Iran: gli americani vogliono rovesciare il regime

Views

Reuters ha riportato  che oggi gli Stati Uniti hanno chiesto all’Iran di fare cambiamenti radicali, far cadere il suo programma nucleare fino all’eliminazione della guerra civile siriana, in alternativa affrontare severe sanzioni economiche. L’Iran ha respinto l’ultimatum di Washington e un alto funzionario iraniano ha detto che gli Stati Uniti stanno cercando di “cambiare il regime” in Iran.
Dopo che il presidente Donald Trump si è ritirato dall’accordo nucleare internazionale con l’Iran, la sua amministrazione ha minacciato di imporre “le più forti sanzioni della storia” e ha promesso di “annientare” gli agenti iraniani all’estero.
Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha chiesto cambiamenti radicali che avrebbero costretto l’Iran a invertire la sua influenza militare e politica in Medio Oriente e sulle rive del Mar Mediterraneo.
Se Washington, invece, vedra’ cambiamenti tangibili nelle politiche iraniane, è pronta ad alleviare le sanzioni, ha detto Pompeo.
“La scure delle sanzioni diventerà  più dolorosa se il regime non cambierà il percorso inaccettabile e improduttivo che ha scelto per sé e per il popolo iraniano”, ha detto Pompeo nel suo primo discorso di alto profilo da quando è diventato segretario di stato.
“Queste saranno le sanzioni più forti della storia, ha aggiunto.
Pompeo ha preso di mira la politica di espansione dell’Iran in Medio Oriente attraverso il sostegno a gruppi armati in paesi come la Siria, il Libano e lo Yemen.
Ha avvertito che gli Stati Uniti avrebbero “schiacciato” gli agenti e i delegati iraniani all’estero intimando Teheran a ritirare le forze sotto il suo comando dalla guerra civile siriana, dove hanno aiutato il presidente Bashar al-Assad a prendere il sopravvento.
Il presidente dell’Iran ha liquidato sommariamente le richieste di Pompeo.
“Chi sei tu per decidere per l’Iran e il mondo?”, ha riferito l’agenzia di stampa semi-ufficiale dell’ILNA citando Hassan Rouhani.
“Il mondo oggi non accetta l’America che decida per il mondo, poiché i paesi sono indipendenti … quell’era è finita … Continueremo il nostro percorso con il sostegno della nostra nazione”.
La tensione tra i due paesi è cresciuta notevolmente da quando Trump questo mese si è ritirato dall’accordo nucleare del 2015 per impedire a Teheran di ottenere un’arma nucleare. Un alto funzionario iraniano ha detto che le dichiarazioni di Pompeo hanno mostrato che gli Stati Uniti stavano spingendo per “cambio di regime”, come hanno fatto  con l’invasione  americana dell’Iraq nel 2003 e al rovesciamento del presidente Saddam Hussein.
Pompeo ha avvertito che se l’Iran dovesse riprendere il suo programma nucleare, Washington sarebbe pronta a rispondere e ha detto che dovrebbero tenere conto anche delle società che fanno affari proibiti in Iran.
“Le nostre richieste all’Iran non sono irragionevoli: rinunciare al programma”, ha detto Pompeo.”
Pompeo ha detto che Washington lavorerà con il Dipartimento della Difesa e gli alleati per contrastare l’Iran nel cyberspazio e nelle aree marittime.
Il Pentagono ha detto che prenderebbe tutti i provvedimenti necessari per affrontare il comportamento iraniano nella regione e stava valutando se ciò potesse includere nuove azioni o il raddoppio delle misure attuali.

Pompeo ha detto che se l’Iran dimostrera’, invece, importanti cambiamenti, gli Stati Uniti sono pronti ad allentare le sanzioni, ristabilire le relazioni diplomatiche e commerciali e sostenere la reintegrazione del paese nel sistema economico internazionale.
Eventuali nuove sanzioni statunitensi aumenterebbero il costo del commercio per l’Iran e cio’ scoraggerebbe le società occidentali dall’investire lì, dando ai sostenitori della linea dura, compreso il Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica, un’opportunità per consolidare la loro presa sul potere.
La dirigenza iraniana è consapevole delle difficoltà del Paese dopo le recenti proteste scatenate dalle difficoltà economiche, che la sta spingendo a trattare con gli europei per salvare l’accordo nucleare.
Nel suo discorso Pompeo non ha chiesto esplicitamente un cambio di regime, ma ha ripetutamente invitato il popolo iraniano a non fare i conti con i suoi leader, in particolare nominando Rouhani e il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif.
“Alla fine della giornata il popolo iraniano dovrà fare una scelta in merito alla propria leadership”, ha detto Pompeo. La vicepresidente del programma di politica estera del think tank Brooking Institution,  Maluz Maloney, ha detto che il discorso di Pompeo è davvero una strategia per ribaltare il regime.

L’approccio dell’amministrazione “pone esplicitamente l’onere sul popolo iraniano di cambiare la propria leadership o di fronteggiare pressioni finanziarie catastrofiche”, ha detto Maloney, che ha fornito consulenza al Dipartimento di Stato sull’Iran nell’amministrazione Bush tra il 2005 e il 2007.
L’analista libanese Ghaleb Kandil, che ha stretti legami con il gruppo filo-iraniano di Hezbollah, ha affermato che le richieste di Washington in precedenza non hanno funzionato.
“Queste sono condizioni che sono state testate nelle precedenti fasi delle pressioni americane, prima dell’accordo nucleare, quando l’Iran si trovava in circostanze più difficili di quanto non sia in questi giorni, e non si era arresa a queste condizioni,  ha detto Kandil.
Pompeo ha delineato 12 richieste degli Stati Uniti per l’Iran, tra cui l’arresto dell’arricchimento dell’uranio, di non perseguire il ritrattamento del plutonio e di chiudere il reattore ad acqua pesante.

La richiesta di Pompeo che Teheran impedisca l’arricchimento dell’uranio va addirittura oltre l’accordo nucleare. L’Iran dice che il suo impiego nucleare ha usi medici e produrrà energia per soddisfare la domanda interna e completare le sue riserve di petrolio.
Gli alleati regionali di Washington, i paesi del Golfo e Israele, che erano forti critici dell’accordo, hanno elogiato la posizione dell’amministrazione Usa.
I partiti europei per l’accordo nucleare – Francia, Gran Bretagna e Germania – stanno lavorando per trovare un modo per mantenere in vigore il patto nucleare dopo l’uscita di Washington.
Parlando prima del discorso di Pompeo, il Segretario degli Esteri britannico Boris Johnson ha detto che sarebbe stato difficile per gli Stati Uniti e i loro alleati affrontare allo stesso tempo tutte le questioni che avevano con l’Iran.

Iran: gli americani vogliono rovesciare il regime

MONDO, PRP Channel | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>