F35, anche il Giappone pensa all’acquisizione

Views

Il Giappone sta pensando di ristrutturare la portaerei Izumo in modo che possa sbarcare caccia stealth tipoF-35B degli Stati Uniti, hanno detto fonti governative, mentre Tokyo affronta l’espansione marittima della Cina e lo sviluppo nucleare e missilistico della Corea del Nord.
Il Giappone non ha mai avuto una portaerei completa dopo la sconfitta della Seconda Guerra Mondiale nel 1945.
Qualsiasi rifacimento di Izumo sarebbe stato finalizzato alla preparazione di uno scenario in cui le piste in Giappone fossero state distrutte da attacchi missilistici e al rafforzamento della difesa attorno alle isole sud-occidentali del Giappone, dove l’attività marittima cinese è aumentata.
Tre fonti governative vicine alla questione hanno detto che il governo giapponese stava tenendo sotto controllo possibili futuri appalti di caccia F-35B, che possono decollare e atterrare verticalmente, mentre guarda alla ristrutturazione di Izumo.
La Izumo da 248 metri (814 piedi), la più grande nave da guerra giapponese dotata di un ponte di volo piatto, è stata progettata con l’obiettivo di ospitare i caccia F-35B. L’ascensore che collega il ponte all’hangar può trasportare l’aereo, dicono le fonti.
Le possibili misure di rimontaggio includevano l’aggiunta di una rampa curva all’estremità del ponte di volo, il miglioramento della resistenza al calore del ponte contro i bruciatori a getto e il rafforzamento della capacità di controllo del traffico aereo della nave.

Tuttavia, il ministro della Difesa giapponese Itsunori Onodera ha detto che il governo non sta prendendo alcuna misura concreta per il refitting di Izumo.
“Per quanto riguarda la nostra linea sulla difesa, conduciamo costantemente vari esami, ma non è in corso alcun esame concreto sull’introduzione dell’F-35B o sul rimodellamento dei cacciatorpediniere di classe Izumo”, ha detto Onodera ai giornalisti martedì.

Izumo ha una nave gemella chiamata Kaga.

Negli ultimi mesi il Giappone ha condotto spesso esercitazioni congiunte con le forze aeree statunitensi per potenziare la deterrenza contro la Corea del Nord.
Una delle tre fonti governative ha definito tali esercitazioni “una grande opportunità per vedere con i nostri occhi come l’esercito americano gestisce le proprie portaerei” mentre il Giappone esamina la possibile conversione di Izumo in una portaerei.
Le tensioni regionali sono aumentate vertiginosamente da quando la Corea del Nord ha condotto il sesto e più grande test nucleare a settembre. Pyongyang ha detto che un mese dopo ha testato con successo un nuovo missile balistico intercontinentale che potrebbe raggiungere gli Stati Uniti.
Il Giappone è anche diffidente nei confronti dei missili a lunga gittata cinesi e vorrebbe adottare misure per lanciare caccia dalle portaerei nel caso in cui le piste gestite dalle forze statunitensi in Giappone o dalla Forza di autodifesa aerea giapponese fossero distrutte da missili.
L’articolo 9 della costituzione pacifista del Giappone, se preso alla lettera, vieta il mantenimento delle forze armate. Tuttavia, i governi giapponesi hanno sempre  interpretato l’articolo e hanno consentito alle forze armate esclusivamente l’autodifesa.
Possedere una portaerei potrebbe sollevare una questione di costituzionalità, hanno detto le fonti, quindi il governo ha deciso di affrontare la questione nelle sue nuove linee guida del Programma di difesa nazionale.

F35, anche il Giappone pensa all’acquisizione

Industria, MONDO, PRP Channel |