Il fratellastro di Kim, assassinato nel 2017, collaborava con la CIA. Trump smentisce poi ritratta

Views

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto che non permetterebbe alle agenzie di intelligence americane di usare spie contro la Corea del Nord.

Il presidente americano stava parlando ai giornalisti alla Casa Bianca martedì scorso, quando gli è stato chiesto un parere sul rapporto apparso sul Wall Street Journal. Secondo il rapporto, Kim Jong-nam, il fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong-un, avrebbe avuto incontri regolari con i funzionari della Central Intelligence Agency degli Stati Uniti prima di essere assassinato con gas nervino VX in un trafficato terminal aeroportuale in Malesia nel febbraio del 2017.

L’inchiesta del Wall Street Journal è stata ripresa da un libro scritto dal corrispondente del Washington Post Anna Fifield, che è uscito martedì. Nel libro, intitolato The Great Successor, Fifield sostiene che Kim si era recato in Malesia per incontrare il suo riferimento della CIA.

Martedì scorso, il presidente Trump ha dichiarato di aver visto “le informazioni sulla CIA, riferite al fratellastro di  Kim Jong-un. “E direi che non succederebbe sotto i miei auspici, questo è sicuro “, ha detto il presidente degli Stati Uniti, prima di ripetere,” Non lascerei che succedesse sotto i miei auspici “. I giornalisti interpretano i commenti di Trump nel senso che non avrebbe usato risorse umane o altri tipi di informatori per raccogliere informazioni sul regime del leader nordcoreano.

Come ci si può aspettare, le dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti hanno fatto sollevare  le sopracciglia ai politici e agli esperti di sicurezza nazionale a Washington.

Inoltre, i commenti del Presidente Trump continuano  a metterlo in  contrasto con la  Intelligence Community americana, così come avvenuto in precedenza nei casi del programma nucleare iraniano, lo stato attuale dello Stato islamico, o l’intromissione della Russia nella vita politica americana.

Mercoledì, tuttavia, il presidente degli Stati Uniti è sembrato tornare sui suoi passi.

Durante una conferenza stampa congiunta con il presidente polacco Andrzej Duda a proposito delle sue precedenti osservazioni, Trump ha negato di aver insinuato che gli Stati Uniti non avrebbero usato spie per raccogliere informazioni sulla Corea del Nord. “No, non è quello che intendevo“, il presidente ha risposto al giornalista che gli ha fatto la domanda. “È quello che ho detto e penso che sia diverso, forse, della tua interpretazione“, ha detto il presidente Trump, ma si è rifiutato di approfondire ciò che intendeva realmente dire  con la dichiarazione di martedì.

L’agenzia di stampa Reuters ha contattato la CIA in cerca di una dichiarazione ufficiale sulle dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti, ma l’agenzia ha detto di non avere commenti immediati sulla questione.

Il fratellastro di Kim, assassinato nel 2017, collaborava con la CIA. Trump smentisce poi ritratta

INTELLIGENCE |