Macron in Congo per siglare partenariato strategico e molto altro

Views

Mentre in Italia si discute sempre di politica interna e delle solite quisquilie nazionali,  Emmanuel Macron  ieri ha incontrato il presidente del  Congo, Felix Tshisekedi. Durante l’incontro, si legge in un comunicato stampa dell’Eliseo, i due capi di Stato hanno condiviso la volontà di stabilire un vero partenariato strategico tra i due paesi per affrontare sfide comuni come la sicurezza, l’istruzione e la Francofonia, la protezione dell’ambiente, la salute. E’ stato quindi firmato del secondo contratto di riduzione e sviluppo del debito tra Francia e Repubblica Democratica del Congo (Rdc), per un importo di 65 milioni di euro, che coprirà i settori dell’istruzione e della formazione professionale, governance finanziaria e amministrativa e sanità.

La Francia dedicherà bilateralmente 23 milioni di euro, principalmente alla formazione degli insegnanti. Per quanto riguarda la salute, questo incontro è stato l’occasione per firmare una road map congiunta per combattere l’epidemia di Ebola, che si baserà su tre pilastri: una risposta umanitaria di emergenza; un partenariato scientifico tra attori della ricerca francese e l’Istituto nazionale per la ricerca biomedica di Kinshasa, nonché azioni di sviluppo volte a rafforzare i sistemi sanitari a medio e lungo termine.

Infine, i presidenti hanno discusso della situazione della sicurezza nella parte orientale della Repubblica democratica del Congo. La Francia ha sempre sostenuto la Repubblica democratica del Congo per garantire il rispetto della sua integrità territoriale. Il presidente della Repubblica ha assicurato alla sua controparte il sostegno della Francia nella lotta contro i gruppi armati e nei suoi sforzi nel campo della cooperazione regionale.

La Repubblica Democratica del Congo è stata devastata dal conflitto vicino al suo confine orientale, dopo che numerose milizie si sono evolute dalle due guerre del Congo (1996-1997 e 1998-2003).

Macron ha affermato che l’aiuto francese assumerà una “dimensione militare” e implicherà il contributo dell’intelligence, ma non ha fornito dettagli.

Un gruppo armato ugandese di origini islamiste, le Forze democratiche alleate (ADF), ha preso di mira la regione di Beni, uccidendo centinaia di civili negli ultimi cinque anni. Lo Stato islamico ha rivendicato alcuni degli attacchi, ma non esiste una prova chiara di alcun legame tra i due gruppi.

Macron ha, quindi,  invitato i paesi regionali a “impegnarsi con il presidente Tshisekedi in questa lotta molto importante”.

Tshisekedi ha risposto che voleva vedere “la Francia molto più presente in Africa. Quando un amico è in difficoltà, l’altro lo aiuta“, ha aggiunto.

Riavvio G5 

Macron nel frattempo si è impegnato a prendere decisioni “nelle prossime settimane” su come la Francia può aiutare a combattere la violenza jihadista nel Sahel.

Il leader francese ha dichiarato che sono stati compiuti progressi “sulla situazione della sicurezza” e che saranno annunciate decisioni sul rinnovamento della forza di cooperazione regionale del G5 in Mali, Burkina Faso e Niger.

A seguito di colloqui con i suoi omologhi del Ciad, del Niger e del Mali – Idriss Deby, Mahamadou Issoufou e Ibrahim Boubacar Keita – Macron ha dichiarato che la Francia “sta confermando e consolidando il suo impegno” per il suo ruolo militare nell’operazione Barkhane, lanciata nel 2014 e alla quale Parigi ha contribuito 4.500 truppe.

Il quadro del G5, creato per combattere il terrorismo jihadista nella fragile regione che si trova tra il Sahara e l’Atlantico, comprende truppe provenienti da Mauritania, Mali, Niger, Burkina Faso che sono supportate dall’ex potenza coloniale francese.

Ma, ostacolato da fondi, addestramento e equipaggiamento insufficienti, la forza ha raggiunto solo ora un complemento di 4.000 truppe, facendo sì che gli analisti mettano in dubbio la sua capacità di adempiere al suo ruolo.

Macron ha affermato che all’inizio del prossimo anno saranno disponibili ulteriori risorse militari.

Tra gli argomenti che Macron ha discusso con i suoi omologhi del Sahel è stato il punto di infiammabilità nord-orientale del Mali di Kidal, una città tenuta dai ribelli governata principalmente dai separatisti tuareg dopo una ribellione del 2012 che, secondo lui, doveva essere visibilmente sotto il controllo dello stato.

La debole presenza dello stato nell’area ha permesso ai gruppi jihadisti, incluso un ramo locale del gruppo dello Stato Islamico, di stabilire un punto d’appoggio in un vasto e arido dominio che è diventato un centro per il traffico di persone e armi.

Macron in Congo per siglare partenariato strategico e molto altro

EVIDENZA 1, MONDO |