197 morti in Libia nel 2017, per mine antiuomo

Views

Un funzionario dell’esercito libico orientale ha dichiarato che le mine terrestri piantate dagli estremisti nella città orientale di Bengasi hanno ucciso 197 soldati e civili durante il 2017, secondo quanto riferito dall’agenzia stampa libica orientale. 27 esperti di ingegneria militare sono stati uccisi e altri sette sono rimasti feriti nel 2017 mentre cercavano di smantellare le mine in alcune aree degli scontri tra esercito e militanti, secondo Abdussalam Al-Musmari, comandante dell’unità militare dell’esercito. Al-Musmari ha aggiunto che le mine terrestri hanno anche ucciso 170 civili nel 2017, con la maggior parte delle vittime uccise nel centro di Bengasi. Al-Mismari ha detto che il comando generale dell’esercito ha impartito istruzioni per lanciare una campagna di sensibilizzazione sulle mine terrestri usando manifesti nelle aree in cui si trovavano i militanti rimasti. Un funzionario dell’esercito ha detto a Xinhua che l’esercito ha concluso tutte le azioni militari a Bengasi contro i gruppi estremisti. Bengasi, la seconda città più grande della Libia e la culla della rivolta del 2011 che ha abbattuto l’ex leader Muammar Gheddafi, è stata testimone di una guerra di tre anni tra l’esercito guidato dal generale Khalifa Haftar e militanti estremisti. A giugno, Haftar ha annunciato l’acquisizione dell’intera città di Bengasi e la sconfitta dei gruppi armati rivali. Tuttavia, alcuni militanti sono rimasti in città, usando mine antiuomo contro il suo esercito. 

197 morti in Libia nel 2017, per mine antiuomo

MONDO, PRP Channel |