L’Italia aderisce all’iniziativa francese EI2. Nuovo asse strategico militare dei paesi europei

Views

L’Italia – con una lettera firmata il 20 settembre scorso dal Ministro della Difesa Lorenzo Guerini – ha comunicato ufficialmente alla Francia e ai paesi già parte dell’iniziativa, la volontà di aderire all’ “European Intervention Initiative EI2“. 

Il Governo italiano darà, dunque, la disponibilità a fornire, nella regione del Mediterraneo, la sua peculiare competenza nazionale nel settore della difesa e sicurezza. 

Questa iniziativa – ha commentato il Ministro Guerini – è nata da una forte volontà politica e intende rafforzare la UE e la NATO, entrambe indispensabili a garantire la sicurezza dell’Europa e degli europei“. 

 

 

Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna e Regno Unito hanno aderito all’iniziativa, a guida francese, nata nel giugno del 2018 al di fuori dei quadri dell’Unione Europea e della NATO. 

Probabilmente la necessità di avere una struttura strategica più rapida è dettata dal fatto che la capacità d’intervento della Nato è molto ridotta per via della lentezza dei processi decisionali. Tra balzelli di pareri tra Commissione e Cosiglio e votazione plenaria con l’innesco di vari “caveat” nazionali, far intervenire la Nato in situazioni emergenziali è davvero difficile per tempi di reazione e per capacità spesso non adeguate da mettere in campo.

Per questo la decisione di nove Stati membri dell’Unione Europea di concordare  il 25 giugno del 2018 l’intenzione di formare una forza di intervento militare congiunta progettata per dispiegarsi rapidamente in tutto il mondo. 

Al riguardo gli Stati Uniti e la NATO hanno già  espresso preoccupazione. L’ex segretario alla Difesa degli Stati Uniti James Mattis all’epoca evidenziava come l’iniziativa avrebbe  potuto “strappare risorse o capacità alla NATO”.

L’iniziativa Europea d’intervento si prefigge, secondo la lettera d’intenti, l’obiettivo della creazione di una cultura strategica comune tra i paesi partecipanti e vuole contribuire a lanciare nuove dinamiche che puntino ad una Difesa europea capace di assumersi maggiori responsabilità di fronte alle minacce e alle sfide contemporanee. 

L’Italia aveva lavorato a stretto contatto con la Francia e gli altri Paesi per contribuire alla definizione precisa dell’iniziativa. I numerosi scambi con Roma miravano a fornire tutte le garanzie necessarie per rispondere alle preoccupazioni italiane. Ma il precedente Governo Conte il 25 giugno 2018 non partecipava all’atto fondativo dell’iniziativa. 

Questo avveniva anche a causa dell’orientamento politico dell’allora maggioranza che non aveva buoni rapporti con la Francia e con l’Ue. Oggi, mutata la maggioranza, si è rilanciata l’iniziativa italiana in Europea e si riallacciano i rapporti con Francia e Germania.  Con l’adesione all’iniziativa potrebbero aprirsi anche nuovi scenari per quanto riguarda l’industria della Difesa. Non a caso ora la Francia guarda con maggiore attenzione alla fusione tra Fincantieri e Stx-France dimostrando un nuovo impulso per stringere l’accordo.

L’EI2 è un’iniziativa autonoma, distinta dall’Ue e dal Pesco. Infatti, l’EI2 è un quadro su cui basarsi, al fine di raggiungere una cultura strategica comune che, alla fine, contribuirà alla Pesco (e alla Nato) rafforzando la capacità degli europei di operare meglio insieme. Peraltro, l’EI2 presenta alcune variazioni all’interno di Pesco. La sua vocazione è molto più ampia. Ci sarà un forte legame tra EI2 e Pesco, che si beneficeranno reciprocamente.

Alcuni progetti Pesco della prima e seconda ondata andranno ovviamente a beneficio dell’EI2, nel campo della mobilità militare o del sostegno alle operazioni. Tuttavia, l’EI2 non verrà fusa all’interno di Pesco. Questo consente la partecipazione senza restrizioni di paesi militarmente in grado e politicamente disponibili come la Danimarca (la cui rinuncia alla CSDP ostacola qualsiasi partecipazione alla Pesco). Consente anche la partecipazione del Regno Unito che non ha aderito alla Pesco, e di altri paesi in il futuro. Inoltre, la partecipazione di questi paesi all’EI2 amplia il numero e la pertinenza delle aree geografiche di interesse comune.

Letter of Intent June, 25 2018

 

I contenuti della Lettera d’intenti firmata il 25 giugno 2018

Il contesto strategico

L’Europa sta fronteggiando un ambiente strategico altamente instabile ed incerto, soggetto a cambiamenti radicali. Ha dinanzi la più grande concentrazione di sfide dalla fine della Guerra Fredda, tra cui la crescente minaccia terroristica, la grave crisi migratoria, la persistente vulnerabilità nella sua regione meridionale, dal Mediterraneo alla regione del Sahel-Sahara, la duratura destabilizzazione nel Medio Oriente, la ripresa della guerra alle sue porte e le dimostrazioni di forza sul suo territorio, anche derivanti dalla strategia di intimidazione sul suo fianco orientale e la crescente emergenza dei disastri naturali.

 

Questi sono fattori destabilizzanti che devono essere affrontati per proteggere meglio i nostri cittadini e pertanto gli stati europei devono assumersi una maggiore responsabilità per la propria sicurezza, quindi la necessità di coordinare meglio gli sforzi e promuovere la capacità di anticipare meglio, preparare, pianificare e agire insieme quando e dove necessario.

 

Questa valutazione strategica deve essere chiara per gli Stati europei disponibili a condividere gli stessi interessi per la sicurezza e che supportano attivamente gli sforzi comunitari, anche attraverso nuove iniziative dell’Unione Europea, al fine di consolidare l’autonomia strategica comune e la libertà di decisione e azione, nonché rafforzare la NATO, che rimane il fondamento della difesa collettiva.

 

I nostri Stati hanno costantemente dimostrato la loro disponibilità e capacità di dispiegarsi rapidamente, in diversi contesti, dimostrando efficace capacità militare e capacità di agire insieme in vari scenari in tutta la gamma di potenziali conflitti e crisi che incidono sulla sicurezza dell’Europa. I progressi compiuti negli ultimi anni nel rafforzamento della difesa europea sono stati significativi. Tuttavia, è necessario adottare ulteriori misure. Pertanto intendiamo sviluppare insieme l’iniziativa europea di intervento (EI2) al fine di migliorare la nostra risposta strategica collettiva.

 

Propositi del EI2


EI2 è un forum flessibile e non vincolante di Stati europei che sono in grado e disposti a impegnare le proprie capacità e le proprie forze militari quando e dove necessario per proteggere gli interessi e la sicurezza europea, fatto salvo il quadro istituzionale prescelto (UE, NATO,  Nazioni Unite o coalizioni ad hoc).

 

L’obiettivo finale di EI2 è quello di sviluppare una cultura strategica condivisa, che aumenterà, come stati europei, la capacità di svolgere missioni e operazioni militari nel quadro dell’UE, della NATO, delle Nazioni Unite e/o di coalizioni ad hoc. Intensificare e approfondire i contatti tra gli Stati partecipanti alla EI2, faciliterà futuri impegni militari, che restano pienamente soggetti alle decisioni nazionali sovrane in conformità con i rispettivi dettati costituzionali.

 

In particolare, l’EI2 consentirà migliori collegamenti e una più stretta cooperazione tra le forze armate degli Stati europei che sono disposte e in grado di svolgere missioni e operazioni militari internazionali. 

L’iniziativa si concentrerà su una migliore interazione in quattro settori principali: 

(1) previsione strategica e condivisione dell’intelligence;

(2) sviluppo e pianificazione dello scenario;

(3) supporto alle operazioni

(4) lezioni apprese e dottrina (condivisione delle esperienze maturate sul campo e    analisi delle criticità incontrate).

 

EI2 contribuirà a rafforzare le relazioni bilaterali di difesa, nonché gli sforzi congiunti condotti nell’ambito di organizzazioni multilaterali chiave come l’UE, la NATO e le Nazioni Unite o iniziative ad hoc. EI2 intende contribuire agli sforzi in corso all’interno dell’Unione europea per approfondire la cooperazione in materia di difesa, in particolare PESCO e può rafforzare e attingere al lavoro condotto attraverso il NATO Framework Nation Concept (FNC). Non duplicherà questi sforzi, ma li integrerà. EI2 si adopererà per identificare possibili miglioramenti per la difesa europea, nonché il miglior forum istituzionale su come raggiungerli, al fine di essere più rapidi ed efficienti. La Danimarca parteciperà nel pieno rispetto dell’opt-out danese dalla politica di sicurezza e di difesa comune dell’UE.


Gli Stati partecipanti a EI2 si adopereranno per garantire che EI2 assicuri gli obiettivi e i progetti di PESCO nella massima misura possibile, tenendo conto dei vincoli legali nazionali e della questione dell’accesso di terzi a PESCO. Mentre PESCO produrrà inevitabilmente effetti benefici per E12, cercheremo di identificare, quanto prima, aree di cooperazione rilevanti all’interno del quadro E12 che possano fondersi con progetti PESCO esistenti o costituirne di nuovi, ad esempio nel settore del sostegno alle operazioni.

I colloqui tra il personale militare forniranno valutazioni e raccomandazioni regolari in linea con gli interessi di sicurezza comuni e le possibili azioni.

E12 non comporta la creazione di una nuova forza di reazione rapida. Considerando che le nostre nazioni hanno forze armate già impegnate, gli stati E12 faranno affidamento su forze di reazione / intervento rapide esistenti, in linea con  l’appropriato processo decisionale. E12 non destinerà le forze nazionali ai propri scopi di risposta.

E12 rafforzerà la nostra capacità di operare meglio insieme. Rafforzerà la capacità degli Stati partecipanti di essere meglio preparati per le missioni e le operazioni condotte nel quadro dell’UE, della NATO, delle Nazioni Unite o di altre coalizioni ad hoc in cui le nazioni desiderano impegnare le proprie forze armate. Potrebbe anche incoraggiare lo spiegamento efficiente di capacità e unità militari esistenti e future. L’assegnazione dei focus dagli Stati partecipanti all’E12 a specifiche missioni e operazioni rimarrà sempre una decisione nazionale sovrana.

E12 non graverà sulle risorse. Farà affidamento sulle strutture esistenti e su una rete di ufficiali di collegamento nelle varie strutture militari degli Stati partecipanti.

Alla fine, grazie a una migliore comprensione reciproca delle esigenze militari, E12 contribuirà ad allineare i requisiti operativi degli Stati europei e quindi potrebbe facilitare lo sviluppo comune di capacità, utilizzando gli strumenti già esistenti.

E12 sarà aperto ad altri stati europei, disposti a condividere gli obiettivi strategici dell’iniziativa, mostrando impegno e capacità operative  adeguate.

Disposizioni per lo sviluppo della E12

Firmando questa lettera di intenti, noi ministri della difesa degli Stati partecipanti garantiamo il nostro pieno sostegno e coinvolgimento in E12 e il nostro intento di contribuire ai quattro settori di lavoro concordati. 

Al fine di raggiungere gli obiettivi dell’E12, decidiamo di istituire un leggero segretariato permanente E12 a Parigi basato sul personale francese e sulla rete esistente di ufficiali di collegamento nazionali nelle varie strutture militari del Ministero della Difesa francese (eventualmente integrate da contributi volontari nazionali) , supervisionare la politica e gli obiettivi e coordinare le azioni lungo le diverse linee di cooperazione.

Noi, ministri della difesa degli Stati partecipanti, ordiniamo al nostro personale di iniziare a redigere un memorandum d’intesa dell’EI2 il più presto possibile, specificando in dettaglio le modalità della partecipazione di ciascuno stato membro.

 

L’Italia aderisce all’iniziativa francese EI2. Nuovo asse strategico militare dei paesi europei

EVIDENZA 4, MONDO |