Iran, terzo giorno di sommosse, due morti in città di provincia

Views
   

Le proteste di piazza hanno colpito l’Iran per il terzo giorno, diffondendosi nella capitale Teheran con la folla che affronta la polizia e ha attaccato alcuni edifici statali. Un post sui social media ha riferito che due manifestanti sono stati uccisi in una città di provincia.
L’ondata di manifestazioni antigovernative, provocata in parte dal malcontento per le difficoltà economiche e la presunta corruzione, sono le più gravi da mesi di disordini iniziati nel 2009 dopo la contestata rielezione dell’allora presidente Mahmoud Ahmadinejad.
Le proteste di sabato, infatti, sono coincise con manifestazioni sponsorizzate dallo stato organizzate in tutta la Repubblica islamica per segnare la definitiva soppressione dei disordini del 2009 da parte delle forze di sicurezza, con eventi di massa filo-governativi a Teheran e Mashhad, la seconda città dell’Iran.
I raduni pro-governativi si sono svolti in circa 1.200 città e paesi in tutta l’Iran, ha riferito la televisione di stato.
Allo stesso tempo, le manifestazioni antigovernative sono scoppiate di nuovo in una serie di città e a Teheran per la prima volta dove i manifestanti hanno affrontato e lapidato la polizia antisommossa intorno all’università principale, con folle filo-governative vicine.
I video pubblicati sui social media dalla città occidentale di Dorud hanno mostrato due giovani che giacciono immobili sul terreno, coperti di sangue, e una voce fuori campo dice che sono stati uccisi dalla polizia antisommossa che avrebbe sparato sui manifestanti.
Altri manifestanti hanno recitato nel video, “Ucciderò chiunque abbia ucciso mio fratello!” Il video, come altri pubblicati durante l’attuale ondata di protesta, non può essere immediatamente autenticato.
Nelle precedenti riprese, i manifestanti di Dorud gridavano: “La morte al dittatore”, riferendosi al capo supremo Ayatollah Ali Khamenei.
I video dei social media di Mashhad hanno mostrato che i manifestanti hanno ribaltato una macchina della polizia antisommossa e dato fuoco alle motociclette della polizia.
A Teheran, l’agenzia di stampa semi-ufficiale Fars ha detto che fino a 70 studenti si sono radunati davanti all’università principale e hanno lanciato sassi alla polizia, cantando anche loro “La morte al dittatore”.
I filmati dei social media hanno mostrato che la polizia antisommossa usa i club per disperdere i manifestanti in marcia nelle strade vicine e per arrestarne alcuni. L’agenzia di stampa studentesca ISNA ha detto che la polizia ha chiuso due stazioni della metropolitana per impedire l’arrivo di altri manifestanti.
A Teheran e Karaj, a ovest della capitale, i manifestanti hanno sfondato le finestre degli edifici statali e incendiato le strade.

Category: MONDO, PRP Channel
Tags: