Preziosa su Nato, Ue, Difesa europea e F-35, crisi Ucraina e sfida tra paesi democratici ed autoritari

Views

Il generale Pasquale Preziosa è stato intervistato dalla prestigiosa rivista americana Defense.info, su temi attuali che coinvolgono nuovi attori mondiali nel campo economico, sociale e militare. Particolare attenzione è stata posta sui nuovi documenti strategici di Nato e Ue, ritenuti già “passati” e non adeguati alle sfide moderne. Molto interessante il punto di vista del generale dell’Aeronautica italiana sul concetto dell’Air Power e dello Joint Air Power.

Robbin Laird su Defense.info ha intervistato il generale Pasquale Preziosa, già capo dell’Aeronautica Militare italiana fino al 2016 e oggi presidente dell’Osservatorio Sicurezza di Eurispes.

Preziosa sulla sfida della gestione delle crisi di oggi ha affermato che c’è un’importante lezione appresa dalla crisi finanziaria del 2008 nella nuova era digitale. I normali approcci alla gestione del rischio potrebbero essere insufficienti per gestire nuove crisi. Preziosa ha affermato che in effetti la guerra in Ucraina richiedeva nuovi approcci alla gestione delle crisi.

Le decisioni politiche militari si basano sui dati dell’intelligence, la cui funzione di allerta ha molto in comune con la gestione del rischio. Ha citato un rapporto RAND del 2016:

Quando il concetto di rischio diventa frammentato fino all’oscurità, non può contribuire in modo significativo a una scelta strategica efficace. Troppo spesso… i modelli quantitativi di rischio sono stati utilizzati per generare previsioni obiettive e presumibilmente affidabili di situazioni che riflettevano una profonda incertezza. Se usata come sostituto del giudizio strategico in condizioni di incertezza, la gestione del rischio invita al disastro“.

Quando i dati sono sufficienti in termini di qualità e quantità, i modelli potrebbero essere accurati. Quando abbiamo troppe poche informazioni, ciò comporterà dinamiche non lineari e valori contestati che appartengono alla complessità governata da altri parametri, in quelli che dovremmo: evitare modelli predittivi, sviluppare scenari di possibili futuri, comprendere le fonti di incertezza, concentrarci sui principi di robustezza .

La lezione per lo stratega è rendersi conto che il processo di gestione dell’incertezza è un compito in evoluzione e dovrebbe essere basato su ricerche di informazioni rigorose e analisi degli elementi della strategia.

La NATO ha recentemente approvato un nuovo Concetto strategico. Riafferma i valori dell’Alleanza e definisce i tre compiti fondamentali della NATO: deterrenza e difesa, prevenzione e gestione delle crisi e sicurezza cooperativa.

Il nuovo documento concettuale sottolinea che “Il nostro mondo è conteso e imprevedibile… e le minacce che dobbiamo affrontare sono globali e interconnesse… La concorrenza strategica, l’instabilità pervasiva e gli shock ricorrenti definiscono il nostro ambiente di sicurezza più ampio”.

Tuttavia, Preziosa ritiene che il nuovo concetto strategico sia più basato sulla gestione del rischio inteso in termini di Guerra Fredda, ovvero una strategia basata sulla gestione del rischio per il contenimento della minaccia militare e non con incertezza e competizione strategica o impegno attivo e continuativo nell’affrontare avversario.

Inoltre, la recente “bussola strategica” dell’UE pubblicata nove giorni prima dell’invasione dell’Ucraina, ha riconosciuto la necessità di rafforzare le capacità militari dell’Unione e ha individuato aree prioritarie per la cooperazione come i trasporti strategici, le comunicazioni satellitari, la sicurezza informatica, l’intelligence, la sorveglianza e la ricognizione.

Tra le proposte della Compass, c’è anche la creazione di squadre di reazione rapida per rispondere a minacce ibride, disinformazione e interferenza politica e, entro il 2025, di una capacità di reazione rapida di 5.000 unità, una sorta di più grande gruppo tattico dell’UE.

Il livello dichiarato di ambizione di aumentare fino a cinquemila il livello di forza della forza militare è apparso troppo tardivo e troppo debole per azzerare la nuova architettura di difesa europea il cui obiettivo è raggiungere un’autonomia strategica.

Oggi la sicurezza nazionale riguarda molto di più dei sistemi d’arma contemporanei e delle preoccupazioni del terrorismo. Riguarda l’abilità tecnologica a lungo termine, la salute economica e finanziaria a lungo termine e la privacy a lungo termine dei cittadini, compresi i loro dati medici, finanziari e di altro tipo.

LOccidente è ora messo in pericolo da molte più minacce rispetto al passato.

In altre parole, Preziosa ha analizzato che sia le nuove strategie della NATO che quelle dell’UE non si concentrano sulla natura dell’odierna competizione strategica posta da Cina e Russia, che richiede un impegno costante nell’affrontare azioni di contrasto, piuttosto che semplicemente preparare un atteggiamento deterrente.

La potenza aerea sta preparando una strada da percorrere nella difesa europea

La potenza aerea, poiché è rapida e può avere un effetto di combattimento decisivo, può operare per affrontare le crisi in modo più efficace e decisivo per fornire un effetto o un effetto di gestione delle crisi rispetto a movimenti più lenti di altri tipi di potenza di combattimento.

Le partnership stanno cambiando; i continenti stanno lavorando per avvicinarsi e lavorare in modo più efficace gli uni con gli altri. Ma c’è una carenza di governabilità nella gestione delle nuove sfide, e in tali aree di carenza compaiono i problemi. Ci sono conflitti continui all’interno e tra i continenti, ma ci sono anche nuove chiazze di sfide emergenti all’interno delle giunture del sistema globale in cui i terroristi, la criminalità organizzata o le forze dell’instabilità crescono e si disgregano”.

Con la portata e la distanza delle minacce in evoluzione e la necessità di una cooperazione globale o di coalizioni per affrontarle, la potenza aerea deve essere modificata. Ora abbiamo bisogno di risorse che operino in modo distribuito con coalizioni impegnate per affrontare rapidamente i problemi. Il vantaggio della potenza aerea è la sua portata, velocità e mobilità. La sfida è unire le capacità per mettere rapidamente le risorse contro le minacce e le sfide abbastanza presto per affrontarle”.

Mi sembra una previsione abbastanza buona, enfatizza il giornalista Laird: guardando indietro come descriveresti il ​​cambiamento in Europa da allora e quale ruolo per l’aviazione?

Preziosa: Ho scritto un libro con l’economista Dario Velo La difesa dell’Europa nel 2019 proponendo che più che mai avevamo bisogno della difesa europea.

Avevamo bisogno di credere e perseguire azioni concrete per trovare una vera e credibile identità europea, un’identità che alla luce degli ultimi eventi in Medio Oriente – Libia, Siria e Iraq – è stata richiesta anche da tutti i maggiori attori internazionali dal la fluttuante politica estera perseguita dagli Stati Uniti e dalle potenze autoritarie. Per invertire la rotta, era necessario che l’Europa recuperasse rapidamente una forte iniziativa politica e un’identità perduta”.

Questa proposta anticipava l’esito del Consiglio europeo che, su proposta del presidente Macron e della Merkel, ha messo in agenda una conferenza intergovernativa sul futuro dell’Europa. Tra le questioni c’era il ruolo chiave e proiettato che l’eurozona dovrà svolgere nelle aree calde del mondo, dal Medio Oriente al Nord Africa. La Conferenza sul futuro dell’Europa è stata chiusa di recente in attesa di ulteriori azioni.

Nella crisi ucraina odierna, l’UE può offrire poco in termini di fronte al riemergere della minaccia militare vicino al suo confine, al di là delle ritorsioni economiche e delle solite condanne e cori di indignazione.

L’Europa deve ancora formare e definire la sua dimensione di difesa. E in un tale ruolo la forza aerea è fondamentale.

Il ruolo dell’Airpower sarà persistente e duraturo in questo secolo. La superiorità aerea sarà ancora un prerequisito per il successo di tutte le operazioni.

A livello strategico, la sicurezza nazionale è diventata completamente dipendente dalla rapida proiezione di potenza fornita dalla potenza aerea e con i nuovi armamenti ipersonici la potenza aerea sarà ancora più significativa nel plasmare le opzioni.

A livello operativo, la potenza aerea può ora fornire gli effetti desiderati con il minimo danno collaterale. A livello tattico, l’elaborazione, il rilevamento e la condivisione dei dati continueranno a cambiare il modo di fare la guerra.

Il futuro del potere aereo sarà plasmato dalle capacità di UCAV e ML/AI.

Joint Air Power dovrà evolversi e adattarsi per affrontare le future sfide dell’ambiente di sicurezza, considerando anche l’uso del cyber e dello spazio come fattori abilitanti e moltiplicatori di forza.

In altre parole, lavorare in modo più coordinato nell’uso della potenza aerea europea è una parte fondamentale del percorso da seguire per la difesa europea”.

Sulla prosperità dell’impresa globale F-35

Laird ha chiesto al generale Preziosa, in qualità di attore chiave nel consentire a un’impresa del genere, come vedeva il potenziale per i partner europei nel programma F-35 di plasmare più capacità dalla forza e quanto sia importante un tale sviluppo dal punto di vista Visualizza?

Preziosa: Penso che sotto la guida della Nato l’F 35 europeo potrebbe sviluppare più capacità necessarie al panorama europeo per aumentare la deterrenza e la difesa.

L’F 35 è l’unico velivolo in grado di rispondere alla strategia Anti-Access/Area Denial.

Ci sono molti paesi europei che hanno acquisito l’F 35 in sostituzione del velivolo di quarta generazione. Tutti i velivoli F35 in Europa potrebbero sviluppare sotto il comando della NATO la capacità di affrontare la minaccia indicata nel nuovo Concetto strategico della NATO.

L’F35 potrebbe essere il nuovo standard per le forze aeree per garantire standardizzazione, interoperabilità ed efficienza quando schierato in teatro.

A proposito, alla NATO manca ancora il comune senso di urgenza di risolvere collettivamente le carenze di Joint Air Power e le nazioni intraprendono progetti basati sui loro interessi nazionali, non su ciò che è più necessario nella NATO.

L’attenzione a breve termine è importante perché i recenti sviluppi nell’ambiente della sicurezza in Europa mostrano l’importanza di un’elevata prontezza e preparazione e la disponibilità dell’intera gamma di capacità e competenze congiunte essenziali della potenza aerea per scoraggiare e difendersi dalla Russia nell’intero spettro di minacce”.

Aggiungerei alla nostra discussione che per arrivare al punto in cui l’integrabilità è evidenziata e le capacità web abilitate sono abilitate, è necessario un ulteriore sviluppo nel modo in cui funzionano le forze aeree europee, è necessario l’integrazione dell’F-35 così come nel modo in cui le forze statunitensi lavorano con i propri velivoli F-35.

La Difesa in Europa

Laird. Dal 2014 con la Russia che si è impadronita della Crimea, è chiaro che il presidente Putin ha un’agenda per espandere la Russia. L’attuale guerra ucraino-russa è nella fase successiva. Come possono l’Europa e la NATO affrontare al meglio questa sfida?

Preziosa ha concluso l’intervista discutendo la natura delle sfide che devono affrontare le democrazie e alcuni elementi chiave su come affrontarle.

Preziosa risalendo ai primi anni ’90 ha sottolineato che l’accordo nucleare stipulato in quel periodo ha posto le basi per la crisi attuale. Così lo ha detto: “John J. Mearsheimer in un articolo sugli Affari Esteri un anno prima del Budapest dove sosteneva che un’Ucraina denuclearizzata non era positiva né per Kiev né per la stabilità del quadrante dell’Europa centro-orientale. Mearsheimer ha aggiunto che la convinzione diffusa dell’epoca, promossa anche dall’allora presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, era sbagliata riguardo ai vantaggi della denuclearizzazione dell’Ucraina”.

Preziosa ha poi citato il punto di vista del presidente Macron sulla nuova situazione in cui versa l’Europa e gli Stati Uniti.

Il presidente Macron in un’intervista a Étien Gernelle ha affermato che siamo all’inizio di una nuova era e che la guerra è tornata in Europa dai disordini della Jugoslavia. Una potenza armata nucleare sta minacciando un attacco nucleare per ragioni di ingrandimento territoriale e questo è un grande cambiamento nella grammatica della deterrenza”.

Preziosa sostiene che l’attuale aggressione russa contro l’Ucraina è fondamentalmente diversa dalla Crimea. “Se nel 2008 in Georgia e nel 2014 in Ucraina la Russia era intervenuta in reazione ad altri eventi, questa volta ha scelto deliberatamente la guerra, e questa è una grande rottura con il passato. La rottura arriva dalla tendenza progressiva di Vladimir Putin a partire dal 2008 in Georgia con la percezione di un possibile allargamento della NATO seguito dalla debolezza occidentale in Siria nel 2013 quando sono state utilizzate armi chimiche.

Putin si è convinto, a proposito di un tradimento degli accordi del 1990, di un’espansione della Nato con la volontà di annientare il suo Paese, di essere stato abbandonato dall’Occidente nella crisi caucasica, essenziale per Mosca soprattutto perché allineata all’Islam terrorismo. I paesi occidentali non hanno capito le conseguenze nel 2014, dopo l’annessione della Crimea e la secessione del Donbass”.

Preziosa ha aggiunto: “Putin ha lanciato un’operazione offensiva basata sulla percepita debolezza dell’Occidente.

Citando Macron: “Tutto questo non accade in un giorno. Ma oggi il conto è arrivato“.

Il generale italiano ha osservato che ci sono effetti di ricaduta significativi a livello globale dalla guerra in Ucraina e certamente in Europa. “Gli eventi in Ucraina sono destabilizzanti per i Balcani occidentali, soggetti alle influenze turche, russe e cinesi. Il punto caldo nei Balcani è il Kosovo che non ha mai raggiunto la stabilità politica con la Serbia”.

La Cina

Oltre alla sfida russa, anche la Cina sta aumentando la sua portata e le sue capacità globali. Come ha detto Preziosa: la Cina sta sfidando il ruolo dell’America come unica superpotenza mondiale.

Come risultato della crescente influenza della Cina, le sfere di dominio globale sono proiettate per il futuro tra il potere autoritario e quello democratico.

Dalla liberalizzazione del mercato nel 1978, l’economia cinese è raddoppiata ogni otto anni. Quattro delle più grandi banche del mondo (per asset) sono in Cina, nell’era del denaro facile, ed è il più grande creditore del mondo.

“L’era del predominio singolare dell’America è stata sfidata in molteplici domini strategici, con diversi risultati di secondo ordine. Le recenti guerre commerciali hanno causato fratture tra le relazioni commerciali delle due nazioni. Gli accordi commerciali transfrontalieri in yuan  invece che in dollari statunitensi sono aumentati in modo esponenziale dal 2010. L’iniziativa cinese Belt & Road ha firmato accordi con 138 paesi. A livello globale, ci sono oltre 3485 megaprogetti sostenuti dal governo cinese.

La competizione tra grandi potenze con una netta distinzione tra obiettivi delle democrazie e poteri autoritari”.

Ma le stesse democrazie affrontano divisioni non solo tra loro, ma all’interno di ogni stato democratico. Trovare la coesione ove possibile è fondamentale per tracciare una via da seguire per affrontare le sfide autoritarie a livello globale.

Preziosa ha sottolineato che “Negli Stati Uniti e in Europa resta ancora molto da fare per mettere in ordine i loro sistemi politici e preservare la forza politica ed economica delle principali democrazie mondiali”.

I riflessi delle crisi globali per l’Italia

Anche l’Italia, deve certamente affrontare sfide di sicurezza fondamentali insieme a quelle politiche che devono essere affrontate come parte di una risposta globale alle sfide di difesa poste dai poteri autoritari.

L’aggressione della Russia contro l’Ucraina ha messo in evidenza il carattere estremamente rischioso della dipendenza energetica dell’Europa da Mosca. L’effetto collaterale della crisi ucraina colpisce il Medio Oriente e il Nord Africa in termini di questioni energetiche e sicurezza alimentare.

Il timore è che il malcontento generi nuove ondate di instabilità e flussi migratori verso l’Italia e l’Europa.

L’Italia è uno dei paesi europei più dipendenti dagli approvvigionamenti energetici russi e la questione energetica non può che affermarsi come il primo punto da affrontare. Il primo passo compiuto dall’Italia è stato quello di rivolgersi a paesi terzi produttori ed esportatori di energia, per diversificare le nostre fonti di approvvigionamento e perseguire la nostra sicurezza energetica. Questa strategia ha coinvolto sia i paesi africani che quelli nordafricani come l’Egitto, l’Algeria e l’Egitto.

L’Italia ha bisogno di trovare anche una stabilità politica interna per plasmare non solo la sua strada da percorrere, ma per svolgere il tipo di ruolo necessario per ampliare l’influenza e la coesione europea nell’affrontare le sfide autoritarie del 21° secolo”.

Preziosa su Nato, Ue, Difesa europea e F-35, crisi Ucraina e sfida tra paesi democratici ed autoritari