Elezioni Usa: Cosa succede se Trump si aggrava?

Views
   

La diagnosi di coronavirus a Donald Trump mette gli Stati Uniti in un territorio inesplorato. Un paese già tormentato dalla grave crisi  economica, dai disordini razziali e dalla pandemia, si chiede cosa potrebbe accadere se il Covid-19 rendesse incapace il presidente a poche settimane prima del giorno delle elezioni. 

Nessun candidato presidenziale si è mai ritirato dalla corsa prima del giorno delle elezioni a causa di una malattia. Cosa succede se un candidato alla presidenza è malato e deve ritirarsi prima del giorno delle votazioni? Al riguardo precisa il Financial Time, il partito politico del candidato deve fare una scelta. 

Non è una questione costituzionale ma una questione per repubblicani e democratici che hanno regole interne precise che stabiliscono come gestire una tale situazione. 

Nel caso di Trump, i 168 membri del Comitato nazionale repubblicano – che comprende alti funzionari di partito di ogni stato – voterebbero per scegliere un nuovo candidato alla presidenza. Mike Pence, vicepresidente, sarebbe l’ovvio sostituto.

Tuttavia la nomina di un nuovo candidato porterebbe ad una serie di complicazioni logistiche e legali. I termini statali per la registrazione dei candidati sulla scheda elettorale sono scaduti e milioni di schede sono già state stampate, spedite o addirittura restituite dagli elettori. 

Trump probabilmente rimarrebbe nel ballottaggio, ma l’arcano sistema del collegio elettorale degli Stati Uniti potrebbe significare che qualsiasi sostituto selezionato dal partito repubblicano potrebbe ancora stare al suo posto. 

Ogni stato sceglie una lista di elettori, che dovrebbero poi votare nel collegio elettorale per il candidato che ha vinto il voto popolare nel loro stato. Molti stati hanno leggi che richiedono agli elettori di obbedire o promettere di obbedire all’esito del voto popolare, ma è possibile che voterebbero per la sostituzione nei luoghi in cui i repubblicani hanno vinto. 

È difficile immaginare che sarebbero  sanzionati per aver violato queste leggi; in ogni caso, le sanzioni sono così lievi che nessun elettore sarebbe scoraggiato in questa situazione”, ha scritto Richard Pildes, esperto di diritto elettorale presso la New York University of Law, sul Washington Post. 

La Corte Suprema quest’anno ha stabilito che gli elettori potrebbero essere sanzionati per non aver votato per il candidato che ha vinto il voto popolare nel loro stato, ma ha lasciato esplicitamente aperta la possibilità che gli elettori possano votare in modo diverso se il candidato fosse morto. “Notiamo che, poiché la situazione non è davanti a noi, nulla in questa opinione dovrebbe essere presa per consentire agli stati di legare gli elettori a un candidato deceduto“, ha detto la corte.

È possibile ritardare un’elezione presidenziale? Ritardare le elezioni sarebbe un modo per garantire che il processo possa essere riavviato con i diversi candidati, ma nessuna elezione  presidenziale nella storia degli Stati Uniti è stata mai rimandata. 

A luglio, Trump aveva menzionato questa possibilità. 

Trump nel contesto dei suoi avvertimenti sulle fake news, aveva twittato: Rimandare le elezioni fino a quando le persone non potranno votare in modo corretto e sicuro“. 

Tuttavia, il potere di rimandare le elezioni spetta al Congresso, non alla Casa Bianca. La Camera dei Rappresentanti e il Senato potrebbero votare per cambiare la data delle elezioni presidenziali modificando gli statuti di riferimento, secondo il National Constitution Center. Ma non possono  ritardare in maniera indefinita il voto. La costituzione non specifica il giorno in cui si devono tenere le elezioni, ma prevede una scadenza rigorosa: il 20 gennaio. Quello è il giorno in cui deve terminare il mandato del presidente.

Cosa succede se un presidente muore in carica? La linea di successione presidenziale è molto più chiara della questione della sostituzione di un candidato presidenziale a metà campagna elettorale.

Il primo in linea per sostituire Trump è il suo attuale vice Mike Pence. Dopo Pence c’è  Nancy Pelosi, portavoce democratica della Camera dei rappresentanti e uno dei principali oppositori di Trump. Dopo la Pence vi è  il senatore repubblicano Chuck Grassley dell’Iowa, presidente pro-tempore del Senato.

Cosa succede se il presidente dovesse diventare inabile? Se la capacità del presidente di svolgere le sue funzioni  fosse compromessa perché attaccato ad un respiratore, ad esempio, la costituzione gli consente di notificare al Congresso che il vicepresidente diventerà presidente ad interim. 

John Hudak della Brookings Institution, al riguardo ha menzionato  la disposizione costituzionale pertinente – sezione 3 del 25 ° emendamento –  che è stata invocata una volta da Ronald Reagan e due volte da George W. Bush per procedure mediche” in cui si utilizzava l’anestesia o la sedazione pesante”.

Per togliere ogni dubbio Trump nove ore fa a rilasciato un video live dal Walter Reed Medical Center: “Mi sento molto meglio ora grazie al lavoro di medici e infermieri, tornerò subito”.