“Caos” Siria tra smentite e false verità

Views

Gli Stati Uniti hanno accusato la Russia ieri  di aver bloccato gli ispettori internazionali dal raggiungere il sito di un sospetto attacco di gas velenoso in Siria e hanno detto che russi o siriani potrebbero aver manomesso le prove sul terreno.
Mosca ha negato l’accusa e ha giustificato  il ritardo  a casusa degli attacchi di rappresaglia guidati dagli Stati Uniti sulla Siria sabato.
Il primo ministro britannico Theresa May e il presidente francese Emmanuel Macron hanno affrontato le critiche degli oppositori politici sulle loro decisioni di prendere parte agli attacchi aerei.
La Siria e la Russia hanno negato di aver lanciato gas velenosi il 7 aprile durante la loro offensiva su Douma, che si è conclusa con la riconquista della città che era stata l’ultima roccaforte ribelle vicino alla capitale, Damasco.
Le organizzazioni di soccorso dicono che sono state uccise dozzine di uomini, donne e bambini. I filmati delle giovani vittime con schiuma  alla bocca e in agonia hanno contraddistinto  la guerra civile in Siria, dove mezzo milione di persone sono state uccise negli ultimi sette anni.
Gli ispettori dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) si sono recati in Siria la scorsa settimana per ispezionare il sito, ma non hanno ancora avuto accesso a Douma, che ora è sotto il controllo del governo dopo che i ribelli si sono ritirati.
“Siamo consapevoli che i russi potrebbero aver visitato il sito di attacco”, ha dichiarato lunedì l’Ambasciatore degli Stati Uniti Kenneth Ward in una riunione dell’OPCW a L’Aia.
“È nostra preoccupazione che possano averlo manomesso con l’intento di ostacolare le indagini della missione dell’Opcw”.
Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha negato che Mosca abbia interferito con qualsiasi prova. “Posso garantire che la Russia non ha manomesso il sito”, ha detto alla BBC.
Nel frattempo ieri, le difese antiaeree siriane hanno abbattuto missili sparati alla base aerea di Shayrat, nella provincia di Homs e da un’altra base a nord-est della capitale. Lo hanno riferito alla televisione di stato siriana i filo-iraniani di Hezbollah.
Il Pentagono ha detto che non ci sono attività militari statunitensi in quella zona “in questo momento”.
Un portavoce militare israeliano ha detto: “Non commentiamo tali rapporti”. Il Consiglio di sicurezza dell’ONU dovrebbe essere informato martedì, su richiesta della Russia, sulla situazione nella città settentrionale di Raqqa, in Siria, dove lo Stato islamico è stato sconfitto l’anno scorso dalle forze appoggiate dagli Stati Uniti e sul campo di Rubkan dedicato ai siriani sfollati vicino al confine con la Giordania e l’Iraq.

Due giorni dopo gli attacchi missilistici, il presidente Donald Trump vuole  portare a casa le truppe statunitensi nel nord della Siria, ha detto la Casa Bianca.
Ma la portavoce Sarah Sanders ha detto che non aveva ancora  fissato un calendario per il ritiro. Trump era anche disposto a incontrare il presidente russo Vladimir Putin, ha aggiunto, pur indicando che nessun incontro del genere era imminente.
La delegazione britannica all’OPCW ha accusato la Russia e il governo di Assad di impedire agli ispettori di raggiungere Douma.
“L’accesso incondizionato è essenziale”, si legge in una nota. “La Russia e la Siria devono cooperare”. Gli ispettori dell’OPCW sono stati già  attaccati in due missioni precedenti quando dovevano indagare su altri due siti in Siria.
Le bandiere siriane hanno volato a Douma lunedì, le forze di sicurezza si sono fermate agli angoli delle strade e la polizia militare russa ha pattugliato le strade. Camion di aiuti di stato distribuivano pane, riso e pasta a persone che avevano vissuto sotto assedio per anni.
Un tour dei media organizzato dal governo non includeva l’edificio in cui, secondo i soccorritori e i medici che erano in quel momento in città, decine di persone sono state uccise dal gas velenoso.
I medici dell’ospedale dove sono state trattate le sospette vittime hanno detto ai giornalisti durante il tour che nessuno dei pazienti quella notte aveva subito lesioni da armi chimiche – sono stati asfissiati da polvere e fumo in un bombardamento.
Gruppi di assistenza medica e l’organizzazione di soccorso dei White Helmets hanno affermato che tali dichiarazioni – già trasmesse dalla televisione di stato nei giorni scorsi – sono state fatte sotto costrizione.

Gli attacchi guidati dagli Stati Uniti non hanno fatto nulla per alterare l’equilibrio strategico o intaccare la supremazia di Assad, e gli alleati occidentali hanno affermato che lo scopo era impedire l’ulteriore uso di armi chimiche, non intervenire nella guerra civile o rovesciare Assad.
Nel corso di una riunione a Lussemburgo, i 28 ministri degli esteri dell’UE hanno approvato gli attacchi missilistici e hanno preso in considerazione misure per approfondire l’isolamento di Assad.
Theresa May  ha detto al parlamento che la decisione di condurre attacchi aerei contro la Siria era nell’interesse nazionale britannico e non a causa delle pressioni di Trump.
“Non lo abbiamo fatto perché il Presidente Trump ci ha chiesto di farlo, perché lo abbiamo fatto perché credevamo fosse la cosa giusta da fare, e non siamo soli. C’è un ampio sostegno internazionale per l’azione che abbiamo intrapreso”.
May ha anche detto che non ha cercato il via libera dal parlamento per gli attacchi perché si doveva agire rapidamente.

“Caos” Siria tra smentite e false verità

MONDO, PRP Channel |