Flyboard air, il soldato volante tra sogno e realtà

Views

Il #Flyboard air, la piattaforma volante creata dal francese Franky Zapata e realizzata da Zapata Industries, ha catturato l’attenzione degli eserciti di tutti il mondo. Lo scrive il quotidiano francese “Les Echos”, spiegando che si tratta di un dispositivo alimentato a cherosene, dotato di cinque mini-turboreattori e capace di volare fino a 190 Km/h con un’autonomia di una decina di minuti. 

Il ministro della Difesa francese ha spiegato che il Flyboard Air “permetterà di testare differenti utilizzi, ad esempio una piattaforma logistica volante o una piattaforma d’assalto”. La Francia ha rischiato di farsi scappare il progetto visto che Zapata nell’ottobre del 2017 ha proposto la piattaforma volante all’esercito statunitense. Nel novembre del 2018 la Difesa francese ha sbloccato 1,3 milioni di euro per sviluppare il Flyboard air.  

 

 

Il Comando Operazioni Speciali degli Stati Uniti potrebbe, quindi, trasformare in realtà il sogno dei soldati di avere una fanteria in volo.

Domenica scorsa, il presidente francese Emmanuel Macron ha condiviso un video insolito che mostrava un uomo su una piattaforma in volo sul cielo  durante le celebrazioni del giorno della presa della Bastiglia a Parigi.

Il video è stato accompagnato da un semplice messaggio di “Fier de notre armée, moderne et innovante”, “orgoglioso del nostro esercito, moderno e innovativo”, facendo capire che le forze armate francesi potrebbero usare l’insolito veicolo per potenziali applicazioni militari. 

Non è chiaro quale sia, se esiste, una relazione formale tra Zapata Racing e le Forze armate francesi, ma Zapata ha da tempo espresso il desiderio di sviluppare ulteriormente la piattaforma per potenziali applicazioni militari.

Abbiamo terminato la ricerca e lo sviluppo di un nuovo progetto che utilizzerà attrezzature e tecnologie simili ma sarà più facile da utilizzare per un pubblico più ampio, e certamente anche per l’esercito o per la sicurezza“, aveva detto Zapata Verge in un’intervista del 2016.

Nel 2016, Zapata ha venduto Zapata Racing all’imprenditore della difesa Implant Sciences. L’anno seguente, ha condotto dimostrazioni con i funzionari di Flyboard Air for Army.

I contatti di Implant Sciences con l’esercito americano sono stati qualcosa di molto entusiasmanti per me“, aveva dichiarato Zapata ai tempi di Digital Trends. “Abbiamo la tecnologia, ma avere accesso a questi contatti è stato molto prezioso per noi: i soldi che porteranno alla società significa anche che saremo in grado di sviluppare una gamma di nuovi sviluppi tecnologici“. 

Alla fine del 2018, il partenariato pubblico-privato SOFWERX finanziato da SOCOM ha condotto test del cosiddetto sistema di mobilità aerea individuale (IAMS) costruito sulla piattaforma aerea EZ-Fly di Zapata. 

Secondo The War Zone, la compagnia aveva persino cercato altri dipendenti con background operativi speciali per aiutare Zapata a “fabbricare il derivato militarizzato” del Flyboard Air.

“SOFWERX … ha sviluppato e testato un protocollo di addestramento per determinare la sua efficacia per gli operatori SOF e per determinare la velocità con cui potrebbero essere addestrati a pilotare EZ-Fly”, ha detto l’organizzazione del programma IAMS. 

I tirocinanti hanno eseguito valutazioni avanzate delle abilità e sono riusciti a pilotare con successo l’EZ-Fly attraverso un corso di slalom con tre settimane di allenamento totale“.

Certo, la dimostrazione del giorno della presa della Bastiglia non significa necessariamente che l’impianto di Zapata sia completamente militarizzato e pronto all’uso operativo. 

Come ha ricordato The War Zone nel 2018, la tecnologia è ben lungi dall’essere perfetta sia nel design che nell’applicazione. Il problema maggiore è la limitata autonomia. L’operatore dovrebbe fare continui rifornimenti per poter compiere la missione.

Il costo unitario potenziale di circa 250 mila dollari è all’incirca  la metà di quello dei piccoli veicoli 4×4 per operazioni speciali. E’ probabile che l’esercito Usa possa pensare di  equipaggiare piccole unità con queste singolari piattaforme aeree. Una squadra di nove uomini costerebbe però  più di 2 milioni di dollari.

Oltre a tutto ciò Fly-EZ continua a lasciare l’operatore interamente esposto al fuoco nemico e non è chiaro se l’utente possa sparare con un’arma, anche con una sola mano, mentre vola. Le sue capacità di velocità, manovrabilità e altitudine contribuirebbero a mitigare questa vulnerabilità, ma i video dei test dimostrano che la piattaforma si muove molto lentamente quando decolla o atterra. La tecnologia, al momento può destare solo  molto interesse ma necessita di ulteriori studi e maggiori approfondimenti e innovazioni  per poter riscuotere interesse ed avere un utilizzo militare.

 

Flyboard air, il soldato volante tra sogno e realtà

ECONOMIA, EVIDENZA 1 |