Iran, repulisti nella Magistratura, accusata di alti livelli di corruzione

Views

Un alto funzionario dell’intelligence iraniana ha confermato le voci diffuse secondo cui una campagna anticorruzione senza precedenti si sta svolgendo ai vertici del potere giudiziario dell’Iran, con alcune figure senior già in prigione. La magistratura iraniana è una delle istituzioni più potenti e segrete della Repubblica islamica. È nominata nominalmente dal ministero della Giustizia iraniano, ma i suoi alti funzionari, incluso il capo della magistratura, sono nominati direttamente dal leader supremo dell’Iran Ali Khamenei. Ne consegue che la magistratura è stata un’istituzione profondamente conservatrice per tutta l’esistenza del paese, e in particolare dopo la rivoluzione islamica del 1979.
Fino all’inizio di quest’anno, la magistratura era guidata dall’ayatollah Sadeq Amoli Larijani, un protetto di Khamenei, che lo aveva nominato principale giudice nell’agosto del 2009. Durante tutto il decennio di Larijani, correvano  voci di corruzione dilagante nella magistratura, ma Khamenei non è mai voluto intervenire. Tuttavia, nel marzo di quest’anno Larijani è stato improvvisamente rimosso dalla sua posizione e sostituito con Ebrahim Raeesi, un ex procuratore generale conservatore con credenziali clericali di livello medio-basso. Non appena si è incaricato della magistratura, Raeesi ha annunciato una vasta campagna per combattere la corruzione. A luglio, i media hanno fatto trapelare che  il vice capo della giustizia iraniana, Akbar Tabari, era stato arrestato.
Mercoledì scorso, Ali Abdollahi, capo dell’ala dell’intelligence e della sicurezza della magistratura, ha dichiarato durante un discorso che Tabari era stato effettivamente incarcerato per “aver esercitato influenza su alcuni casi legali” e “avere rapporti illegali e non etici”. Ha aggiunto che un certo numero di altri membri della magistratura sono stati arrestati in relazione alle indagini su Tabari. Giovedì, Abdollahi ha dichiarato che gli arresti sono avvenuti sotto la direzione del leader supremo Khamenei e che continueranno sia all’interno che all’esterno della magistratura. Non ci sarebbe “nessun ritardo nel ripulire l’interno e l’esterno della magistratura”, ha detto Abdollahi. Raeesi e Khamenei non hanno rilasciato commenti pubblici. Ma ora gli osservatori credono che l’ondata senza precedenti di arresti non avrebbe mai raggiunto i livelli superiori della magistratura se il leader supremo non avesse dato personalmente il via libera alla campagna anticorruzione.

Iran, repulisti nella Magistratura, accusata di alti livelli di corruzione

INTELLIGENCE |