Infedeli lituani al servizio della Russia: “Svelati segreti Nato”

Views

Un numero crescente di persone è sotto custodia cautelare in Lituania: ” lo stato baltico sta continuando  ad indagare su un presunto sodalizio dello  spionaggio russo, molto attivo nel paese”.

Martedì scorso, i pubblici ministeri del governo hanno chiesto una condanna a otto anni di prigione per Roman Sheshel, accusato di aver dato informazioni riservate a Mosca sulle forze navali della Lituania. Anche Sheshel, un cittadino lituano nato in Russia, avrebbe dato ai suoi ufficiali russi informazioni classificate riguardanti  le navi da guerra appartenenti all’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, di cui la Lituania è membro. È accusato di aver lavorato per i russi dall’inizio del 2015 fino alla sua cattura da parte delle autorità lituane nel dicembre del 2017. Il  processo si è svolto a porte chiuse per proteggere i segreti di stato.
I pubblici ministeri del governo affermano che Sheshel faceva parte di una considerevole rete di spionaggio di lituani reclutati dalla Russia negli ultimi cinque anni e le cui “attività minacciavano la sicurezza nazionale lituana”. Tra loro è presumibilmente Alģirds Paleckis, un ex parlamentare e diplomatico. Paleckis è nato nel 1971 in Svizzera, dove suo padre, Justas Vincas, ha prestato servizio come diplomatico sovietico. Suo nonno, Justas Paleckis, era una figura imponente nel Partito Comunista Lituano, che nel 1940 guidò la fusione della Lituania nell’Unione Sovietica. Ma suo figlio, il padre di Paleckis, ruppe le fila con il passato comunista della famiglia e divenne un importante parlamentare nazionalista nel 1990, quando il paese si separò dall’URSS. Paleckis ha seguito le orme del padre e si è unito al servizio diplomatico prima di entrare in parlamento. Ma nel 2008, dopo una carriera di successo come politico riformista filo-occidentale, Paleckis ha iniziato a virare a sinistra, fondando alla fine il Fronte Popolare Lituano Socialista, un piccolo partito di sinistra che viene spesso accusato di essere troppo vicino a Mosca. Il partito è un oppositore dell’adesione della Lituania all’Unione europea e alla NATO. I critici di Paleckis hanno evidenziato che è sposato con una donna russa il cui padre è noto  come un ufficiale dell’intelligence russa.
L’agenzia di stampa tedesca Deutsche Welle ha riferito la scorsa settimana che Paleckis ha attirato l’attenzione degli investigatori del controspionaggio lituani dopo che “ha completamente rimborsato il mutuo su una casa troppo rapidamente”. Ora è accusato di fornire informazioni ai suoi operatori russi su un’indagine del governo lituano sulle reti di informatori dell’era sovietica nel piccolo paese baltico. È in carcere  dallo scorso ottobre, insieme a un numero non dichiarato di altri presunti membri di un presunto anello di spionaggio russo.

Infedeli lituani al servizio della Russia: “Svelati segreti Nato”

EVIDENZA 3, INTELLIGENCE |