La Polizia Stradale controlla gli esercizi commerciali connessi all’uso di veicoli

Views

Le attività operative avviate sul territorio con il coordinamento del Servizio Polizia Stradale per il contrasto al fenomeno del traffico illecito dei veicoli, si sono concentrate sui controlli agli esercizi pubblici connessi ai veicoli. In particolare sono stati effettuati nella Regione Sicilia dopo accurata e mirata analisi degli indicatori di rischio nell’ambito di reati di riciclaggio e ricettazione di autovetture.

Per una maggiore efficacia delle attività di controllo è stato fatto ricorso al team di supporto che ha visto questa volta la partecipazione degli esperti nei settori di controllo amministrativo, falso documentale ed identificazione dei veicoli.

Dal 20 al 24 gennaio u.s. le verifiche amministrative hanno riguardato esercizi commerciali con sede in Sicilia ed in particolare a Palermo e Catania. Complessivamente sono stati sottoposti a controllo 5 autodemolitori, 4 Concessionari e 2 Agenzie Pratiche Auto e in parallelo sono stati effettuati i necessari riscontri documentali presso gli Uffici Provinciali delle Motorizzazioni di riferimento.

Al termine delle attività di verifica sono state elevate sanzioni io amministrative per un importo totale pari a Euro 110.636,67. Nella maggior parte dei casi si tratta di violazioni su prescrizioni autorizzative in ambito ambientale e sulla presenza di veicoli già trattati ma non ancora radiati dalla circolazione (specie per gli autodemolitori) ed irregolarità amministrative inerenti ai registri e le licenze (per i concessionari); 3 esercenti sono stati denunciati in stato di libertà per reati di natura ambientale ed uno anche per il reato di ricettazione. Sono stati oggetto di sequestro penale due propulsori, 5 cambi ed una targa tutti di provenienza illecita ricollegabili a veicoli oggetto di furto nell’anno 2019.

È stato notificato un provvedimento di intimazione di chiusura immediata di attività al titolare di un concessionario di autovetture di Palermo in assenza della prevista autorizzazione commerciale ed un provvedimento di inibizione alla vendita al titolare un concessionario di auto di Paternò (CT) per spazio espositivo superiore a quello autorizzato;

È stato segnalato agli organi competenti per irregolarità di gestione l’Agenzia di Pratiche Auto con sede Taormina (tra cui mancata tenuta del registro giornale, mancato aggiornamento della sede operativa ecc);

Sono stati infine acquisiti quattro fascicoli presso la Motorizzazione di Messina relativi a nazionalizzazioni di veicoli di dubbia provenienza.

La pianificazione dei servizi con il team di supporto prevede servizi a cadenza mensile, in ogni regione.

La Polizia Stradale controlla gli esercizi commerciali connessi all’uso di veicoli

CRONACHE |