Mattarella e Conte chiamano Salvini

Views

Stamane il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha telefonato al leader della Lega, Matteo Salvini, dopo la richiesta congiunta del centrodestra, di fissare un incontro urgente, alla luce dei recenti avvenimenti.  Il centrodestra aveva chiesto di essere ricevuto al Quirinale per offrire la proprio supporto all’emergenza coronavirus, visto che fino ad oggi il Governo, non aveva mai ritenuto opportuno interpellare le opposizioni.

Salvini  ha ringraziato Mattarella “per la disponibilità e per l’impegno a favorire un’interlocuzione tra il governo e l’opposizione per creare quel clima giusto di una vera collaborazione per il bene del paese e uscire insieme dall’emergenza”.

Dopo la  telefonata del Presidente della Repubblica  è arrivata quella del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte che ha invitato le opposizioni  stasera alle 19 a Palazzo Chigi per un confronto. Anche il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani ha detto di aver ricevuto una telefonata da Conte e ha confermato l’appuntamento di questa sera.

Sul tavolo al Lega, ma anche tutto il centrodestra metteranno  5 priorità economiche. Protezione del lavoro, partite Iva, interventi a tutela delle imprese, anno bianco fiscale e sostegno agli enti locali.

Per la Lega  è fondamentale evitare che la crisi distrugga altri posti di lavoro. La Lega riconosce che l’esecutivo ha esteso in vari modi la cassa integrazione guadagni (cig) “ma resta molto da fare per facilitare l’accesso agli ammortizzatori sociali – si legge nella pagina Facebook di Salvini -, snellendo i passaggi burocratici, e garantirne l’efficacia, estendendoli nel tempo”.

Anche per il lavoro autonomo rimane molto da fare secondo la Lega. Quest’ultima evidenzia che nel nostro Paese ci sono 3,3 milioni di partite Iva tra imprenditori individuali e lavoratori indipendenti, i quali stanno perdendo ogni fonte di guadagno con il blocco delle attività e nel frattempo devono pagare gli affitti e altre spese. “L’indennità di 600 euro proposta dal Governo – si legge nel post – è insultante per l’importo e discriminatoria nell’applicazione”.

Secondo la Lega sono necessari interventi a sostegno della liquidità delle imprese. Quanto deciso dal governo non basta. Occorrono varie misure tra cui “generalizzare e prolungare le sospensioni dei versamenti fiscali e contributivi, e agevolare la compensazione dei crediti fiscali e commerciali verso la Pubblica amministrazione”.

È poi “fondamentale per tutto il 2020 un anno bianco di pace fiscale per tasse e cartelle esattoriali: se non incasso o non guadagno non posso pagare“. Infine, viene proposto di sbloccare gli avanzi dei Comuni per le spese anche di parte corrente legate all’emergenza Coronavirus.

Mattarella e Conte chiamano Salvini