Giappone, gradimento americani isola di Okinawa ai minimi storici

Views

Il primo ministro Shinzo Abe ha ribadito l’impegno del governo giapponese di trasferire una controversa base aerea statunitense di stanza a Okinawa, la prefettura più a sud del Giappone. Ciò, a causa della crescente antipatia sull’isola per una recente arrivo massivo di militari USA e disavventure collegate. “Ottenendo la comprensione dei cittadini locali, procederemo con il piano di trasferimento della base in conformità con la sentenza della Corte Suprema“, ha detto il primo ministro, in riferimento a una serie di cause legali e contromosse portate dal Governatore di Okinawa Takeshi Onaga al governo centrale.

Onaga è un convinto sostenitore della riduzione degli oneri della base americana per gli abitanti di Okinawa e del trasferimento della stazione aerea dei Marine Corps Futenma da Ginowan alla regione costiera di Henoko, anch’essa sull’isola. Le dichiarazioni di Abe sono arrivate sulla scia di dell’elezione di Taketoyo Toguchi, 56 anni, quale sindaco di Nago, sconfiggendo Susumu Inamine, 72 anni, che stava cercando un terzo mandato.

Inamine, sostenuta da Onaga, contraria al trasferimento della base, ha dichiarato che il suo rivale ha deliberatamente evitato il problema chiave della delocalizzazione della base e si è concentrato sulle promesse economiche per sviluppare la regione come una priorità.

Gli abitanti di Okinawa, costantemente irritati dai crimini e dagli incidenti provocati dal personale delle forze armate degli Stati Uniti presenti sull’isola, vedono con maggior favore la possibilità di ottenere un maggiore sostegno economico dal governo centrale.

La Corte Suprema, nel dicembre 2016, ha dichiarato illegale la revoca di un permesso di Onaga rilasciata dal suo predecessore per consentire il proseguimento dei lavori per il  trasferimento della base.

Nell’aprile 2017, contro una dura reazione locale, il governo centrale ha iniziato i lavori di bonifica per la nuova base costruendo muraglioni marittimi, come previsto da un accordo fatto con gli Stati Uniti nel 1996 sul trasferimento delle basi militari.

Le autorità di Okinawa si oppongono ai lavori di costruzione perché temono che il sedimento versato all’interno delle dighe, in costruzione per la struttura sostitutiva a Oura Bay, sia estremamente dannosa per l’ambiente.

I piani generali per la nuova base coinvolgono 157 ettari di terreno recuperati da acque incontaminate al largo della zona di Henoko e la costruzione di una pista a forma di V.

Funzionari di Okinawa hanno dichiarato che il lavoro di bonifica è in contrasto con la strategia nazionale sulla biodiversità del Giappone, poiché danneggia un ecosistema unico a Okinawa. Gli ambientalisti hanno anche espresso preoccupazioni riguardo ai materiali usati per i lavori di bonifica che introducono specifiche invasive nella regione. Gli esperti, dopo aver esaminato la barriera corallina sul fondo dell’oceano vicino alla punta di una delle dighe, hanno concluso che il corallo di Pores lutea, che fa parte della barriera corallina è a soli 20 metri dalla punta della diga, alta quindi la probabilità che venga distrutto dai lavori di costruzione. Le acque della baia di Oura sono anche l’ultima dimora del dugongo giapponese a rischio di estinzione, che è un grande mammifero marino e cugino del lamantino. Gli ambientalisti sono certi dell’estinzione della specie se la costruzione del governo centrale continua.

Le autorità prefettizie di Okinawa hanno anche affermato che i lavori di costruzione stanno legalmente violando i diritti concessi ai pescatori locali nella regione costiera. Insieme alle preoccupazioni ambientali.  Funzionari e cittadini  sono particolarmente  indignati da una recente ondata di incidenti  a Okinawa che hanno coinvolto elicotteri militari statunitensi. A dicembre 2017, un grosso vetro cadeva da un elicottero da trasporto americano CH-53E schiantandosi sul terreno adiacente ad una scuola elementare, a pochi metri da dove i bambini stavano frequentando un corso di ginnastica. L’incidente non ha impedito agli elicotteri, con sede a Futenma, di sorvolare la scuola in seguito all’incidente, nonostante le forti proteste del governo locale. Nel solo mese di gennaio, tre elicotteri, anch’essi della controversa base di Futenma, sono stati costretti a fare atterraggi di emergenza nei centri abitati di Okinawa. Giovedì, l’assemblea prefettizia di Okinawa ha adottato all’unanimità una risoluzione per protestare contro le disavventure legate agli elicotteri, evidenziando il fatto che le forze americane di Okinawa continuano a gestire i modelli di elicotteri coinvolti nonostante non abbiano fornito adeguate ragioni e spiegazioni sugli incidenti.

La risoluzione richiede anche un blocco immediato dei voli sulle aree civili, in quanto i marines che hanno accettato di evitare di sorvolare la scuola elementare menzionata non hanno rispettato l’accordo, come dimostra un video. L’assemblea prefettizia, nella risoluzione da consegnare all’ambasciata americana a Tokyo e alle forze americane che operano  sotto il comando del Pacifico degli Stati Uniti, chiede anche che i marines di stanza a Okinawa vengano trasferiti fuori dalla prefettura  nel più breve tempo possibile. Okinawa ospita il 74% di tutte le basi statunitensi in Giappone e le paure locali circa i crescenti casi di incidenti e reati legati alle forze armate statunitensi, nonché le questioni relative alla mossa di base di Futenma hanno visto un allargamento della crisi sia politicamente che socialmente tra la piccola isola subtropicale e il governo centrale. Quelli dell’isola hanno sempre più descritto di vivere la loro situazione come una forma di “occupazione”. Nel luglio 2017, Onaga, tuttavia, ha intentato una nuova causa volta a bloccare il piano di ricollocazione Futenma.

 

Giappone, gradimento americani isola di Okinawa ai minimi storici

MONDO, PRP Channel |