Video – Capitale bloccata, furgoni No Bolkestein da tutt’Italia invadono la città eterna

Views
   


(di Massimiliano D’Elia) Gli ambulanti d’Italia sono stufi e vogliono difendere il proprio lavoro senza se e senza ma. Tante le associazioni nate spontaneamente in tutto il Paese. Ma la novità assoluta e’ l’ A.N.A. – Associazione Nazionale Ambulanti

nata lo scorso maggio, ramificata in tutto il tessuto nazionale, sta attuando una politica federativa unica nel settore. Tantissimi gli aderenti e tutti insieme hanno organizzato oggi con le altre associazioni del Paese una manifestazione ad alto impatto. La strategia e’ cambiata. Dalla semplice manifestazione di piazza si è passati a manifestare con i propri mezzi di lavoro per strada e far sentire la propria voce a tutti anche ai cittadini che non sanno il loro dramma. Le licenze di ambulantato sono sicure fino a dicembre 2018, dopo quella data verranno messe a bando pubblico a livello “Europeo”. Una tragedia poiché nei nostri mercati di quartiere potremmo trovarci un francese, tedesco, belga etc, etc.. Si perderebbe il valore del mercato rionale nato dalla gente e per la gente, “italiana”. Non è nazionalismo ma la pura realtà.

E allora migliaia  i furgoni che da tutta Italia hanno invaso oggi la capitale per protestare contro la Direttiva Bolkestein e soprattutto sullo stagno che l’attuale Governo ha creato. Ci si è limitati soltanto a prorogare la messa a bando delle licenze a dicembre 2018.

Nessuna azione concreta e’ stata fatta, invece, presso la Commissione Europea per spiegare che i mercati italiani sono una specificità da preservare. Sono una risorsa sociale unica. Sono un bene per gli italiani di cui non potrebbero farne a meno. La tradizione storica e culturale di un Paese non può essere cancellata “tout court” da una Direttiva Comunitaria. Direttiva di alta valenza per il commercio standard ma non attagliata ai nostri mercati e fiere di quartiere.

Ecco che oggi sono scesi tutti in campo nuovamente con i furgoni no Bolkestein a passo d’uomo su Lungotevere e Tangenziale.

Le immagini e i video girati stamattina già impazzano sul web e social. Stanno rallentatando  il traffico veicolare in alcuni punti del Gra, sulla tangenziale est in direzione Roma e in in alcuni punti del lungotevere. La mattina culminerà con un presidio fisso davanti a Montecitorio.

Category: PRP Channel