Difesa e Sicurezza: Come spiegare ai figli l’impiego in zone di guerra?

Views

(di Massimiliano D’Elia) L’ambiente del personale in uniforme non è circoscritto all’ambito lavorativo ma si estende fino all’interno delle mura domestiche. Essere moglie, ovvero marito di un militare, poliziotto non è una situazione facile, specialmente in presenza di figli nell’età dell’infanzia ed adolescenziale. Tante le storie che “in privato” raccontano gli operatori di sicurezza e difesa sui disagi che affrontano nel dover spiegare ai propri figli l’imminente trasferimento in altra sede, ovvero dover comunicare il prossimo impiego in operazioni di pace o di guerra all’estero.

Le domande più ricorrenti dei più piccoli: quando torni? E’ pericoloso? Mi mancherai. Il più delle volte si è impreparati. Cosa rispondere ai propri figli, ovvero come spiegare che indossare l’uniforme vuol dire far parte di una Istituzione che deve garantire la sicurezza e la difesa della Nazione?

Un dovere assoluto, spesso, difficile da spiegare anche al proprio partner, coniuge. Ancora più complicato farlo metabolizzare ai propri figli. Avere il proprio genitore  lontano da casa per molto tempo è destabilizzante perchè si riflette e condiziona la vita di ogni componente famigliare. Al di là dell’aspetto affettivo, devono cambiare abitudini e modelli oramai consolidati.

Anche se a livello culturale probabilmente non siamo ancora disposti a condividere le nostre emozioni e difficoltà con una entità esterna alle mura domestiche, istituire un servizio a supporto dei più piccoli, figli di uomini e donne in uniforme non sarebbe una cattiva idea, anche alla luce dell’aumento considerevole dei divorzi nelle famiglie del personale in uniforme.

La citata criticità sociale  è ampiamente trattata nei paesi anglosassoni. 

La Royal Air Force Inglese (RAF) ha pubblicato addirittura un VADEMECUM per trattare la problematica.

VADEMECUM

LINK    Help for Parents & Children during deployment

 

 

Il testo introduttivo sul sito americano  https://www.militaryonesource.mil/.

Come genitori, vogliamo essere dei buoni modelli per i nostri figli. Quando arriva la notizia di un dispiegamento, devi avere la possibilità di dimostrare ai tuoi figli che quello che fai serve per difendere tua famiglia.

I tuoi figli ti guarderanno con una diversa prospettiva. Preparati per domande ed emozioni che potrebbero avere i tuoi figli.

I suggerimenti

Parla con altri genitori che si sono già  schierati per avere un’idea delle domande che i bambini chiedono, come rispondere e quanto condividere.

Pensa ai modi migliori per spiegare il dispiegamento militare ai tuoi figli, tenendo conto della loro età, delle loro personalità e del modo in cui rispondono alle sorprese.

Prendi in considerazione di contattare il tuo centro di supporto militare e familiare, un consulente militare o familiare o un cappellano; contattare Military OneSource 800-342-9647.

Avvisa le scuole, gli insegnanti e gli allenatori del cambiamento che sta subendo tuo figlio.

Prepara i tuoi bambini

Ricorda, i bambini potrebbero non capire perché un genitore se ne sta andando e potrebbero avere paura del cambiamento.

Quando parli con i tuoi figli:

  • Parla loro in un modo che capiranno “dispiegamento”  e perché il tuo lavoro ti sta portando via;
  • Lascia che i tuoi figli facciano domande e rispondi alle domande nel modo più semplice e onesto possibile;
  • Rassicura i tuoi figli che le cose rimarranno il più possibile normali  a casa. Sii positivo e ottimista e assicura che li ami molto. Trascorri del tempo dedicato  per ogni singolo figlio prima di partire.

Pianifica come ti manterrai in contatto con loro mentre sarai schierato e come potranno rimanere in contatto con te. Avvisali che a volte potrebbero non sentirti per alcuni giorni.

Discutere anche dei potenziali cambiamenti nelle abitudini domestiche, l’importanza di ascoltare i genitori a casa e che le regole domestiche rimangono le stesse.

Presentali a Military Kids Connect, una comunità online per bambini militari (di età compresa tra i 6 ei 17 anni) che fornisce l’accesso a risorse adeguate all’età per sostenerli nell’affrontare il dispiegamento e altri aspetti della vita militare.

In qualsiasi momento è possibile rivolgersi a Military OneSource per chiedere aiuto. Vengono offerti programmi speciali per aiutare te e la tua famiglia, compresi i servizi di consulenza sulla vita dei bambini e dei giovani nonchè programmi di consulenza sulla vita familiare.

Chiedi ai bambini in età scolare di aiutarti a fare i bagagli, e assicurati che abbiano la possibilità di salutarti, ma fai cura ad avere addii brevi.

Aspettatevi che i vostri figli abbiano reazioni diverse alle notizie. Possono essere lunatici, irritabili. Ricorda, questo è normale. Al riguardo il tuo compito è rimanere positivo ed essere un modello.

I bambini sono bambini e con un genitore andato via, puoi aspettarti che i tuoi figli testino i limiti. In qualità di genitore devi fornire il maggior numero possibile di backup al tuo partner, anche se sei dall’altra parte del  mondo.

Se sei schierato, mantieni un contatto regolare il più possibile. Fai sapere alla tua famiglia che anche se ci saranno momenti in cui non puoi essere in contatto, li pensi ogni giorno. Invia lettere o e-mail e, se hai più di un figlio, invia per ciascuno una comunicazione personalizzata.

Per il coniuge che rimane a casa occorre seguire il più possibile il solito programma. Occorre prendersi del tempo per aiutare i bambini a parlare di ciò che sentono sulle notizie o da altri bambini.

Poi c’è il problema del rientro di un genitore schierato all’estero

Il genitore che torna dal dispiegamento può aiutare a rendere il rientro più agevole per la famiglia rimanendo vicino a casa nei giorni e nelle settimane successive all’arrivo a casa. Se sei il genitore che è rimasto a casa, non lasciare i compiti e le responsabilità tutte al tuo partner che sta rientrando. Consentire un pò di spazio e nel tempo intensificare il coinvolgimento del genitore che ritorna con i pasti, con il rito della buonanotte, il gioco e la disciplina.

Non spaventarti se i tuoi figli potrebbero aver bisogno di un pò di tempo da soli. Ricorda, anche gli adulti ne hanno bisogno.

Difesa e Sicurezza: Come spiegare ai figli l’impiego in zone di guerra?

EVIDENZA 3, OPINIONI |