La Francia strinse un accordo con terroristi palestinesi

Views

La Francia aveva stretto un accordo con terroristi palestinesi, lo riporta intnews.org. Parigi ha permesso ai militanti palestinesi di operare liberamente sul suo territorio in cambio di non ricevere attacchi terroristici. La notizia è trapelata direttamente dall’ex direttore del servizio di sicurezza nazionale francese. Il presunto accordo è stato raggiunto tra il governo francese e un gruppo di militanti palestinesi noto come Organizzazione Abu Nidal, o ANO. Il nome ufficiale del gruppo era Fatah – The Revolutionary Council, ma di solito veniva indicato con il nome del suo fondatore e leader, Abu Nidal. Il gruppo si è formato nel 1974 dopo una scissione a Fatah, il gruppo armato palestinese guidato da Yasser Arafat. Abu Nidal (vero nome Sabri Khalil al-Banna) ha accusato Arafat e altri alti funzionari di Fatah e della Palestine Liberation Organization (PLO) di essere concilianti verso Israele. Alla fine Abu Nidal si trasferì in Iraq e dichiarò guerra a Fatah e all’OLP, accusandoli di aver tradito la causa palestinese.

Nel corso dei successivi 20 anni, ANO ha effettuato decine di attacchi violenti che hanno ucciso oltre 1500 persone in tutto il mondo, in paesi come Gran Bretagna, Austria, Italia, Tunisia, Sudan, Turchia, Pakistan e India. I principali obiettivi dell’ANO erano Israele, gli Stati Uniti e altri gruppi palestinesi, che il gruppo considerava disertori dalla lotta per una Palestina indipendente. Il 9 agosto 1982, i guerriglieri ANO hanno usato granate e mitragliatrici per attaccare il ristorante Goldenberg di Parigi, in Francia, uccidendo sei persone e ferendo 22 persone.  Gli aggressori sono fuggiti dalla scena del crimine e non sono mai stati catturati. È stato solo nel 2015 che alcuni ex membri dell’ANO hanno fornito prove dell’attacco terroristico ai magistrati francesi, dopo aver ottenuto l’immunità. Sulla base di queste testimonianze, il governo francese ha emesso mandati di arresto per tre degli aggressori che vivono oggi in Europa e Palestina. Nessuno, tuttavia, è stato ancora estradato in Francia.

La trama si è infittita lo scorso giovedì quando il quotidiano francese Le Parisien ha riportato estratti di testimonianze fornite ai magistrati che stanno indagando sull’attacco al Goldenberg Restaurant. Una delle testimonianze sarebbe stata fornita dall’ex spia Yves Bonnet, che negli anni ’80 diresse la direzione della sorveglianza territoriale (DST). Fino al 2008 il DST ha funzionato come ala di controspionaggio e antiterrorismo della polizia nazionale francese. Secondo Le Parisien, Bonnet, ora 83enne, ha dichiarato nella sua testimonianza che il DST ha stretto un accordo con Abu Nidal dopo il 1982, il che ha permesso loro di continuare a operare in Francia con la consapevolezza che non avrebbero effettuato ulteriori attacchi terroristici sul suolo francese . “Abbiamo stretto un accordo orale”, si dice che Bonnet abbia detto ai magistrati. “Non voglio ulteriori attacchi sul suolo francese, e in cambio ti permetterò di entrare in Francia. L’ex spia ha aggiunto che il DST ha informato il capo di stato maggiore del presidente francese all’epoca, François Mitterrand, sull’accordo segreto. Tuttavia, nulla sull’accordo è mai stato registrato nei verbali delle riunioni ufficiali.  L’accordo tra il DST e Abu Nidal “ha avuto successo”, ha detto Bonnet, in quanto il gruppo non ha portato più attacchi sul suolo francese dopo l’attacco al Goldenberg Restaurant.

Come prevedibile, le accuse di Le Parisien hanno fatto arrabbiare la comunità ebraica francese. Un comitato che rappresenta le vittime e le famiglie colpite dell’attacco al ristorante Goldenberg ha dichiarato attraverso il suo avvocato che, se fosse vero, l’ammissione di Bonnet è stata “vergognosa”. Il comitato ha invitato il governo francese a declassificare tutti i documenti relativi agli scambi tra lo stato francese e l’organizzazione Abu Nidal.

La Francia strinse un accordo con terroristi palestinesi