Elezioni. Il PD Faraone soddisfatto per la candidatura in Sicilia di soli candidati siciliani. Il deputato M5S Toninelli critica la candidatura della Boschi in Sicilia e a Bolzano

Views

Davide Faraone, Sottosegretario di Stato del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nel Governo Renzi e Sottosegretario alla Salute nel Governo Gentiloni, in un incontro tenutosi presso la sede di “Cambiamenti”, a Palermo ed incentrato sulle elezioni politiche previste il prossimo ‪4 marzo‬, ha così commentato con i giornalisti presenti:
“Se rinnoviamo le liste ci attaccano perché non garantiamo i percorsi politici del passato. Se non lo facciamo ci attaccano perché restiamo legati agli stessi nomi. Siamo orgogliosi di queste liste. Ci prepariamo ad una sfida a testa alta essendo competitivi anche in tanti collegi uninominali. Al di là di quello che viene raccontato sono convinto che in molti collegi uninominali il Pd e la coalizione saranno competitivi. Questa è la squadra migliore che si potesse mettere in campo. Ci saranno poi i momenti per fare le valutazioni sui gruppi dirigenti, ma non è il momento delle elezioni”.
Il politico palermitano ha poi aggiunto: “Ci sono state polemiche pubbliche che hanno riguardato tutte le forze politiche. Non c’è forza politica da cui non sia emerso un elemento di criticità. Credo che sia fisiologico: ad ogni elezione e ad ogni composizione di liste ci sono polemiche, e anch’io le ho fatte in passato. E’ curioso leggere sui giornali titoli spesso contrastanti, a volte che il Pd presenta degli sconosciuti e altre volte che mette in campo i soliti noti. Non si sottolinea che eleggeremo per la prima volta soltanto parlamentari siciliani: non c’è alcun paracadutato in Sicilia, neanche uno, a differenza di quanto accade in altre Regioni con paracadutati da tutti i partiti. La rappresentanza che abbiamo messo in campo è eterogenea e tiene dentro tante figure, dai dirigenti di partito come i segretari provinciali e quello regionale, alla società civile come Gaspare Gulotta del Policlinico di Palermo o il rettore di Messina Pietro Navarra, e ancora sindaci e amministratori come Fabio Venezia, sindaco di Troina. E siamo onorati delle candidature di Maria Elena Boschi e Paolo Gentiloni perché rappresentano un gruppo dirigente nazionale di governo che ha maturato successi – ha concluso Faraone -. Maria Elena è stata protagonista del successo del G7 di Taormina”.

A proposito delle candidature “a distanza”, il deputato del Movimento 5 Stelle Danilo Toninelli durante un’intervista andata in onda su Radio Radio, aveva così commentato la candidatura di Maria Elena Boschi, lontano dalle sue “naturali” zone di competenza:
“La candidatura della Boschi a Bolzano? Come si può permettere questa persona che, nella sua vomitevole riforma costituzionale Renzi Boschi bocciata dai cittadini, voleva abolire le provincie di Trento e Bolzano candidarsi ora a Bolzano e in Sicilia. Ma voi lo sapete che la Boschi è candidata i 5 collegi plurinominali come capolista e nell’uninominale di Bolzano? Ovviamente le hanno garantito il seggio, ma chi rappresenta questa qua?”.

Elezioni. Il PD Faraone soddisfatto per la candidatura in Sicilia di soli candidati siciliani. Il deputato M5S Toninelli critica la candidatura della Boschi in Sicilia e a Bolzano