Generale Debertolis, nuovo presidente dell’Associazione Nazionale Ufficiali Aeronautica

Views

Il 9 aprile il generale di squadra aerea Claudio Debertolis, già Segretario Generale della Difesa e Direttore Nazionale degli Armamenti  è diventato il Presidente dell’Associazione Nazionale degli Ufficiali dell’Aeronautica (A.N.U.A.). L’Associazione nasce il 26 Giugno 1951 dalla fusione dell’Associazione Nazionale Ufficiali Aeronautica Provenienti dal Servizio Permanente Effettivo (A.N.U.A.P.S.E.) e dall’Unione Nazionale degli Ufficiali Aviatori (U.N.D.U.A.)Il sodalizio, costituito inizialmente da Ufficiali in congedo di ogni ordine, grado e specialità, è stato, in seguito, aperto ad una più ampia partecipazione di tutti gli ufficiali dell’Aeronautica sia in servizio che in quiescenza, nonché a sostenitori e simpatizzanti dell’Arma Azzurra.

L’Associazione viene infine inserita nell’elenco delle Associazioni Militari e riconosciuta dal Ministero della Difesa con D.M. del 5 Agosto 1982.

Il saluto del  generale Debertolis, nell’assumere il prestigioso incarico:

E’ con grande piacere ed orgoglio che assumo la Presidenza di questa  prestigiosa Associazione che vanta una così longeva tradizione e mi è veramente gradito salutarvi ed esprimere e condividere con voi i miei pensieri in questo momento per me così significativo.

Devo confessare  che sino a qualche settimana fa non avevo nessuna idea di avvicinarmi a una realtà associativa, ero però in una situazione  di forte disagio per una profonda nostalgia del mio periodo di servizio delle esperienze passate, delle battaglie affrontate per il miglioramento delle capacità della nostra Aeronautica, della Difesa della sicurezza del Paese.

Nel raggiungere i limiti d’età, ho preferito scegliere una strada che mi vedesse ancora vivo  in questo settore e ho dedicato la mia esperienza ad alcune realtà industriali di questo Paese, nella convinzione che avrei potuto continuare un cammino che ci vede sempre troppo presto tolti ai nostri doveri e con abitudini di lavoro e dedizione difficili a mutare.

Nel mondo dell’Industria della Difesa, assetto quanto mai strategico e importantissimo per il nostro Paese, ho trovato tante persone di grande valore e grandi capacità tecniche, ma anche una grande differenza  di situazione ambientale. Spesso le persone non hanno il sostegno di una organizzazione dove i valori fondanti sono chiarissimi, spesso si devia su ragionamenti e comportamenti prosaici che poco spazio lasciano all’orgoglio dell’appartenenza. Spesso le leadership non hanno molta cura dello stato d’animo del proprio personale, perché ritengono di dover seguire  logiche pratiche dove la persona conta solo per quello che può dare, non per quello che sente. Questo non è un bene.

Pertanto io vorrei semplicemente dirvi che siamo stati estremamente fortunati a vivere il nostro lavoro in un ambiente dove esiste il senso di appartenenza, l’idea di essere al servizio dello Stato e della comunità e l’orgoglio di vestire un’uniforme che dal 1923 rappresenta forza, modernità, capacità di usare e ben gestire gli strumenti di più elevata tecnologia esistenti. Questi sono tutti aspetti  che abbiamo interiorizzato con naturalezza, senza renderci conto di quanto fossero straordinari, arricchenti, di quanto costituissero un riferimento certo in un mondo dove nessun valore è dato per scontato. Nel nostro mondo è importante quello che uno sente, perché da quel sentire nasce la dedizione e il dare molto alla comunità. Questo è bene.

Ora chi lascia il servizio  non ha più doveri da compiere, ma tutto l’immenso patrimonio di valori ricevuto è ancora lì, e anzi, non avendo più l’impegno stabilito dall’Istituzione, può ben gestirlo  e dedicarsi a questo patrimonio e cominciare a darsi da solo e volontariamente altri doveri per conservarlo, viverlo, trasmetterlo, farne una bandiera da esporre in ogni circostanza. Nel momento in cui Mario Majorani  mi ha proposto di candidarmi, il significato, la realtà, la potenzialità moralmente benefica di un’associazione come la nostra, mi è improvvisamente apparsa in tutta la sua forza”.      

 

Generale Debertolis, nuovo presidente dell’Associazione Nazionale Ufficiali Aeronautica

ATTUALITA' |