Siria, usate bombe al cloro, popolazione stremata muore di fame

Views

Un attacco di gas cloro è stato effettuato su un’enclave assediata dai ribelli alla periferia della capitale siriana, Damasco.
La gente nella regione orientale della Ghouta, che è soggetta a bombardamenti giornalieri, ha riferito di un odore di gas dopo un attacco missilistico, ha appreso la BBC.
Gli operatori sanitari hanno detto che sei persone sono state curate per problemi respiratori minori.
Circa 400.000 persone sono state assediate dalle forze governative sostenute dalla Russia dal 2013.
Ci sono state numerose segnalazioni di attacchi di gas al cloro da quando è scoppiata la guerra civile in Siria, ma il governo ha sempre negato l’uso di agenti chimici.
Il 10 gennaio l’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha dichiarato che un’ondata di attacchi aerei e attacchi terrestri ha ucciso almeno 85 civili nella Ghouta orientale dal 31 dicembre.
“Nella Ghouta orientale, dove un paralizzante assedio ha causato una catastrofe umanitaria, le aree residenziali vengono colpite giorno e notte da attacchi da terra e dall’aria, costringendo i civili a nascondersi negli scantinati”, ha detto Zeid Ra’ad al-Hussein in una dichiarazione.
La regione della Ghouta orientale è strategicamente importante, poiché i ribelli sono in grado di lanciare missili nei quartieri residenziali di Damasco. Questo ha anche causato morti civili, secondo i media di stato.
Yusuf Ibrahim, un insegnante che ora vive sottoterra nella città ribelle di Harasta, appena fuori Ghouta orientale, ha descritto la situazione lì.
“Oggi non è così difficile come lo è stato ieri perché non ci sono aerei o incursioni fino ad ora, solo pesanti bombardamenti di artiglieria … come i razzi superficie-superficie, che prendono di mira gli edifici e la popolazione di Harasta”, ha detto la BBC.
“Gli abitanti della città sono tutti sottoterra, vivono nel seminterrato o nelle cantine a causa di tali pesanti bombardamenti.
“Non esistono mezzi di vita come mercati o buoni servizi”.
La scorsa settimana, gli operatori umanitari hanno dichiarato che almeno 10 ospedali in zone della Siria detenute dai ribelli hanno subito attacchi aerei diretti o di artiglieria in un periodo di 10 giorni.
Un consigliere di una coalizione di beneficenza medica ha detto alla BBC che gli attacchi sono stati i più intensi per un anno.
La carenza di cibo ha portato a molti casi di grave malnutrizione, e un rapporto delle Nazioni Unite a novembre ha detto che alcuni residenti nella Ghouta orientale sono stati ridotti a mangiare foraggio per animali e persino la spazzatura.
Si dice che molti siano morti di fame.
La Ghouta orientale è una delle numerose zone di “desertificazione” in Siria annunciate da Russia, Iran e Turchia nel 2017.
Nonostante ciò, l’area è rimasta sotto i bombardamenti. Le truppe e le milizie alleate hanno anche chiuso molte delle rotte utilizzate per contrabbandare cibo e medicine, lasciando i residenti dipendenti da consegne di aiuti irregolari.

Siria, usate bombe al cloro, popolazione stremata muore di fame

| MONDO, PRP Channel |