Lo sport unisce le due Coree, potrebbe essere l’inizio della riunificazione?

Views

La Corea del Nord e del Sud hanno accettato di marciare insieme sotto un’unica bandiera “Corea unificata” ai Giochi olimpici invernali del prossimo mese.
Hanno anche concordato di schierare una squadra di hockey su ghiaccio femminile congiunta.
Questi sono i primi colloqui di alto livello tra i paesi in più di due anni.
Segna un disgelo nei rapporti che sono iniziati nel nuovo anno in cui la Corea del Nord si è offerta di inviare una squadra ai giochi.
I giochi si svolgeranno tra il 9 e il 25 febbraio a Pyeongchang, in Corea del sud.

Cosa accadrà?

Se i piani saranno realizzati, una delegazione nordcoreana di cento persone – tra cui 230 cheerleader, 140 orchestrali e 30 atleti di taekwondo – potrebbe attraversare il confine meridionale per partecipare alle Olimpiadi invernali.
Significherebbe l’apertura della strada transfrontaliera per la prima volta in quasi due anni.
I due paesi hanno anche concordato di schierare una squadra comune per lo sport dell’hockey su ghiaccio femminile. Sarebbe la prima volta che gli atleti delle due Coree gareggeranno insieme nella stessa squadra durante le Olimpiadi.
Il Nord ha anche accettato di inviare una delegazione di minori di 150 membri alle Paralimpiadi a marzo.
L’accordo dovrà essere approvato dalla riunione del Comitato Olimpico Internazionale (IOC) a Losanna, in Svizzera, sabato, perché la Corea del Nord ha mancato le scadenze di registrazione o non è riuscita a qualificarsi.
La Corea del Sud dovrà anche trovare il modo di ospitare la delegazione nordcoreana senza violare le sanzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU che bandiscono i trasferimenti di denaro a Pyongyang e il rispetto della lista nera di alcuni alti funzionari del Nord.

Qual è stata la reazione?

L’allenatore di hockey della Corea del Sud e i giornali conservatori hanno espresso preoccupazione per la prospettiva di una squadra di hockey unita, dicendo che potrebbe danneggiare le possibilità della Corea del Sud di vincere una medaglia.
Si dice che decine di migliaia di persone abbiano firmato petizioni online per esortare il presidente Moon Jae-in a cancellare il piano.
Ma il leader liberale ha dichiarato mercoledì agli atleti olimpici sudcoreani che la partecipazione del Nord ai Giochi contribuirebbe a migliorare le relazioni inter-coreane.
Il Giappone ha visto con sospetto l’ultima distensione, con il ministro degli Esteri Taro Kono che dice che il mondo non dovrebbe essere accecato dal recente “fascino offensivo” di Pyongyang.
“Non è il momento di allentare la pressione o di premiare la Corea del Nord”, ha detto Kono, “Il fatto che la Corea del Nord sia impegnata nel dialogo potrebbe essere interpretato come la prova che le sanzioni stanno funzionando”.

Nessuna primavera coreana

Analisi di Jonathan Marcus, BBC Defence and Diplomatic Correspondent

L’abbraccio olimpico tra Corea del Nord e Corea del Sud rappresenta un raro momento di speranza in una crisi che a volte sembra essersi progressivamente spostata verso un’altra guerra nella penisola coreana.
Ma questa è una breve pausa della retorica tra Pyongyang e il presidente Donald Trump, l’alleato principale di Seoul? O offre davvero una piattaforma per un percorso diplomatico fuori da questa crisi?
L’enormità di un conflitto armato è chiara a tutti, persino al presidente Trump. Tuttavia, la distensione olimpica non altera la realtà dei programmi di missili balistici e nucleari della Corea del Nord.
Entrambi i programmi richiedono più test per dimostrare una vera capacità intercontinentale. E con Trump che insiste sul fatto che questa è una capacità che al Nord non sarà permesso di ottenere, è difficile vederlo trasformarsi in una primavera coreana, per non parlare di una risoluzione definitiva della disputa nucleare.

I colloqui che hanno portato a questo accordo sono arrivati ​​dopo che le tensioni sulla penisola coreana hanno raggiunto il punto più alto degli ultimi decenni.
Questo perché la Corea del Nord ha fatto rapidi progressi nei suoi programmi di armi nucleari e convenzionali negli ultimi anni.
Il suo ultimo test sui missili balistici, il 28 novembre, ha scatenato una serie di nuove sanzioni da parte delle Nazioni Unite per le spedizioni di benzina.
Poco dopo, il leader nordcoreano Kim Jong-un ha dichiarato di essere “aperto al dialogo”.
Nel discorso di Capodanno, ha detto che stava valutando l’idea di inviare una squadra alle Olimpiadi invernali. Il capo delle Olimpiadi della Corea del Sud aveva detto l’anno scorso che gli atleti del Nord sarebbero stati i benvenuti.
Poi, il 9 gennaio, i due paesi hanno fatto l’annuncio decisivo che il Nord avrebbe inviato una delegazione.
E’ stato anche concordato che una linea di contatto militare tra le nazioni, sospesa per quasi due anni, sarebbe stata ripristinata.
Il presidente Moon Jae-in ha affermato che l’accordo olimpico potrebbe aprire la strada alla questione nucleare e portare al dialogo Corea del Nord e Stati Uniti.

Lo sport unisce le due Coree, potrebbe essere l’inizio della riunificazione?

MONDO, PRP Channel |