme alla sua famiglia prima che l’FBI fosse in grado di arrestarlo. Attualmente si ritiene che sia ricercato in Arabia Saudita su mandato di cattura internazionale da parte dell’FBI. Il governo saudita non ha commentato la vicenda.

Arabia Saudita a caccia di 6000 profili twitter ostili al regno

EVIDENZA 1, INTELLIGENCE |