Stato Islamico, vivo e attivo anche durante la pandemia

Views

Gli esperti del terrorismo hanno messo in guardia sul fatto che lo Stato islamico potrebbe sfruttare l’instabilità globale causata dalla nuova pandemia di coronavirus per organizzare una ripresa mondiale. In effetti, ci sono segni che l’attività degli stati islamici si è intensificata in Asia, Africa, Medio Oriente e persino in Europa, negli ultimi giorni.
Il 28 aprile, lo Stato Islamico ha dichiarato di essere responsabile di un attacco suicida nella città irachena di Kirkuk, che ha ferito quattro persone. L’attacco ha preso di mira l’agenzia per la protezione delle informazioni, che è l’agenzia di intelligence di fatto del governo locale a guida curda nel nord dell’Iraq. Si stima che lo Stato islamico comanda almeno 20.000 combattenti armati in Iraq e Siria. Solo tra il 15 e il 21 aprile, lo Stato islamico ha effettuato oltre 30 operazioni in tutto l’Iraq, secondo i rapporti.
Lo stesso giorno, il 28 aprile, un automobilista che sembra aver deliberatamente speronato il suo veicolo in due motociclisti della polizia a Parigi ha dichiarato di aver promesso fedeltà allo Stato islamico. All’inizio di questo mese, la polizia della città tedesca di Francoforte ha arrestato tre presunti membri dello Stato islamico, che stavano progettando un attacco bomba per uccidere un gran numero di civili. Questi attacchi seguono una “ripresa della propaganda” segnalata dallo Stato islamico, rivolta a un pubblico europeo.
Il 17 aprile, un gruppo islamico collegato alle Filippine nelle imboscate di un convoglio militare e giustiziato 11 soldati dopo averli catturati. I soldati stavano tentando di arrestare o uccidere un comandante senior del gruppo militante. E il 24 aprile, il governo del Mozambico ha annunciato che lo Stato islamico è presente e attivo lì, dopo che un gruppo o militanti armati hanno ucciso 52 civili in un villaggio di Cabo Delgado, che è la regione ricca di petrolio del Mozambico.
Nel frattempo, pubblicazioni dello Stato islamico e messaggi mediatici descrivono il nuovo coronavirus come una forma divina di punizione contro la Cina atea, nonché contro l’Iran “politeista” e i “crociati” dell’Europa. Alcuni sbocchi dello Stato Islamico hanno esortato i seguaci del gruppo ad astenersi dall’avventurarsi in regioni fortemente infette. Ma i messaggi più recenti hanno chiesto che una “insurrezione” coincida con il Ramadan, che durerà per gran parte di maggio.

Stato Islamico, vivo e attivo anche durante la pandemia