Le armi invisibili della Cina grazie alla “metasuperficie”

Views

Due missili balistici, il Dongfeng41 e il Dongfeng-17, i più avanzati di cui dispone la Cina, sono in mostra in questi giorni al pubblico sulla spianata di erba artificiale che dà accesso al Beijing Exhibition Center, un mega complesso in stile sovietico con tre stanze giganti che in questi giorni sono immerse in centinaia di modelli e fotografie che raccontano le conquiste del Partito Comunista Cinese (PCC) durante l’ultimo decennio sotto il comando di Xi Jinping.

L’ultima volta che i cinesi hanno visto questi proiettili da vicino è stato tre anni fa, quando sono stati fatti sfilare in piazza Tienanmen per commemorare il 70° anniversario della Repubblica popolare. Il DF41, uno dei missili a più lungo raggio al mondo (un missile balistico intercontinentale che raggiunge più di 12.000 km), può trasportare più testate nucleari e colpire qualsiasi parte della costa degli Stati Uniti. Attaccato al DF-17 a medio raggio c’è un veicolo planante ipersonico che rende quasi impossibile l’intercettazione da parte delle difese missilistiche tradizionali.

Insieme a questi due razzi, in mostra è possibile vedere anche uno dei droni da combattimento più all’avanguardia: il furtivo GJ-11 Sharpe Sword, soprannominato “spada affilata“, in grado di volare a quasi 1.000 chilometri orari sparando munizioni con estrema precisione.

Un gioiello dell’esercito cinese, secondo gli analisti, potrebbe essere il The GJ-II, soprannominato anch’esso “spada affilata“, ritenuto l’asso nella manica per attaccare Taiwan, in grado di eludere le difese taiwanesi.

Chiunque volesse vedere i due missili balistici e il drone in azione può cercare sulla CCTV, la rete statale cinese, un reportage in otto parti che racconta le armi più innovative cinesi. Uno spettacolo con molti lanci di missili che è iniziato in onda prima dell’inizio del congresso sulla leadership del PCC, dove si prevede che altri alti funzionari dell’Esercito popolare di liberazione (PLA) saranno selezionati per occupare nuovi seggi nel potente Politburo. In uno dei programmi CCTV, i militari sono stati visti testare la balistica a corto raggio DF-15 e DF-16. Entrambi sono stati usati durante le esercitazioni di invasione di Taiwan lo scorso agosto, dopo la provocazione della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, per aver visitato l’isola autonoma che la Cina considera una provincia separatista. In un altro dei capitoli vengono presentati nuovamente gli sviluppi delle armi moderne di “nuova generazione per la guerra futura”.

Battezzati come “missili invisibili”, gli ipersonici DF-17 vengono lanciati da veicoli mobili, dotati di tecnologia di intelligenza artificiale, in grado di eludere il rilevamento da parte di satelliti, radar e droni. “Credo che sui campi di battaglia del futuro, le nostre controparti non ci vedranno né sapranno dove si trovano i nostri lanciamissili“, ha spiegato il ricercatore dell’EPL Yang Biwu.

Si ritiene che il DF-17 sia la prima arma ipersonica attiva al mondo per veicolo planante in grado di penetrare gli scudi antimissilistici statunitensi nella regione.

L’invisibilità dei missili è consentita da un enorme pezzo di stoffa sormontato da una striscia sottile che contiene molti minuscoli circuiti stampati in 3D che possono manipolare le onde elettromagnetiche. Sotto c’è quella che i ricercatori chiamano una “metasuperficie”, fatta di plastica sottile e metalli, che permette di cambiare la direzione di un segnale di ritorno. In combattimento, il mantello potrebbe nascondere tutti i tipi di armi a terra dai satelliti radar spia, come una fila di dozzine di carri armati. Con il “mantello dell’invisibilità” viene promosso a mezzo comunicati EPL un missile in grado di provocare un impulso elettromagnetico che disconnette tutti i dispositivi elettronici del nemico.

Ad esempio, se quell’arma cadesse nelle mani degli ucraini, la userebbero per disabilitare una capacità di attacco aereo russo. Aumentando la potenza e prendendo di mira una piccola città, potrebbe chiudere l’intera rete bancaria, i trasporti e le comunicazioni.

In questi giorni dal programma della rete statale CCTV è stato detto che la Cina avrà presto un nuovo jet da combattimento per la principale portaerei chiamata Fujian, presentata la scorsa estate e dotata di un avanzato sistema di catapulte alimentato da elettricità che potrebbe lanciare un aereo con un carico più pesante. Pechino ha tre portaerei e ne sta costruendo altre. Attualmente, il PLA ha un jet da combattimento sulle portaerei, il J15, che è stato prodotto in Cina sulla base di un prototipo Su-33 di progettazione sovietica.

Le armi invisibili della Cina grazie alla “metasuperficie”

| EVIDENZA 4, INTELLIGENCE |