Corea del Nord aggira sanzioni con criptovaluta segreta “Monero”

Views

Una società di sicurezza informatica californiana ha trovato un software che installa un codice per la criptovaluta Monero e che invia monete ad un server presso un’università nordcoreana. Se così fosse è l’ennesimo segnale che la Corea del Nord potrebbe essere alla ricerca di nuovi modi per rivitalizzare la propria economia, stretta dalla morsa delle sanzioni.

L’applicazione, creata il 24 dicembre, utilizza i computer host per estrarre una criptovaluta denominata Monero. Invia quindi tutte le monete alla Kim Il Sung University di Pyongyang, ha riferito la società di sicurezza informatica AlienVault, che ha esaminato il programma.
“Le cripto-valute possono fornire un’ancora di salvezza finanziaria ad un paese colpito duramente dalle sanzioni e, di conseguenza, le università di Pyongyang hanno mostrato un chiaro interesse per le criptovalute”, ha detto in un comunicato la società di sicurezza californiana, aggiungendo che il software “potrebbe essere il prodotto più recente dei loro sforzi “.
La citata Società ha meglio specificato che un server nordcoreano, utilizzato nel codice, non è collegato alla rete Internet in maniera aperta e ampia, il che potrebbe dare maggiore concretezza al fatto che ci sia un interesse a tenere lo stesso pressoché difficilmente visibile.
La Kim Il Sung University non ha risposto immediatamente alle richieste di precisazioni. I funzionari governativi che rappresentavano la Corea del Nord presso le Nazioni Unite non sono stati, parimenti, disponibili per un commento della vicenda.
Altri, invece, hanno segnalato crescenti segnali di interesse nordcoreano per le criptovalute e la sottostante tecnologia blockchain.
“Con le sanzioni economiche in atto, le criptovalute sono attualmente il modo migliore per guadagnare valuta estera nella Corea del Nord. È difficile da rintracciare e può essere riciclata più volte”, ha affermato Mun Chong-hyun, capo analista della società di sicurezza informatica sud coreana ESTsecurity.

Gli osservatori della criptovaluta dicono che i dettagli tecnici di Monero, la tredicesima risorsa crittografica più grande al mondo, secondo www.coinmarketcap.com, con un valore totale di oltre 7 miliardi di dollari, lo rendono più attraente del bitcoin per coloro che ricercano la segretezza.
I fondi Monero vanno a un indirizzo non collegabile, una tantum generato con numeri casuali ogni volta che viene emesso un pagamento. Ciò li rendono meno tracciabili rispetto al bitcoin, dove le transazioni possono essere collegate a indirizzi specifici privati, anche se anonimi.
Bithumb, con sede in Corea del Sud, è la sede dello scambio di criptovalute più trafficato al mondo ed è anche il più grande scambio commerciale del Monero al mondo, con circa il 24 percento del volume degli scambi. I più grandi sono stati lo scambio con l’Europa HitBTC e con Bitfinex, con sede ad Hong Kong, a partire da lunedì.
Marshal Swatt, esperto in tecnologia blockchain e scambi finanziari, ha detto che l’indipendenza dalle criptovalute dalla regolamentazione del governo e le sanzioni hanno reso le loro scelte logiche per transazioni segrete.
“Tali transazioni infatti non fanno da sole distinzioni  tra attori buoni e cattivi”, ha detto. “Ciò rende il gioco facile a paesi come la Corea del Nord, il Venezuela, l’Iran, la Russia e altri paesi che sfruttano queste valute blockchain non governative per il proprio interesse.”
La società di sicurezza informatica FireEye ha citato, in un post sul blog di novembre, una serie di attività della Corea del Nord contro obiettivi di criptovaluta sudcoreani. L’analista Luke McNamara ha scritto che “non dovrebbe sorprendere che le criptovalute, in quanto asset class emergenti, stiano diventando un obiettivo di interesse da parte di un regime che opera, in molti modi, come un’impresa criminale”.
All’inizio di novembre, Federico Tenga, co-fondatore italiano della startup bitcoin Chainside, ha pubblicato sul suo account Twitter le foto e i commenti sulla sua visita alla conferenza sulla tecnologia bitcoin e blockchain presso l’Università della Scienza e della Tecnologia di Pyongyang, finanziata dall’Occidente.
“Le lezioni erano ad un livello abbastanza basilare per dare una comprensione generale delle tecnologie blockchain, che sono anche molto rilevanti per il commercio, le catene di approvvigionamento e altri e-business”, ha detto un portavoce dell’università.
“Riteniamo che questo insegnamento possa dare alla prossima generazione di professionisti nordcoreani concetti aggiuntivi. “Siamo acutamente consapevoli dei problemi relativi alle sanzioni, che teniamo sotto costante controllo e ci prendiamo cura di evitare qualsiasi area sensibile o proscritta”.
Tenga ha detto che le sue lezioni erano orientate a spiegare la tecnologia di base delle criptovalute.
“Il focus delle lezioni era quello di far capire agli studenti che cos’è la blockchain, come funziona (attenzione particolare alla dimostrazione del lavoro) e quali sono i principali casi d’uso. Il mio scopo era semplicemente quello di diffondere conoscenze tecniche, non suggerendole come usarlo “, ha detto Tenga a Reuters in una serie di messaggi.
Il rapporto di AlienVault ha detto che un indirizzo IP della Corea del Nord, 175.45.178.19, è stato attivo sui siti di trading di bitcoin. Questo è lo stesso indirizzo utilizzato per controllare i server Web compromessi negli attacchi informatici 2014-15 sulle reti energetiche, traffico, telecomunicazioni, broadcasting, finanziarie e politiche della Corea del Sud, secondo la società di sicurezza AhnLab.
Il rapporto ha anche osservato che gli indirizzi IP della Corea del Nord hanno scaricato diversi episodi della serie televisiva automobilistica Top Gear e documentari dell’ex presentatore dello show, James May.

Corea del Nord aggira sanzioni con criptovaluta segreta “Monero”