Orso russo e drago cinese in affari su petrolio e gas naturale, bollette più salate per l’Europa

Views

L’Europa si troverà costretta a pagare una bolletta petrolifera più alta, mentre la Russia trasferisce più del suo approvvigionamento al mercato petrolifero cinese.

Poiché la seconda maggiore economia mondiale compra di più, le spedizioni di greggio dal porto di Primorsk nella regione del Baltico saranno tagliate, secondo il consulente di settore FGE. La riduzione spingerà al rialzo il prezzo del petrolio russo per la vendita in Europa. La Russia è già il principale fornitore della Cina e probabilmente aumenterà le esportazioni verso il paese di 200.000 barili al giorno nel 2018, rispetto a un anno prima, ha detto FGE.

La Cina favorita dall’oleodotto della Siberia – Oceano Pacifico sta abbandonando lentamente, quale fornitore, l’Arabia Saudita per la Russia.

“La Russia sta iniziando, in effetti, a spostare immediatamente le esportazioni di greggio dall’Europa alla Cina”, ha detto FGE in una nota del 29 dicembre. “Mentre vediamo le esportazioni complessive di greggio dalla Russia anno su anno piatte nel 2018 si prevede un rialzo per il prezzo del petrolio  degli Urali a causa della sua minore disponibilità, in particolare dal porto di Primorsk”.

Secondo FGE, questo aumento delle consegne in Cina dovrebbe tagliare le esportazioni da Primorsk a gennaio e febbraio e ridurre i flussi di gasdotti verso l’Europa orientale a marzo. Le spedizioni  scenderanno probabilmente di 160.000 barili al giorno, rispetto a un anno fa, mentre le forniture da Novorossiysk nel Mar Nero potrebbero rimanere sostanzialmente piatte, con qualche possibile rialzo.

Le divergenze hanno reso i prezzi del petrolio degli Urali più competitivi alla fine di dicembre, rispetto a un mese prima, secondo la FGE. Il prezzo si è attestato di 60 centesimi al barile in meno, rispetto al greggio londinese di Brent, il punto di riferimento per le vendite mondiali.

Flussi di condotte

La Cina importa la maggior parte del petrolio russo attraverso i tubi interni e le spedizioni via mare dai porti orientali di Kozmino, De-Kastri e Prigorodnoye. Un secondo canale, tra i due paesi, ha iniziato le operazioni il giorno di Capodanno, raddoppiando la capacità di importazione grezza della Cina a 30 milioni di tonnellate l’anno, o circa 600.000 barili al giorno. Le due linee corrono parallele tra Mohe al confine e Daqing nella provincia nord-orientale di Heilongjiang.

La nazione asiatica ha anche cercato di espandere le sue relazioni energetiche con la Russia. CEFC China Energy Co., un’impresa cresciuta da un piccolo commerciante locale a un gigante del commercio globale, nel mese di novembre ha venduto il suo primo carico di greggio russo dopo aver acquistato una quota di $ 9 miliardi in Rosneft Oil Co. lo scorso anno. Il colosso energetico russo fornirà alla società con sede a Shanghai fino a 60,8 milioni di tonnellate, compresi i gradi Urali, ESPO e Sokol, in cinque anni.

La Russia ha fornito 5,12 milioni di tonnellate di greggio alla Cina nel mese di novembre, mostrano dati doganali ufficiali, l’equivalente di circa 1,3 milioni di barili al giorno. Si prevede inoltre di avviare le vendite di gas naturale tramite il gasdotto Power of Siberia.

 

 

Orso russo e drago cinese in affari su petrolio e gas naturale, bollette più salate per l’Europa