1000 combattenti dell’Isis stanno ritornando in Iraq, pericolo per la “fragile” stabilità dell’area

Views

Circa 1.000 combattenti dello Stato Islamico sono tornati in Iraq negli ultimi mesi e stanno conducendo una rivolta di basso livello che minaccia di destabilizzare le aree rurali e potrebbe essere il precursore di una nuova guerra, ha avvertito un esperto. Migliaia di combattenti appartenenti allo Stato Islamico – noto anche come Stato Islamico dell’Iraq e della Siria, o ISIS – sono entrati in Siria alla fine del 2017. Nel dicembre dello stesso anno, il governo iracheno del Primo Ministro Haider al-Abadi ha dichiarato la vittoria nel guerra contro il gruppo militante sunnita. Da allora, tuttavia, molti di questi combattenti sono tornati in Iraq dalla Siria e ora si stanno riarmando  contro lo stato iracheno, che lo vedono come dominato dagli sciiti alleati dell’Iran.
In un articolo pubblicato domenica, il Washington Post cita Hisham al-Hashimi, un consigliere per la sicurezza iracheno del governo di Baghdad,  che ha lanciato l’allarme sul fatto  che l’ISIS si sta raggruppando in Iraq. Al-Hashimi ha detto a The Post che  circa 1.000 combattenti dell’ISIS sono entrati in Iraq dalla Siria dal dicembre del 2018. La maggior parte di loro sono cittadini iracheni che stanno tornando nelle aree a maggioranza sunnita del paese che prima erano considerate roccaforti dell’ISIS nel 2018. Al loro ritorno, i combattenti si uniscono a piccole celle dell’ISIS che operano principalmente nelle aree rurali dell’Iraq centrale e settentrionale. Si muovono di notte e hanno familiarità con il terreno locale, il che consente loro di utilizzare efficacemente una varietà di nascondigli. Queste cellule possono ora essere trovate in luoghi che vanno dalla città di Kirkuk, nel nord, alla provincia di Diyala, ad est di Baghdad. Sono responsabili di decine di rapimenti, bombardamenti lungo la strada e attacchi da parte  di cecchini  che colpiscono funzionari locali e personale di sicurezza. Gli osservatori locali sottolineano che le cellule emergenti dell’ISIS sono troppo deboli per minacciare il controllo territoriale del paese da parte del governo iracheno. Tuttavia, stanno rapidamente destabilizzando le aree rurali del paese e sembrano prepararsi a una prolungata insurrezione che potrebbe potenzialmente portare a un’altra grande guerra tra tribù.
Il rapporto del Washington Post arriva un mese dopo che un gruppo di ricercatori dell’Istituto per lo studio della guerra aveva già avvertito che lo Stato islamico è in grado di fare un improvviso ritorno in Medio Oriente e che potrebbe essere “più veloce e persino più devastante” rispetto al 2014, quando il gruppo conquistò rapidamente un territorio delle dimensioni della Gran Bretagna. In un articolo di 76 pagine intitolato Il secondo ritorno dell’ISIS. Il rapporto evidenzia che  e forze governative hanno trovato “sempre più difficile stabilire strutture di sicurezza e politiche durature e legittime” in quelle aree, ma dovrebbero anche essere preoccupate della possibilità che l’ISIS riconquisti effettivamente il territorio sia in Iraq che in Siria.

1000 combattenti dell’Isis stanno ritornando in Iraq, pericolo per la “fragile” stabilità dell’area

EVIDENZA 2, INTELLIGENCE |