Iran, la guerra del Petrolio e le spie straniere a caccia delle transazioni nascoste

Views

Il settore energetico statale dell’Iran, uno dei più redditizi del mondo, è diventato un importante obiettivo dello spionaggio internazionale. E’ stato sottoposto pertanto a nuove sanzioni da parte degli Stati Uniti quest’anno. Lo scopo delle sanzioni di Washington è limitare la capacità della Repubblica islamica di esportare energia e, in tal modo, porre fine alla dipendenza del paese dalla sua principale fonte di reddito. Si stima che le esportazioni di energia di Teheran siano diminuite dell’80% circa nell’ultimo anno e che potrebbero continuare a calare se gli Stati Uniti riusciranno ad imporre nuove sanzioni.

Ciò significa che le agenzie di intelligence americane e iraniane sono attualmente impegnate in un’intensa guerra di spionaggio che si concentra su ciò che resta delle esportazioni di petrolio dell’Iran. L’Iran continua ad attirare gli acquirenti internazionali vendendo energia a prezzi inferiori al mercato, mentre le vendite sono facilitate dall’uso di conti bancari “usa e getta” che sono difficili da rintracciare. Le esportazioni vengono quindi introdotte di nascosto in destinazioni d’oltremare attraverso una varietà di mezzi.
In un articolo pubblicato la scorsa settimana, Farnaz Fassihi del New York Times spiega che ogni frammento di informazioni sull’industria petrolifera iraniana è ora diventato “un’arma geopolitica preziosa” in un “gioco globale di spionaggio e controspionaggio”.

Fassihi cita una recente dichiarazione del ministro iraniano del petrolio Bijan Zanganeh secondo cui “le informazioni sulle esportazioni di petrolio dell’Iran sono informazioni di guerra“.

Ciò include informazioni su come l’Iran riesce a consegnare le sue esportazioni all’estero e su come viene pagato per farlo. Una volta che gli Stati Uniti hanno inasprito le sanzioni contro Teheran, i funzionari iraniani dell’energia hanno iniziato a sospettare che la maggior parte delle richieste di acquisto di petrolio provenissero da spie straniere in cerca di informazioni sui metodi di transazione, scrive Fassihi.

Quindi il Ministero del Petrolio ha smesso di consentire a migliaia di broker di energia indipendenti di mediare l’acquisto di energia. Il Ministero ha continuato a concentrare tutte le transazioni nelle mani di circa cinque individui controllati che avevano precedente mandato nel Corpo delle guardie rivoluzionarie iraniane e con altre agenzie governative. Il Ministero del Petrolio di Teheran ha anche iniziato a formare i suoi funzionari su protocolli di sicurezza e di controspionaggio.
Quando gli iraniani hanno reso difficile l’accesso alle informazioni attraverso il Ministero del petrolio, le agenzie di spionaggio straniere hanno cambiato le loro tattiche, scrive Fassihi. Hanno usato ricercatori accademici stranieri, tra cui studenti di dottorato, che hanno offerto pagamenti in contanti per informazioni sui metodi di esportazione del petrolio iraniano.

Altri sono scesi a Teheran offrendo visti agli Stati Uniti, alcol, prostitute e pagamenti in contanti compresi tra $ 100.000 e oltre $ 1 milione in cambio di informazioni sul settore delle esportazioni di energia iraniana.

C’è un’atmosfera di paranoia nella capitale iraniana, scrive Fassihi, e il processo di acquisto di petrolio dall’Iran ricorda un thriller di spionaggio di Hollywood. I rappresentanti di acquirenti stranieri sono invitati a venire a Teheran di persona e sono regolarmente tenuti a cambiare hotel nel cuore della notte. Inoltre, una volta concordata una transazione, il rappresentante dell’acquirente deve rimanere in una casa sicura del Ministero del petrolio fino a quando i fondi non vengono trasferiti nelle casse del governo iraniano. Dopodiché, il rappresentante è autorizzato a partire, scrive Fassihi.

Iran, la guerra del Petrolio e le spie straniere a caccia delle transazioni nascoste

INTELLIGENCE |