Perugia e Carpi comandano con il Frosinone una Serie B che sembra una appendice degli ultimi play-off

Views

Il Perugia, delle tre di testa, sembra quella che almeno in questa fase del campionato soffre meno gli avversari, le sue vittorie infatti arrivano al termine di match mai veramente in discussione e che l’avversario si chiami Virtus Entella, Pescara o Parma, poco cambia, i grifoni arrivano alla vittoria giocando sul “velluto”. Anche ieri, al cospetto di una grande del campionato quale è indubbiamente il Parma, il Perugia si dimostra uno schiacciasassi e grazie al 5º gol in quattro gare del talento nord-coreano Han che di testa ribadisce in rete una magia dell’altro eroe della giornata Bonaiuto. Proprio Bonaiuto, lo scorso anno addirittura “retrocesso” con il Latina, è autore di una prova strepitosa e trascina letteralmente i suoi alla vittoria. Al 18º, da posizione impossibile lascia partire un bolide che si infrange sulla traversa, irrompe Han che di testa sigla l’importantissimo gol del vantaggio. Il Parma avrebbe l’occasione di pareggiare i conti una decina di minuti dopo quando Gagliolo solo davanti a Rosati si divora il gol dell’1-1. Il secondo tempo continua sulla falsariga del primo. Il Perugia attacca ed al minuto 51 trova il gol del 2-0. È il migliore in campo Buonaiuto che al termine di una azione magistrale, a seguito di un controllo di petto e stop a seguire supera un avversario e lascia partire un bolide da fuori area che si insacca alle spalle di Frattali. Un gol bellissimo che “accende” i quasi 9.000 spettatori che assiepano il Curi e li autorizza a sognare, un gol che deve essere piaciuto molto anche all’autore, perché al 67º sempre lui, confeziona una rete praticamente identica alla seconda e chiude di fatto la partita, ridimensionando un Parma che sicuramente avrà nel corso del campionato un ruolo da grande, ma che nell’occasione non è sembrato molto combattivo. Finisce dunque 3-0 con il Perugia che archivia la prestazione più convincente del suo campionato ed agguanta il Carpi insieme al “mai domo” Frosinone di Longo, che pur continuando a giocare tutte le sue gare in trasferta è autore di un’altra difficile rimonta ai danni del forte Bari.
L’altra capolista Carpi, anche sul difficile campo di Cremona si dimostra squadra solida, e pur perdendo, al 1º minuto di gioco, l’inviolabilità della sua porta a causa della rete in avvio dell’attaccante grigiorosso Brighenti, si riorganizza nonostante la squadra di casa tenti di chiudere la partita cercando il raddoppio, si dimostra grande squadra prendendo in mano la partita ed ottenendo al 33º minuto del primo tempo il gol del meritato pareggio grazie al solito Mbakogu che “brucia” il portiere avversario Ujkani con un delizioso pallonetto. Il secondo tempo, grazie anche agli inserimenti di Croce, Castrovilli e Paulinho è di marca cremonese. Il Carpi stinge i denti e si affida esclusivamente alle ripartenze una delle quali porta la capolista vicinissima al gol, ma il colpo di testa di Concas si ferma sulla traversa. La Cremonese si butta a “capo fitto” in avanti alla ricerca del gol della vittoria, ma prima il palo e poi il portiere avversario Colombi negano rispettivamente a Paulinho ed a Cavion, la gioia del gol partita. Il Carpi conserva, pur in coabitazione, la vetta della classifica confermandosi squadra forte e concreta. Continua il suo campionato segnando il suo solito gol a partita, ma grazie ad una difesa granitica che subisce la prima rete della stagione (solo il Venezia di Pippo Inzaghi mantiene l’inviolabilità della propria porta) riesce a “mettere insieme” quei 10 punti con cui, insieme alle altre grandi escluse degli ultimi play-off, guida la serie B 2017/2018.
GB
Foto: Fabrizio Troccoli

Perugia e Carpi comandano con il Frosinone una Serie B che sembra una appendice degli ultimi play-off