Isis, campo di prigionia di al-Hawl controllato da donne “radicalizzate”: “siamo una bomba ad orologeria”

Views

Decine di migliaia di sostenitori dello Stato islamico, molti dei quali donne e bambini, si stanno radicalizzando  all’interno di vasti campi di prigionia curdi. In un rapporto scioccante pubblicato la scorsa settimana, il Washington Post ha messo in luce le terribili condizioni del campo di prigionia di al-Hawl nel nord della Siria, che il giornale ha descritto come “un bacino  di radicalizzazione” e “un’accademia” per i sostenitori catturati dello Stato islamico ( noto anche come Stato Islamico dell’Iraq e della Siria o ISIS). Oltre 70.000 persone sono detenute nel campo di prigionia, di cui 20.000 sono donne e 50.000 sono bambini. I membri maschi dello stato islamico sono detenuti separatamente. La maggior parte dei 70.000 detenuti ad al-Hawl sono cittadini siriani e iracheni. Gli altri 10.000 sono  africani, asiatici, europei e arabi provenienti da paesi diversi da Siria e Iraq. Sono tenuti in una parte separata del campo di prigionia e si ritiene che siano i più radicali di tutti i detenuti.
Secondo il WP, i detenuti del campo di prigionia di al-Hawl sono sorvegliati  da non più di 400 combattenti curdi delle forze democratiche siriane sostenute dall’Occidente. Il documento  afferma che le 400 guardie non sono  in grado di entrare nel campo e dare le regole basilari di legge e ordine. Invece, la legge e l’ordine all’interno della prigione sono in mano  dalle donne, che rimangono pienamente fedeli ai principi dello Stato islamico. Continuano a seguire le rigide regole dello Stato islamico e impongono una punizione brutale a quelle donne e bambini che non seguono queste regole. Le donne che parlano con persone esterne al campo di prigionia, compresi giornalisti e avvocati, vengono successivamente picchiate e torturate; alcune sono state persino giustiziate come una forma estrema  di punizione. Molte delle guardie curde sono state  attaccate dalle donne con coltelli e armi di fortuna.
Le armi  dello Stato Islamico, comprese  bandiere nere e  striscioni pro-ISIS, vengono  regolarmente confiscate ai detenuti. Questi ultimi sono persino riusciti a mandare  messaggi video verso il mondo esterno. In uno di questi videomessaggi, si vede un gruppo di  detenuti di al-Hawl che tengono in mano lo stendardo dello Stato islamico e sollecitano i membri maschi del gruppo a “accendere il fuoco della jihad e liberare le donne da queste prigioni“. Le donne nel video si definiscono “donne dei mujahedeen” e lanciano un avvertimento contro “i nemici di Allah”: “pensi di averci imprigionati nel tuo campo marcio. Ma siamo una bomba ad orologeria. Aspetta e vedi ”. Rispondendo a questi messaggi, un funzionario dell’intelligence curda ha detto  che le forze democratiche siriane possono  “contenere le donne, ma non possono  controllare la loro ideologia”.

Isis, campo di prigionia di al-Hawl controllato da donne “radicalizzate”: “siamo una bomba ad orologeria”

EVIDENZA 4, INTELLIGENCE |